L’industria cartaria in Europa

Ha incrementato il valore prodotto di 5 miliardi di euro tra il 2008 ed il 2016

L_industria_cartaria_in_Europa.jpg

L’Eurostat calcola il valore dell’industria cartaria in Europa. I dati con riferimento al 2016 possono essere analizzati in forma di ranking. La Germania è al primo posto per valore della produzione dell’industria cartaria con un valore pari a 37,8 miliardi di euro, seguita dall’Italia con un valore pari a 22,3 miliardi di euro, e la Francia con un valore pari a 16,8 miliardi di euro. L’Eurostat calcola il valore dell’industria cartaria in Europa. I dati con riferimento al 2016 possono essere analizzati in forma di ranking. La Germania è al primo posto per valore della produzione dell’industria cartaria con un valore pari a 37,8 miliardi di euro, seguita dall’Italia con un valore pari a 22,3 miliardi di euro, e la Francia con un valore pari a 16,8 miliardi di euro. A metà classifica vi sono l’Ungheria con un valore pari a 1,5 miliardi di euro, la Norvegia con un valore pari a 1,3 miliardi euro, e la Danimarca con un valore pari a 1,2 miliardi di euro. Chiudono la classifica Cipro con un valore pari a 53,6 milioni di euro, la Macedonia con un valore pari a 42,1 milioni di euro e l’Islanda con un valore pari a 9,6 milioni di euro.

cms_14096/2.jpg

Di seguito si prendono in considerazione i dati relativi all’industria cartaria della Germania, dell’Italia e della Francia.

cms_14096/3.jpg

Germania. Il valore della produzione dell’industria cartaria in Germania è cresciuto nel periodo tra il 2008 ed il 2016. Nel 2008 il valore della produzione dell’industria cartaria in Germania è stato pari ad un valore di 36.924,10 milioni di euro. Nel passaggio tra il 2008 ed il 2009 il valore della produzione dell’industria cartaria in Germania è diminuito da un valore pari a 36.924,10 milioni di euro fino ad un valore pari a 32.448,60 milioni di euro ovvero una riduzione pari a 4.475,50 milioni di euro equivalente ad una riduzione del 12,12%. Nel passaggio tra il 2009 ed il 2010 il valore della produzione dell’industria cartaria in Germania è cresciuto da un valore pari a 32.448,60 milioni di euro fino ad un valore pari a 36.832,80 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 4.384,20 milioni di euro pari ad una variazione di 13,51%. Nel passaggio tra il 2010 ed il 2011 il valore della produzione dell’industria cartaria in Germania è cresciuto da un valore pari a 39.144,70 milioni di euro fino ad un valore pari a 37.704,10 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 2.311,90 milioni di euro pari ad un valore di 6,28%.Nel passaggio tra il 2011 ed il 2012 il valore della produzione dell’industria cartaria in Germania è diminuito da un valore pari a 39.144,70 milioni di euro fino ad un valore pari a 37.704,10 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di -1.440,60 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 3,68%. Nel passaggio tra il 2012 ed il 2013 il valore della produzione dell’industria cartaria è diminuito da un valore pari a 37.704,10 milioni di euro fino ad un valore pari a 37.258,90 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 445,20 milioni di euro pari ad una riduzione di -1,18%. Nel passaggio tra il 2013 ed il 2014 il valore della produzione dell’industria cartaria è diminuito da un valore pari a 37.258,90 milioni di euro fino ad un valore pari a 37.043,80 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di -215,10 milioni di euro pari ad una riduzione di -0,58%. Nel passaggio tra il 2014 ed il 2015 il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto da un valore pari a 37.043,80 milioni di euro fino ad un valore pari a 37.455,00 milioni di euro pari ad una riduzione di 411,20 milioni di euro pari ad un valore di 1,11%. Nel passaggio tra il 2015 ed il 2016 il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto da un valore pari a 37.455,00 milioni di euro fino ad un valore pari a 37.857,70 milioni di euro pari ad una crescita di 402,70 milioni di euro pari ad un valore di 1,08%. Nel passaggio tra il 2008 ed il 2016 il valore della produzione dell’industria cartaria in Germania è cresciuto di un valore pari a 933,60 milioni di euro ovvero di un valore pari a 2,53%.

