L’industria chimica in Europa

Ha perso 20 miliardi tra il 2008 ed il 2016

Industria_chimica_in_Europa.jpg

L’Eurostat riporta i dati relativi al valore della produzione nell’industria chimica. I dati, relativi al 2006, possono essere analizzati in forma di ranking. Al primo posto per valore della produzione dell’industria chimica in Europa c’è la Germania con un valore pari a 129.563,10 milioni di euro, seguita dalla Francia con un valore pari a 63.141,0 milioni di euro e dall’Italia con un valore pari a 49.289,10 milioni di euro. A metà classifica sono presenti la Norvegia con un valore pari a 5.268 milioni di euro, la Repubblica Ceca con un valore pari a 5.145,0 milioni di euro e l’Ungheria con un valore pari a 4.895,4 milioni di euro. Chiudono la classifica l’Islanda con un valore par a 70,0 milioni di euro, Cipro con un valore pari a 62,0 milioni di euro e Malta con un valore pari a 33,4 milioni di euro.

cms_14323/2.jpg

Di seguito si prendono in considerazione i dati relativi all’industria chimica in Germania, in Francia ed in Italia.

Germania. Il valore della produzione dell’industria chimica in Germania è cresciuto tra il 2008 ed il 2016. Nel 2008 il valore della produzione dell’industria chimica in Germania è stato pari ad un valore di 119.983,4 milioni di euro ed è diminuito nel 2009 di un ammontare pari a 16.953,40 milioni di euro ovvero di un valore pari a 13,14%. Nel passaggio tra il 2009 ed il 2010 il valore della produzione dell’industria chimica in Germania è cresciuto da un valore pari a 103.030,00 milioni di euro fino ad un valore pari a 122.430,4 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 19.400,4 milioni di euro pari ad una variazione di 18,83%. Nel passaggio tra il 2010 ed il 2011 il valore della produzione dell’industria chimica in Germania è aumentato da un valore pari a 122.430,4 milioni di euro fino ad un valore pari a 133.421,0 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 10.990,60 milioni di euro pari ad un valore di 8,98%. Nel passaggio tra il 2011 ed il 2012 il valore della produzione dell’industria chimica in Germania è diminuito da un valore pari a 133.421,0 milioni di euro fino ad un valore pari a 130.076,0 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 3.345,00 milioni di euro pari ad una riduzione di 2,51%. Nel passaggio tra il 2012 ed il 2013 il valore della produzione dell’industria chimica in Germania è cresciuto da un valore pari a 130.076,0 milioni di euro fino ad un valore pari a 133.135,60 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di -3.345 milioni di euro pari ad una riduzione di 2,51%. Nel passaggio tra il 2013 ed il 2014 il valore della produzione dell’industria chimica in Germania è diminuito da un valore pari a 133.135,60 milioni di euro fino ad un valore pari a 132.818,3 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 317,3 milioni di euro pari ad una variazione di -0,24%. Nel passaggio tra il 2014 ed il 2015 il valore della produzione nell’industria chimica è cresciuto da un valore pari a 132.818,3 milioni di euro fino ad un valore pari a 134.215,2 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 1.396,6 milioni di euro pari ad una crescita di 1,05%. Nel passaggio tra il 2015 ed il 2016 il valore della produzione nell’industria chimica è diminuito da un valore pari a 134.215,20 milioni di euro fino ad valore di 129.563,10 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 4.652,10 milioni di euro pari ad una riduzione di 3,47%. Nel complesso nel periodo considerato il valore della produzione nell’industria chimica è cresciuto di un valore pari a 9.579,70 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 7,98%.

cms_14323/3.jpg

Francia. Il valore della produzione nell’industria chimica in Francia è diminuito nel periodo tra il 2008 ed il 2016. Nel 2008 il valore della produzione dell’industria chimica in Francia è stato pari ad un valore di 70.318,7 milioni di euro ed è diminuito fino ad un valore di 57.460,20 milioni di euro nel 2009 ovvero una variazione pari ad un ammontare di 12.858,50 milioni di euro pari ad una variazione di -18,29%. Nel passaggio tra il 2009 ed il 2010 il valore della produzione dell’industria chimica in Francia è cresciuto da un valore pari a 57.460,20 milioni di euro fino ad un valore pari a 65.337,30 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 7.877,10 milioni di euro pari ad una crescita di 13,71%. Nel passaggio tra il 2010 ed il 2011 il valore della produzione dell’industria chimica è cresciuto da un valore pari a 65.337,30 milioni di euro fino ad un valore pari a 72.067,40 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 6.730,1 milioni di euro pari ad una crescita di 10,30%-Nel passaggio tra il 2011 ed il 2012 il valore della produzione nell’industria chimica è diminuito da un valore pari a 72.067,4 milioni di euro fino ad un valore pari a 70.725,7 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 1.314,7 milioni di euro pari ad una variazione di -1,86%. Nel passaggio tra il 2012 ed il 2013 il valore della produzione dell’industria chimica in Francia è diminuito da un valore paria 70.725,7 milioni di euro fino ad un valore pari a 68.652,7 milioni di euro ovvero una variazione pari a -2.073,0 milioni di euro pari ad una variazione di -2,93%. Nel passaggio tra il 2013 ed il 2014 il valore della produzione dell’industria chimica in Francia è aumentato da un valore pari a 68.625,7 milioni di euro fino ad un valore pari 69.441,40 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 788,70 milioni di euro pari ad una crescita di 1,15%. Nel passaggio tra il 2014 ed il 2015 il valore della produzione dell’industria chimica in Francia è diminuito da un valore pari a 69.441,40 milioni di euro fino ad un valore pari a 63.434,50 milioni di euro ovvero di un valore pari a -6.006,90 milioni di euro pari ad una variazione di 8,65%. Nel passaggio tra il 2015 ed il 2016 il valore della produzione dell’industria chimica in Francia è diminuito da un valore pari a 63.434,50 milioni di euro fino ad un valore pari a 63.141,00 milioni di euro ovvero di un valore pari a 293,50 milioni di euro pari ad una riduzione di 0,46%. Nel passaggio tra il 2008 ed il 2016 il valore dell’industria chimica in Francia è diminuito di un valore pari a 7.177,70 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 10,21%.

