LA FIERA DEL LEVANTE 2019 TUTELA L’AMBIENTE

HASTAG #nonabbiamounpianetaB

LA_FIERA_DEL_LEVANTE_2019_TUTELA_L_AMBIENTE.jpg

Fiera del Levante 2019: La conferenza stampa nel nuovo Centro Congressi, viene battezzata dall’hastag #nonabbiamounpianietaB.

Non si può omettere una tale emergenza: la tutela dell’ambiente deve essere prioritaria. Ecco perché Alessandro Ambrosi, presidente della Nuova Fiera del Levante, ha voluto la partecipazione alla tradizionale conferenza, di una delegazione di giovani di “Fridays for Future”. E non a caso, su tale tematica si incentrano i Fuori Salone della Fiera.

La Fiera del Levante edizione n.83 non è solo tra le mura dell’architettura voluta da Mussolini, ma verrà vissuta in città.

cms_14163/2.jpg

“Per la prima volta – spiega Ambrosi – parleremo di Fuorisalone. Tutti i quartieri di Bari verranno coinvolti con eventi dedicati all’economia circolare, all’arte e alla discussione continua. Venerdì sera alle ore 19, nella sala “San Nicola” della Camera di Commercio di Bari verrà inaugurata la collettiva dal titolo ‘Terra al cubo’, proprio per affrontare il tema della sostenibilità ambientale, economica e sociale e del futuro del Pianeta. E’ un tema che non può restare solo sul piano intellettuale del dibattito, ma deve entrare concretamente nella nostra vita, al fine di orientare le azioni di tutti, indistintamente, in modo sostenibile. Da qui la necessità di coinvolgere l’intera città oltre lo spazio fieristico. Si tratta di una vera e propria chiamata alle arti, in collaborazione con l’assessora al Welfare, Francesca Bottalico, la rete Bari Social Book e moltissime realtà del capoluogo di regione”.

cms_14163/Ambrosi.jpg“Ma la Campionaria – tiene a precisare Ambrosi – non è una fiera come le altre. Non è soltanto una fiera. E’ un’aggregazione di comunità dove si incontrano pubblico e privato, giovani, anziani, Università, Politecnico, scuole. E’ diventato, e ne sono orgoglioso, un polo di aggregazione del Sud. Per la prima volta quest’anno avremo in dotazione un defibrillatore che l’Associazione ‘Amici del Cuore’ ci ha donato. Li ringraziamo perché hanno insegnato ai nostri dipendenti come usarlo. Un’altra novità è Radio Fiera, un vero e proprio canale indipendente che informerà su tutto ciò che avviene durante la Campionaria”.

Di solito, ci si chiede “ma quest’anno che Fiera sarà?”, quali saranno le novità? Cosa ci si aspetta dalla Fiera del Levante 2019? “Ci si aspetta – spiega Ambrosi – che l’economia del territorio si evolva grazie alla Campionaria. Ecco perché quest’anno ci sarà anche la prima edizione di una sorta di minifiera delle start-up”.

Non solo imprese, non solo ambiente e non solo giovani. Ma tanto tanto sport. Grazie al Comune di Bari, saranno presenti ben 30 federazioni sportive, tra cui la “Bari Calcio”.

Infine, nell’intervento di Ambrosi c’è la comunicazione. La comunicazione quest’anno sarà all’insegna dei pittogrammi. Ogni pittogramma rappresenta una tematica del territorio.

cms_14163/The_future_is_here.jpg

Lo slogan dell’edizione 83 è “The future is here”: il futuro è qui. Ed è proprio da qui, hic et nunc, a Bari in Fiera del Levante, che c’è la dimostrazione “di una incredibile - conclude Ambrosi - sinergia tra pubblico e privato”.

“ Da decenni - legge Marco Modugno a nome di una delegazione di Fridays for Future - la Fiera del Levante è uno degli appuntamenti più importanti per la nostra città, la Fiera è crocevia di idee, merci, culture e proposte di cui i baresi, e non solo, fanno grande tesoro. In questo momento ci riteniamo ancora più parte della nostra Fiera perché per la prima volta partecipiamo attivamente a questo scambio di idee e di proposte, e ringraziamo chi ci ha dato questa possiblitàː Annamaria Ferretti e Alessandro Ambrosi, Presidente di Nuova Fiera del Levante.

cms_14163/Fridays_For_Future.jpg

Parliamo a nome del Fridays For Future, il movimento nato circa un anno fa su iniziativa di una coraggiosa ragazza della nostra età, Greta Thunberg.

