L’amore dietro ad un velo

L’amore_dietro_ad_un_velo.jpg

Per alcune correnti buddiste il matrimonio è visto come il processo verso l’illuminazione, e nel bello della promessa della coppia vi è il presupposto di essere compassionevoli verso sé e gli altri.

La religione induista non crede in alcun dio ma sostiene che siamo parte tutti dell’universo.

Il matrimonio delle giovani coppie è deciso dai genitori, dando importanza alla casta.Nei matrimoni indù la priorità non è focalizzata sull’innamoramento degli sposi, ma sull’amore verso i parenti nel rispetto della tribù. Il rito serve infatti a ripagare il proprio debito con gli antenati.

Di qua in Occidente, credendo nella leggenda dell’amore romantico di Tristano e Isotta, si rischia di farsi male.

cms_12047/2.jpg

Eppure le risposte sono tutte nei simboli. Il velo che la sposa indossa infatti ha dei significati importanti (così come l’anello), che vanno oltre la tradizione della cerimonia e della festa.

Il velo rappresenta l’introspezione che ciascuno deve fare per capire i limiti in se stesso, prima di cercarli nell’altro. Il velo è un viaggio che deve condurre a scoprire chi siamo e chi desideriamo essere.

Anche nelle religioni il velo ha questo significato importante. Nella Roma antica il velo era indossato anche dallo sposo, come simbolo di buon augurio; mentre la coroncina di fiori d’arancio e mirto era adottata come simbolo di vittoria della sposa. Nel medioevo si credeva che il velo servisse a tenere lontano le negatività e rappresentava la difesa per la sposa che lo indossava. Nei matrimoni combinati il velo nascondeva il volto della sposa che veniva scoperto dopo il fatidico “si” favorendo le spose meno belle, e proteggendole da un eventuale rifiuto dello sposo. L’anello che gli sposi si scambiano non a caso si chiama fede perché è proprio di fiducia che si parla, quando ci si accinge a diventare marito e moglie, con uno scambio reciproco di rispetto e affetto e con la promessa che duri per sempre.

Andando oltre il significato del matrimonio, è fondamentale l’intenzione di voler scegliere con chi condividere un percorso di vita con l’obiettivo di percorrerla camminando a fianco e tenendosi per mano. Guardando avanti insieme desiderando il bene di entrambi (o di una causa) con l’augurio di una buona riuscita.

Quando si raggiunge questa comprensione si può essere certi che l’anima sarà nutrita raggiungendo la sacralità dell’amore, uniti in un cerchio come tra Cielo e Terra, senza inizio né fine.

Susy Tolomeo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su