cms_14096/4.jpg

Italia. Il valore della produzione dell’industria cartaria italiana è cresciuta nel periodo tra il 2008 ed il 2016. Nel 2008 il valore della produzione dell’industria cartaria italiana è stato pari ad un valore di 21.149,20 milioni di euro, ed è diminuito fino ad un valore di 18.126,00 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 3.023,20 milioni di euro pari ad una riduzione di 14,29%. Nel passaggio tra il 2009 ed il 2010 il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto da un ammontare pari a 18.126,00 milioni di euro fino ad un valore pari a 20.264,90 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 2.138.90 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 11,80%. Nel passaggio tra il 2010 ed il 2011 il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto da un valore pari a 20.264,90 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 22.198,20 milioni di euro pari ad una crescita di 1.933,30 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 9,54%. Nel passaggio tra il 2011 ed il 2012 il valore della produzione dell’industria cartaria è diminuito da un valore pari 22.198,20 milioni di euro fino ad un valore pari a 20.978,00 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 1.220,20 milioni di euro pari ad una riduzione di 5,50%. Nel passaggio tra il 2012 ed il 2013 il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto da un valore pari a 20.978,00 milioni di euro fino ad un valore pari a 20.992,00 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 14 milioni di euro pari ad un valore dello 0,07%. Nel passaggio tra il 2013 ed il 2014 il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto da un valore pari a 20.992,00 milioni di euro fino ad un valore pari a 21.684,00 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 692,40 milioni di euro pari ad una crescita di 3,30%. Nel passaggio tra il 2014 ed il 2015 il valore della produzione dell’industria cartaria in Italia è cresciuto da un valore pari a 21.684,40 milioni di euro fino ad un valore pari a 22.361,20 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 676,80 milioni di euro pari ad una crescita del 3,12%. Nel passaggio tra il 2015 ed il 2016 il valore della produzione dell’industria cartaria è diminuito da un valore pari a 22.361,20 milioni di euro fino ad un valore pari a 22.328,50 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 32,70 milioni di euro pari ad una riduzione dello 0,15%. Nel passaggio tra il 2008 ed il 2016 il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto di un valore pari a 1.179,30 milioni di euro pari ad un valore pari a 5,58%.

cms_14096/5.jpg

Francia. Il valore della produzione dell’industria cartaria in Francia è diminuito nel periodo tra il 2008 ed il 2016. Nel 2008 il valore della produzione dell’industria cartaria in Francia è stato pari ad un valore di 18.399,50 milioni di euro. Nel passaggio tra il 2008 ed il 2009 il valore della produzione dell’industria cartaria in Francia è diminuito da un valore pari a 18.399,50 milioni di euro fino ad un valore pari a 15.299,50 milioni di euro ovvero una variazione pari ad un valore di -3.100,00 milioni di euro pari ad una riduzione di 16,85%. Nel passaggio tra il 2009 ed il 2010 il valore della produzione dell’industria cartaria in Francia è cresciuto da un valore pari a 15.299,50 milioni di euro fino ad un valore pari a 16.811,00 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 1.511,50 milioni di euro pari ad una variazione di 9,88%. Nel passaggio tra il 2010 ed il 2011 il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto da un valore pari a 16.811,00 milioni di euro fino ad un valore pari a 17.144,50 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 333,50 milioni di euro pari ad una variazione di 1,98%. Nel passaggio tra il 2011 ed il 2012 il valore della produzione dell’industria cartaria in Francia è diminuito da un valore pari a 17.144,50 milioni di euro fino ad una variazione di 16.756,40 milioni di euro pari ad una riduzione di 388,10 milioni di euro pari ad una riduzione di 2,26%. Nel passaggio tra il 2012 ed il 2013 il valore della produzione dell’industria cartaria è diminuito da un valore pari a 16.756,40 milioni di euro fino ad un valore pari a 16.578,30 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 178,10 milioni di euro pari ad una riduzione di 1,06%. Nel passaggio tra il 2013 ed il 2014 il valore della produzione dell’industria cartaria in Francia è cresciuto da un valore pari a 16.578,30 milioni di euro fino ad un valore pari a 16.756,00 milioni di euro ovvero pari ad una crescita di 177,70 milioni di euro pari ad una crescita di 1,07%. Nel passaggio tra il 2014 ed il 2015 il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto da un valore pari a 16.756,00 milioni di euro fino ad un valore di 17.147,20 milioni di euro ovvero pari ad una variazione di 391,20 milioni di euro pari ad una crescita di 2,33%. Nel passaggio tra il 2015 ed il 2016 il valore della produzione dell’industria cartaria è diminuito da un valore pari a 17.147,20 milioni di euro fino ad un valore pari a 16.835,50 milioni di euro ovvero pari ad una riduzione di 311,70 milioni di euro pari ad una riduzione dell’1,82%. Nel passaggio tra il 2008 ed il 2016 il valore della produzione dell’industria cartaria è diminuito di un valore pari a 1.564,00 milioni di euro pari ad una riduzione dell’8,50%.

cms_14096/6.jpg

Conclusioni. Complessivamente il valore della produzione dell’industria cartaria è cresciuto in Europa nel periodo tra il 2008 ed il 2016. Nel periodo tra considerato il valore dell’industria cartaria è cresciuto di circa 5 miliardi di euro. Nel mercato tuttavia vi sono anche dei losers tra i quali la Francia che ha perso circa 1,5 miliardi di euro, il Belgio che ha perso 1,2 miliardi di euro e la Finlandia che ha perso circa 981 milioni di euro.

cms_14096/7.jpg

La crescita dell’industria cartaria è un fenomeno che rientra in un contesto di regressione dell’economia europea che vede sempre di più ridurre il ruolo dell’innovazione, della tecnologia e dell’industria manifatturiera, in favore di tipologie di imprese operanti in settori tradizionalistici, come per esempio l’industria cartaria. Non che l’industria cartaria, ovviamente, non possa essere attraversata da un processo di cambiamento e di innovazione del tipo industria 4.0, ma comunque rappresenta un tipo di settore che potrebbe aver avuto maggiore significato durante le forme primigenie di capitalismo.

Angelo Leogrande

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su