L’economia del coronavirus (38^ analisi)

Il tasso di crescita è pari a 0,51%

1588712010Copertina.jpg

I dati relativi alla diffusione del Coronavirus sono rappresentati di seguito con una analisi di quelle che sono anche le caratteristiche economico-finanziarie del fenomeno. I numeri relativi ai casi, ai morti ed ai guariti sono certi in quanto derivano dalle rilevazioni che vengono predisposte dalla Protezione Civile. I dati relativi alla dimensione economico-finanziaria del fenomeno sono calcolati come delle stime sulla base di quello che è il valore della vita umana, ovvero lo Human Life Cost-HLC[1]. In modo particolare il valore della vita umana, anche indicato come Life Value varia in base ad un insieme di variabili, ed in senso ampio, per quanto riguarda il mondo occidentale a reddito medio-alto, è stato stimato in un range che va dai 4 milioni di dollari in Nuova Zelanda, fino ai 9 milioni di dollari in USA. Sulla base anche delle indicazioni relative all’attribuzione di valore della vita umana che sono contenute nel libro di Felix Martin intitolato “Denaro” [2], il valore della vita umana in Italia è stato approssimato a circa 5.000.000,00 di euro. Pertanto, ciascun individuo che è risultato portatore della patologia viene ad essere potenzialmente liquidato con un ammontare di 5.000.000,00 di euro. Chiaramente il valore è una misura del danno che si manifesta in caso di eventi gravi ed altamente imprevedibili, come sono appunto le crisi e le pandemie.

cms_17358/Foto_1.jpg

Data 05/05/2020. Il risultato è tale da manifestare che in data 05/05/2020 è stato perso un valore cumulato pari a 1 trilione di euro, ovvero pari al 55% del PIL, equivalente ad un valore pro-capite di 16.427,73 euro. Complessivamente, il valore che è stato perduto corrisponde ad un detrimento del reddito per circa 33 milioni di italiani. Il tasso di crescita dei contagi da coronavirus è diminuito nelle ultime 24 ore da 0,58% fino ad un valore pari a 0,51%. Il numero dei casi è passato da un ammontare di 211.938 unità fino ad un valore pari a 213.013 unità, con una crescita pari a 1.075 unità. Il numero dei decessi è pari a 29.315 unità, con una crescita in valore assoluto di 236 unità ed un tasso di mortalità pari al 13,76%. Il numero dei guariti è cresciuto a 85.231. Il tasso di guarigione, calcolato come il valore percentuale dei guariti sul valore totale dei casi, è pari al 40,01%. Il valore totale dei casi attivi al netto dei deceduti e dei guariti è pari ad un valore di 98.467 unità, in diminuzione nelle ultime 24 ore di 1.513 unità e di un ammontare pari a -1,51%. Si è registrata una riduzione nel numero netto dei casi (ovvero i casi meno i deceduti e meno i guariti). Il miglioramento della situazione generale, che si riflette positivamente sul valore dei contagi netti, è certamente da attribuire a delle innovazioni di conoscenza e professionalità applicate nella fase della cura; infatti, il numero dei guariti è cresciuto notevolmente. Allo stato attuale una persona che contrae il coronavirus ha il 13,76% di probabilità di decesso e il 40,012% di probabilità di guarigione. Un valore che è certamente migliorato rispetto alle settimane scorse. Il sistema sanitario ha quindi introdotto una certa efficienza aumentando la speranza di guarigione della popolazione dei pazienti.

L’andamento delle variabili tra il 03-05-2020 ed il 04-05-2020. L’andamento delle variabili nelle ultime 24 mostra i valori seguenti:

  • Ricoverati con sintomi -553 casi, -3,3%;
  • Terapia intensiva -52 casi, -3,5%;
  • Totale ospedalizzati: -605, -3,3%;
  • Isolamento domiciliare: -908 casi; -1,1%;
  • Totale positivi: -1.513, -1,5%;
  • Variazione totale positivi: -1.314 casi; -860,30%;
  • Nuovi positivi: -146, -12,00%;
  • Dimessi guariti: 2352; +2,8%;
  • Deceduti: +236; +0,8%;
  • Totale casi: +1.075; 0,5%;
  • Tamponi: 55.263 casi; +2,5%.

Pertanto, dall’analisi risulta un andamento positivo delle variabili associate ad una compressione del fenomeno. Rimangono ancora due variabili da abbattere, ovvero il numero dei decessi ed il numero dei casi totali.

cms_17358/Foto_2.jpg

Andamento delle variabili tra il 04/05/2020 ed il 05/05/2020. Fonte: Protezione Civile. Paese: Italia

La capacità di guarigione e cura delle regioni italiane. I sistemi sanitari regionali sono messi sotto pressione. Tuttavia, essi sono chiamati ad esercitare l’attività di guarigione e cura della popolazione dei pazienti. La classifica delle regioni per tasso di guarigione è riportata di seguito.

cms_17358/Foto_3.jpg

Classifica delle regioni per tasso di guarigione lordo, con indicazione anche del tasso di guarigione netto. Fonte: Protezione Civile