I momenti di crisi sono spesso i più opportuni per mettere in discussione il proprio operato e ristabilire le proprie priorità. E siamo davanti non solo ad una crisi economica, politica e sociale, ma davanti ad una crisi ambientale, una crisi di sostenibilità. Non c’è bisogno di andare troppo lontano per individuare emergenze ambientali di portata storicaː in Puglia non ci facciamo mancare nienteː l’inarrestabile morìa degli ulivi, nostra storia e nostra ricchezza, dovuta al batterio Xylella fastidiosa; la distruzione dei raccolti a causa delle violente grandinate primaverili di quest’anno; la presenza sempre più invadente di micro e macroplastiche nei nostri mari apprezzati in tutto il mondo, i danni ambientali e umani dell’inquinamento dell’ILVA; l’agricoltura insostenibile che fonda il suo profitto sullo sfruttamento umano; la Riserva naturale delle saline di Margherita di Savoia svenduta ad una multinazionale estera, invece che protetta come un tesoro.

Sostenibilità significa proprio usare una risorsa mantenendone la disponibilità per le generazioni successive.

cms_14163/0000.jpg

Noi chiediamo più attenzione, da parte di tutte le forze politiche, non per un mero capriccio ambientalista, ma per una esigenza diffusa di cambiare rotta, chiediamo di tornare a conoscere ed amare la Natura piuttosto continuare a sfruttarla nell’ottica di ottenere sempre di più. Chiediamo una maggiore protezione delle foreste, un intervento deciso nella protezione e nella salvaguardia dei mari, nell’istituzione di nuove aree protette e nella cura di quelle già istituite, nella gestione dei rifiuti, nei divieti ai pesticidi più pericolosi per persone e animali, chiediamo ancora maggiori incentivi all’uso delle energie rinnovabili. Non chiediamo tutto questo per un interesse personale, ma anche per una esigenza economica, lo chiediamo per il nostro futuro, per il presente di tutti; chiediamo che chi siede nei palazzi del governo custodisca il patrimonio naturale, agricolo, rurale, urbano e sociale, che tutto il mondo ci invidia, chiediamo che sappiate mostrare quali sono le vere priorità del momento alle masse che vi seguono e vi ascoltano. L’industria e la produttività non hanno l’obbligo di lavorare solo nell’ottica della speculazione, dello sfruttamento e dell’iperconsumo, ma si può far progredire nel nostro Paese, come in tutto il mondo, un’ottica di cooperazione, per la tutela ed il rispetto del diritto alla salute, la protezione dell’ambiente e per il raggiungimento del benessere sociale ed economico. Chiediamo che la classe politica e dirigente italiana sappia far valere le medesime istanze anche nelle sedi internazionali, nell’Europa della cooperazione che noi giovani abbiamo imparato a sognare.

Crediamo ancora di vivere in un Paese in cui il popolo è sovrano, ed esso è principale protagonista della politica nazionale.

Non è uno sforzo che vi chiediamo,né di avere ragione, né di farci un favore, semplicemente vi chiediamo nuove priorità. È una nostra richiesta, e siamo pronti ad agire insieme a voi in qualunque senso pur di raggiungere questi obiettivi; è una richiesta dei giovani, è una richiesta del popolo.

