LA JUVE VINCE A MOSCA E STACCA IL PASS PER GLI OTTAVI

L’ATALANTA PAREGGIA CONTRO IL MANCHESTER ED ESCE DALLA CHAMPIONS

LA_JUVE_VINCE_A_MOSCA_E_STACCA_IL_PASS_PER_GLI_OTTAVI_7_11_19.jpg

Dopo la delusione per i risultati di Inter e Napoli l’Italia calcistica si risolleva parzialmente grazie alla vittoria della Juventus e al pareggio dell’Atalanta. Resta comunque abbastanza negativo il bilancio complessivo della quarta giornata della fase a gironi di Champions League con una vittoria, due pareggi ed una sconfitta. Ma con questi risultati arrivano anche le prime sentenze: Juventus qualificata aritmeticamente agli ottavi di finale e Atalanta fuori dalla Champions League.

LOKOMOTIV MOSCA - JUVENTUS: 1-2

Allo stadio “Rzd Arena” di Mosca la Juventus supera con un po’ di sofferenza il Lokomotiv 2-1 e conquista il pass per gli ottavi di finale. Con questo risultato i bianconeri restano sempre al comando della classifica con 10 punti seguiti da Atletico Madrid (7), Leverkusen (3) e Lokomotiv (3).

LA PARTITA

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

Con il 4-4-1-1 l’allenatore del Lokomotiv Mosca, Yuri Semin, schiera: Guilherme; Ignatyev, Howedes, Corluka, Rybus; Zhemaletdinov, Krychowiak, Barinov, Joao Mario; Miranchuk; Eder.

cms_14819/2_sarri_maurizio_adnkronos.jpg

Con il 4-3-1-2, invece, il tecnico della Juventus, Maurizio Sarri manda in campo: Szczesny; Danilo, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Rabiot; Ramsey; Higuain, Ronaldo.

Parte bene la Juventus che si ritrova subito in vantaggio con Ramsey (4’) pronto ad approfittare di una grave incertezza di Guilherme. Qualche minuto dopo però la Lokomotiv pareggia con Miranchuk (12’) più lesto a ribattere a rete la sfera respinta dal palo. Ci riprova ancora Miranchuk (21’), ma la sua conclusione di testa termina oltre la traversa. I bianconeri spingono alla ricerca del gol, ma sulla conclusione di Higuain (35’) questa volta Guilherme salva il risultato. In avvio di ripresa ci prova Ronaldo (46’) direttamente su punizione, ma Guilherme para. Ancora il portiere russo in evidenza per una incredibile parata sul tiro, dal limite, di Ronaldo (58’). Reagisce la squadra di casa che sfiora il vantaggio con un tiro dalla distanza di Joao Mario (78’) a porta vuota. Bonucci, però, salva incredibilmente sulla linea di porta. La partita sembra terminare sul risultato di parità quando D. Costa (93’) trova la zampata vincente e regala la vittoria alla squadra bianconera.

ATALANTA - MANCHESTER CITY: 1-1

Allo stadio “Meazza” di Milano l’Atalanta pareggia contro il Manchester City 1-1 e conquista il primo punto storico in Champions. Un risultato che però decreta, allo stesso tempo, l’uscita dalla massima competizione europea. In classifica, infatti, troviamo il Manchester (10), la Dinamo Zagabria (5), lo Shakhtar (5) e l’Atalanta (1). Un punto che tuttavia tiene accese le speranze nerazzurre per un ripescaggio in Europa League.

LA PARTITA

Ecco gli undici iniziali delle due formazioni.

cms_14819/3_gasperini_adnkronos.jpg

Con il 3-4-1-2 il tecnico dell’Atalanta, Gian Piero Gasperini, schiera: Gollini; Toloi, Djimsiti, Palomino; Hateboer, Freuler, De Roon, Castagne; Pasalic; Gomez, Ilicic. L’allenatore del Manchester City, Pep Guardiola, invece, con il 4-1-4-1 manda in campo: Ederson; Cancelo, Otamendi, Fernandinho, Mendy; Gundogan; Mahrez, De Bruyne; B. Silva, Sterling; Jesus.

Parte determinata l’Atalanta che va vicino al gol con Hateboer (4’), ma la conclusione da buona posizione termina sull’esterno della rete. Poco dopo, però, il Manchester passa in vantaggio con Sterling (7’) che in area, da pochi passi, supera Gollini. Nonostante il vantaggio è la squadra di Guardiola a fare la gara con i padroni di casa più timorosi. Fioccano le occasioni per gli inglesi. Gollini salva il risultato sul sinistro di Mahrez (35’), mentre Jesus (43’) fallisce un calcio di rigore decretato dall’arbitro per un fallo di mano, in area, di Ilicic.

In avvio di ripresa parte meglio l’Atalanta che pareggia con un gran colpo di testa di Pasalic (49’) su perfetto assist di Gomez. La partita resta avvincente con le due squadre che cercano di vincerla. Sono i nerazzurri, tuttavia, ad andare vicini al raddoppio con Djimsiti (62’), ma il suo colpo di testa, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, sfiora soltanto il palo alla destra del portiere. La gara sembra accendersi nel finale. Il portiere del Manchester, Bravo (80’), subentrato a Ederson ad inizio ripresa, viene espulso per un fallo commesso fuori area, ma gli ospiti reggono bene e difendono il risultato fino alla fine.

(Foto da adnkronos.com - si ringrazia)

Rino Lorusso

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su