Il tasso di guarigione lordo è costituito dal raporto tra il numero dei guariti ed il numero dei casi totali moltiplicato per 100, ovvero: Guariti/CasiTotali*100. Esprime la probabilità di un paziente di essere guarito al lordo del tasso di mortalità. Il tasso di mortalità è dato da Mortalità/CasiTotali*100 Il tasso di mortalità netto è costituito dalla differenza tra il tasso di guarigione lordo ed il tasso di mortalità:

cms_17358/Foto_4.jpg

Al primo posto per tasso di guarigione compare l’Umbria con un valore pari a 82,43% e un tasso di guarigione netta pari a 77,43%. Al secondo posto vi è la Valle d’Aosta con un tasso di guarigione lorda pari 78,22% ed un tasso di guarigione netta pari a 66,05%. Al terzo posto vi è la provincia autonoma di Trento con un valore del tasso di guarigione lordo pari a 65,41% ed un valore del tasso di guarigione netto pari a 55,25%. A metà classifica vi è la Toscana con un valore del tasso di guarigione pari a 36,88% ed un tasso di guarigione netto pari a 27,65%, seguita dalla Campania, con un tasso di guarigione lordo pari a 35,83% e netto pari a 27,67%. Seguono le Marche con un tasso di guarigione lordo pari a 35% ed un tasso di guarigione netto pari a 20,35%. Chiudono la classifica il Lazio con un valore del tasso di guarigione lordo pari a 25,04% ed un valore del tasso di guarigione netto pari a 17,48%, seguito dalla Sicilia, con un tasso di guarigione lordo pari a 25,04% ed un tasso di guarigione netto pari a 17,48%. Ultima in classifica la Puglia, con un tasso di guarigione lordo pari a 19,14% ed un tasso di guarigione netto pari a 8,75%. Il valore medio del tasso di guarigione lordo nelle regioni italiane è pari a 44,61%, mentre il tasso di guarigione netto è pari a 34,39%.

La situazione internazionale. Il numero dei contagi a livello globale è cresciuto significativamente negli ultimi giorni fino ad arrivare a 3.694.903 casi, con un numero di decessi pari a 255.715 unità ed un numero di guariti pari a 1.224.480 unità.

Usa. Al primo posto della classifica vi sono gli Usa con un numero di casi pari a 1.224.570 unità, un numero di decessi pari a 71.148 unità ed un numero di guariti pari a 192.177 unità. Il tasso di mortalità negli USA è pari a 5,81%, il tasso di guarigione pari a 15,69%. La differenza tra tasso di guarigione e mortalità è pari a 9,88%. Se stimata con la metodologia della life evaluation calcolata sul totale dei casi, la perdita economica è pari a 8,5 trilioni di dollari, mentre se calcolata sul numero dei decessi è pari a 498 miliardi di dollari; la media è pari a 4,5 trilioni di dollari. Il numero dei casi come percentuale dei test è pari al 16,11%.

Spagna. Il totale dei casi in Spagna è pari a 250.561 unità, il numero dei decessi è pari a 25.613 unità con un numero di guariti pari a 154.718 unità. Il tasso di mortalità è pari al 10,22%, il tasso di guarigione al 61,75%. La differenza tra tasso di guarigione e tasso di mortalità in Spagna è pari a 51,53%. Se stimata con la metodologia della life evaluation calcolata sul totale dei casi, la perdita economica è pari a 1,7 trilioni di euro, mentre se calcolata sul numero dei decessi è pari a 179,3 miliardi di euro; la media è pari a 966 miliardi di euro. Il valore dei casi totali in percentuale dei test è pari a 12,97%.

Italia. Il valore dei casi totali in Italia è pari a 213.013 unità, il valore dei decessi è pari a 29.315 unità ed il valore dei guariti è pari ad un valore pari a 85.231 unità. Il tasso di mortalità è pari a 13,76%, il tasso di guarigione è pari a 40,01% e la differenza tra il valore del tasso di guarigione ed il valore del tasso di mortalità è pari ad un ammontare del 26,25 punti. Se stimata con la metodologia della life evaluation calcolata sul totale dei casi, la perdita economica è pari a 1,4 trilioni di euro, mentre se calcolata sul numero dei decessi è pari a 205,9 miliardi di euro; la media è pari a 848,1 miliardi di euro.

cms_17358/Foto_5.jpg

Dati internazionali. Fonte: Worldometers.com

cms_17358/Foto_6.jpg

cms_17358/Foto_7.jpg

In modo particolare, è possibile considerare la differenza tra il tasso di guarigione come una misura dell’efficienza del sistema sanitario. Se infatti il valore della differenza tra tasso di guarigione e tasso di mortalità è elevato allora vuol dire che le probabilità di guarire in un determinato paese sono molto più alte rispetto alle probabilità del decesso. Ed anche al contrario, se la differenza tra tasso di guarigione e tasso di mortalità è basso significa che la probabilità di essere guariti in un certo paese risulta essere prossima alla probabilità di decesso. Nonostante il numero dei guariti sia notevolmente cresciuto in Italia, la differenza tra tasso di guarigione e tasso di mortalità, che possiamo anche indicare come guarigione netta, in Italia è ancora ridotta. In una classifica internazionale risulta che la differenza tra il tasso di guarigione ed il tasso di mortalità in Germania è pari al 76,95%, in Iran pari al 74,16%, in Turchia pari al 53,88%, in Spagna pari al 51,53%, in Brasile pari al 35,4%, in Italia pari al 26,25%, in Francia pari al 15,44%, in Russia pari al 11,85%, negli Usa pari al 9,88%.