Come dice un proverbio, non avete ereditato la terra dai vostri padri, ma l’avete presa in prestito dai vostri figli”.

cms_14163/De_Caro.jpgInterviene Antonio Decaro, sindaco di Bari: “Qualche anno fa abbiamo temuto di dover rinunciare alla tradizionale Fiera del Levante. Ma grazie all’impegno e alla sinergia tra Camera di Commercio, Fiera di Bologna e alle istituzioni pugliesi ed emiliane siamo riusciti a salvare la Fiera del Levante partendo dalle nostre tradizioni. La Fiera è un appuntamento fortemente radicato nella storia della nostra città e della nostra regione, capace di coniugare una visione di futuro, come dimostra la presenza di un grande spazio dedicato agli startupper e alle giovani imprese, un fenomeno che in qualche modo è stato anticipato, proprio in questi luoghi, qualche anno fa, con la nascita di the Hub e la pratica del coworking, indicando a tutti noi una strada, quella della condivisione delle competenze e delle esperienze capace di creare valore. Il Comune di Bari sarà presente in Fiera con il proprio padiglione dedicato quest’anno alla mobilità sostenibile e alla sicurezza stradale. Il tema dell’ambiente sta a cuore alla mia Giunta e a breve approverò la dichiarazione della emergenza climatica dei giovani ‘Fridays for Future’ dapprima nei Municipi e poi nell’aula consiliare. Bari è l’unica città italiana che da’ soldi alle persone che vanno a lavoro in bicicletta, ossia siamo per la mobilità sostenibile. L’impegno della Giunta è anche la promozione della raccolta differenziata. Ma la Fiera del Levante – aggiunge Decaro – è sempre vissuta come una festa. C’è un susseguirsi di ministri, eventi, spettacoli. E a proposito di spettacoli, voglio ringraziare Toti e Tata, per avermi coinvolto nella serata finale, una vera sorpresa ma non vi svelerò nulla!”.

cms_14163/Emiliano.jpgIl presidente della Regione, Michele Emiliano: “Voglio ringraziare chi si è attivato per la tutela del pianeta. La battaglia per la tutela dell’ambiente, è pericolosa, perché ti isola, ti fa sentire solo. C’è chi borbotta ancora per la bonifica totale della città di Bari, ma faremo l’impossibile per trovare il denaro per completare il parco della Fibronit. Qualcuno mi voleva espellere – continua Emiliano – dal mio partito per le trivelle, e la tap, ma la battaglia non è finita. Anche se la battaglia è pericolosa. Faranno il diavolo a quattro per bloccare la Puglia. Non dobbiamo dimenticare che proprio la Puglia ha redatto il parere sul clima nel Comitato delle Regioni presso l’Unione Europea. Siamo talmente stimati che ci hanno affidato la redazione del parere sul clima. L’UE è assieme alla Puglia per la tutela dell’ambiente. Se dovessimo fare i conti, è più costoso risparmiare che investire. Decarbonizzare vuole dire meno pazienti in ospedale. Siamo una delle poche regioni che sa dove deve andare, grazie al rispetto delle regole, ragioniamo e spieghiamo anche ai cinici capitalisti che è importante rispettare le regole”.

Emiliano elogia anche il presidente albanese, che legge le notizie dalla Puglia come se fossero quelle della sua nazione. “Ilir Meta è uno – precisa Emiliano – degli uomini poilitici più straordinari che io abbia mai conosciiuto. La Vlora, ha legato un legame indissolubile tra Puglia e Albania, che durerà sempre. E Meta nei prossimi giorni sarà qui in Fiera. La Campionaria si occupa di tutto ed è la più grande agorà pubblica. E siccome qui si parla di futuro, annuncio anche che la Regione Puglia sta per scrivere il suo Piano Strategico, cioè tutto quello che faremo nei prossimi trent’anni. I due ministri Boccia e Provenzano avranno il compito di predisporre il piano strategico. Sono inoltre contento della conferma della presenza del Presidente del Consiglio Conte, che inaugurerà sabato 14 l’83esima Campionaria, e alla luce del nuovo Governo costruirà la sua visione del futuro del Paese a cui la Puglia vuole partecipare. Tutti possono partecipare alla visione condivisa di una Italia migliore. Tutti possono dire la propria idea e tornarsene a casa con il verbale della propria proposta”.

“Ed infine – conclude Emiliano – voglio ringraziare Sandro che ha fatto tutto da solo, e noi non siamo mai stati costretti ad intervenire per far rinascere la nuova Fiera del Levante”.

Anche il Presidente Emiliano ha parlato con i giovani dei “Fridays for Future” invitandoli ad essere parte integrante del processo partecipativo su cui la Regione Puglia lavorerà nei prossimi giorni.

Myriam Di Gemma

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su