cms_14323/4.jpg

Italia. Il valore della produzione dell’industria chimica in Italia è diminuito nel periodo tra il 2008 ed il 2016. Nel 2008 il valore della produzione dell’industria chimica in Italia è stato pari ad un valore di 51.612,20 milioni di euro ed è diminuito di un valore pari a 12.825,10 milioni di euro ovvero di un valore pari a 24,84%. Nel passaggio tra il 2009 ed il 2010 il valore della produzione dell’industria chimica è cresciuto da un ammontare pari a 38.796,10 milioni di euro fino ad un valore pari a 47.052,80 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 8.256,70 milioni di euro pari ad una crescita di 21,28%. Nel passaggio tra il 2010 ed il 2011 il valore della produzione dell’industria chimica italiana è cresciuto da un valore pari a 47.052,80 milioni di euro fino ad un valore pari a 50.094,40 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 3.041,60 milioni di euro pari ad una variazione di 6,46%. Nel passaggio tra il 2011 ed il 2012 il valore della produzione dell’industria chimica italiana è cresciuto da un valore pari a 50.094,40 milioni di euro fino ad un valore pari a 51.043,4 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 949 milioni di euro pari ad una variazione di 1,89%. Nel passaggio tra il 2012 ed il 2013 il valore della produzione dell’industria chimica italiana è diminuito da un valore pari a 51.043,40 milioni di euro fino ad un valore pari a 50.623,40 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 420,00 milioni di euro pari a -0,82%. Nel passaggio tra il 2013 ed il 2014 il valore della produzione dell’industria chimica italiana è diminuito da un valore di 50.623,40 milioni di euro fino ad un valore pari a 49.401,40 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 1.222,0 milioni di euro pari ad una variazione di -2,41%.

cms_14323/5.jpg

Nel passaggio tra il 2014 ed il 2015 il valore della produzione dell’industria chimica italiana è cresciuto da un valore pari a 49.401,40 milioni di euro fino ad un valore pari a 49.753,60 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 352,20 milioni di euro pari ad una variazione di 0,71%. Nel passaggio tra il 2015 ed il 2016 il valore della produzione dell’industria chimica è diminuito da un valore pari a 49.753,60 milioni di euro fino ad un valore pari a 49.289,10 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di -464,5 milioni di euro pari ad una variazione di 0,93%. Nel passaggio tra il 2008 ed il 2016 il valore della produzione dell’industria chimica italiana è diminuito di un valore pari a 2.332,10 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di -4,52%.

cms_14323/6.jpg

Conclusioni. Il valore della produzione nell’industria chimica in Europa è diminuito nel periodo tra il 2008 ed il 2016. Il valore non è diminuito non per tutte le nazioni ma soltanto per alcune. In modo particolare il valore è aumentato per la Germania con un valore pari a 9.579,7 milioni di euro, per l’Austria con un valore pari a 5.703 milioni di euro e per la Polonia con un valore pari a 2.130,3 milioni di euro. Tuttavia vi sono dei pasi che hanno perso molto in termini di valore della produzione come per esempio il Regno Unito con -23.891,4 milioni di euro, la Francia con un valore pari a -7.177,7 milioni di euro e l’Italia con un valore pari a 2.332,1 milioni di euro. Le perdite nel settore chimico sono generate dal mercato internazionale.

cms_14323/7.jpg

Tuttavia è necessario che se sotto il punto di vista ambientale la riduzione del valore della produzione dell’industria chimica è un elemento positivo, certamente sotto il punto di vista economico si tratta di una perdita significativa. L’analisi del sistema industriale mostra sempre di più una Europa che disinveste dai settori tecnologicamente avanzati e ad alto valore aggiunto per investire invece nei settori tradizionali e nel settore dei servizi. Un arretramento dell’economia europea che certamente grava sulla capacità competitiva dell’Europa.

Angelo Leogrande

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su