cms_17358/Foto_8.jpg

Fonte: Worldometers

La situazione negli USA. Al primo posto della classifica vi è lo stato di New York con un numero di casi pari a 329.816 unità e un numero di decessi pari a 25.174 unità. Il numero dei tamponi che sono stati eseguiti nella città di New York è pari a 1.028.899 unità.

New Jersey. Il valore dei casi nel New Jersey è pari a 131.606 unità, con un numero di decessi pari a 8.273 unità ed un numero di tamponi pari a 275.900.

Massachusetts. Il numero dei casi in Massachusetts è pari ad un valore di 69.087, unità con un numero di decessi pari a 4.009 unità ed un numero di tamponi pari a 324.268 unità.

cms_17358/Foto_9.jpg

Fonte: Worldometers

Per ulteriori approfondimenti: www.angeloleogrande.com

_________________

[1] https://www.theglobalist.com/the-cost-of-a-human-life-statistically-speaking/

[2] https://www.amazon.it/Denaro-storia-quello-capitalismo-capito-ebook/dp/B00IEOFYZU

______________________________

Pubblicazioni precedenti

L’economia del coronavirus in Italia (1 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_16491.html#.Xmh7QnJKiUk

L’economia del coronavirus in Italia (2 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(2_analisi)_16505.html#.XmnRvHJKiUk

L’economia del coronavirus in Italia (3 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(3_analisi)_16522.html

L’economia del coronavirus in Italia (4 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(4_analisi)_16538.html

L’economia del coronavirus in Italia (5 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(5_analisi)_16554.html

L’economia del coronavirus in Italia (6 analisi)

http://internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(6_analisi)_16573.html

L’economia del coronavirus in Italia (7 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(7_analisi)_16578.html

L’economia del coronavirus in Italia (8 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(8_analisi)_16601.html

L’economia del coronavirus in Italia (9 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(9_analisi)_16610.html

L’economia del coronavirus in Italia (10 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(10_analisi)_16632.html

L’economia del coronavirus in Italia (11 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(11_analisi)_16654.html

L’economia del coronavirus in Italia (12 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(12_analisi)_16671.html

L’economia del coronavirus in Italia (13 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(13_analisi)_16701.html

L’economia del coronavirus in Italia (14 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(14_analisi)_16717.html

L’economia del coronavirus in Italia (15 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(15_analisi)_16731.html

L’economia del coronavirus in Italia (16 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(16_analisi)_16753.html

L’economia del coronavirus in Italia (17 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(17_analisi)_16765.html

L’economia del coronavirus in Italia (18 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(18_analisi)_16787.html

L’economia del coronavirus in Italia (19 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(19_analisi)_16805.html

L’economia del coronavirus in Italia (20 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(20_analisi)_16819.html

L’economia del coronavirus in Italia (21 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(21%5E_analisi)_16837.html

L’economia del coronavirus in Italia (22 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(22%5E_analisi)_16850.html

L’economia del coronavirus in Italia (23 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(23%5E_analisi)_16866.html

L’economia del coronavirus in Italia (24 analisi)

http://internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(24%5E_analisi)_16903.html

L’economia del coronavirus in Italia (25 analisi)

http://internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(25%5E_analisi)_16924.html

L’economia del coronavirus in Italia (26 analisi)

http://internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(26%5E_analisi)_16935.html

L’economia del coronavirus in Italia (27 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(27%5E_analisi)_16954.html

L’economia del coronavirus in Italia (28 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(28%5E_analisi)_16966.html

L’economia del coronavirus in Italia (29 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(29%5E_analisi)_16981.html

L’economia del coronavirus in Italia (30 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(30%5E_analisi)_16998.html

L’economia del coronavirus in Italia (31 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(31%5E_analisi)_17089.html

L’economia del coronavirus in Italia (32 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_in_Italia_(32%5E_analisi)_17103.html

L’economia del coronavirus in Italia (33 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_(33%5E_analisi)_17122.html

L’economia del coronavirus in Italia (34 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_(34%5E_analisi)_17138.html

L’economia del coronavirus in Italia (35 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_(35%5E_analisi)_17150.html

L’economia del coronavirus in Italia (36 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_(36%5E_analisi)_17163.html

L’economia del coronavirus in Italia (37 analisi)

http://www.internationalwebpost.org/contents/L%E2%80%99economia_del_coronavirus_(37%5E_analisi)_17344.html

Angelo Leogrande

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App