LEGNANO: GETTA L’ACIDO SUL VOLTO DEL SUO EX E POI SI COSTITUISCE

LEGNANO_GETTA_L_ACIDO_SUL_VOLTO_DEL_SUO_EX_E_POI_SI_COSTITUISCE.jpg

È accaduto nella tarda serata di martedì 7 maggio, intorno alle ore 22:00, in via dei Pioppi alla periferia di Legnano in provincia di Milano. Una 38enne, incensurata e senza una stabile occupazione, Sara Antonella Del Mastro, ha rovesciato un bicchiere di acido sul viso del suo ex, dopo l’ennesima ed accesa lite, proprio davanti l’ingresso del palazzo dove lui abita con la sua famiglia. La donna non riusciva ad accettare la fine della loro relazione, motivo per il quale lo aveva raggiunto per tentare una riconciliazione. Questa, sulla base dei primi accertamenti esperiti dalle forze dell’ordine, sarebbe stata la dinamica dell’aggressione. Il 30enne, che lavora presso un negozio di cibo per animali, ha riportato gravissime lesioni sul volto, nonché sul torace, all’addome e all’avambraccio sinistro, provocandogli ustioni di terzo grado e rischiando addirittura di perdere l’occhio destro. I medici stanno facendo di tutto il possibile per evitare il peggio, ma fortunatamente non sembra essere in pericolo di vita. Dopo l’aggressione in strada, l’uomo è stato prontamente soccorso dal fratello e dai suoi vicini e trasportato presso l’ospedale di Legnano e successivamente è stato trasferito presso il “Centro grandi ustionati dell’ospedale Niguarda” di Milano.

cms_12751/2.jpg

La donna invece, 8 anni più grande di lui, dapprima è fuggita, abbandonandolo in preda alle grida di dolore e successivamente ha deciso di costituirsi ai Carabinieri della locale Caserma di via Guerciotti che, pertanto, hanno proceduto al suo arresto, traducendola in carcere, con l’accusa di “lesioni aggravate e atti persecutori”, non prima di averla portata al pronto soccorso in conseguenza delle ustioni di secondo grado che ha riportato alle mani. Secondo quanto emerso nel corso delle prime indagini, pare che il 30enne lo scorso 19 aprile avesse denunciato la sua ex per “stolking”. L’ex fidanzata, infatti, da diverso tempo lo tempestava di telefonate e lo minacciava, arrivando addirittura a tagliare le gomme della sua auto. Un vicino di casa ha dichiarato: Quel ragazzo era costretto a cambiare le gomme della sua Renault Clio rossa una volta alla settimana. L’ho incontrato qualche giorno fa e lui stesso mi ha riferito che la sua ex le tagliava in continuazione. Lo avrà fatto almeno sei volte”. Pertanto i Carabinieri hanno subito proceduto a trasmettere alla Procura di Busto Arsizio (Varese) la denuncia che era al vaglio del Magistrato assegnato ai casi dei cosiddetti “soggetti deboli”. Lo stesso Vicepremier Matteo Salvini ha dichiarato: No agli sconti di pena per chi commette questi reati”. Sempre più spesso in Italia assistiamo ai gravi casi di attacchi con l’acido gettato in spregio al volto delle donne: ricordiamo i casi di Lucia Annibali e Gessica Notaro, entrambe sfregiate al volto, e non solo, dai loro ex. Questi casi dal 2013 e sino allo scorso anno si sono più che triplicati, infatti negli ultimi 4 anni in Italia, così come in Europa, si è assistito ad un aumento del 120%. Nel nostro paese, nella maggior parte dei casi, la matrice è di natura passionale. L’acido è diventato ormai un’arma terribile ed economica nelle mani degli stolker. Per arginare tale fenomeno nel più breve tempo possibile, bisognerebbe, pertanto, agire sui comportamenti iniziali dei potenziali aggressori, onde evitare di rovinare le vite umane. Occorrerebbe lavorare maggiormente sulle coscienze e, nei si particolari, sin dall’età adolescenziale, ma anche sulle pene, al momento, purtroppo, c’è ancora tanto da fare.

Anna Di Fonzo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su