L’agenda delle Nazioni Unite

L_agenda_delle_Nazioni_Unite.jpg

cms_10361/2.jpgIn questa caricatura del vignettista americano Low, risalente al giugno 1945, quindi al contesto storico dell’immediato dopoguerra caratterizzato dalla volontà di salvaguardare la pace a discapito dei vari nazionalismi per avviare un processo di apertura alla solidarietà tra stati, priorità per la quale nascono le Nazioni Unite, viene risaltata da Low la contradittorietà insita all’ideazione stessa di questo grande progetto. Nell’immagine vengono raffigurati i presidenti di 4 dei 5 paesi vincitori della guerra e membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, da sinistra Stalin, Churchill, Truman e de Gaulle, che come è evidente dal vestiario nonostante sembra facciano parte della stessa squadra, in realtà giocano a giochi diversi. Il tutto è accompagnato da due didascalie sottili e taglienti che recitano: “bella squadra- cosa potrebbe fare con un pizzico di unità” e ancora “ regola: tutti i giocatori giocano insieme, ma senza interferire con il gioco altrui”. È evidente che il lavoro di Low allude ad una critica al modus operandi delle Nazioni Unite che nonostante si presuppone nascano da un compromesso equo tra gli stati aderenti finalizzato all’obiettivo unico dell’assicurare la pace, in realtà mette in scena un gioco di ruoli nel quale ogni paese coperto dal moralismo che risiede dietro questa nobile causa, cerca di salvaguardare meramente i propri interessi senza darlo a vedere.

cms_10361/3.jpg

Senza parlare degli squilibri sul peso che i diversi stati effettivamente hanno sul piano diplomatico ed esecutivo o il mancato intervento su temi caldi quali la crisi venezuelana e il conflitto in Siria. Pare però che i principali temi sull’agenda di quest’anno dell’Assemblea generale siano proprio i conflitti in Siria e Yemen, la crisi in Venezuela, l’unilateralismo di Trump e il riavvicinamento tra le due Coree. Questa settimana il primo appuntamento della diplomazia mondiale a New York, dove 120 tra capi di stato e di governo e centinaia di ministri si incontreranno tra le mura del Palazzo di vetro per discutere delle possibili soluzioni ai punti più caldi del nostro presente. Il primo a parlare come da protocollo è il Brasile, che per consuetudine apre ogni sessione fin da quando nei primi anni di vita dell’organizzazione nessun paese aveva il coraggio di prendere per primo la parola; dopo di che è il turno degli Stati Uniti, mentre il restante ordine è stato deciso da un algoritmo.

cms_10361/4.jpeg

Nonostante l’incontro tra Trump e il presidente iraniano Rohani sia tra i più attesi, dopo l’uscita dell’Usa lo scorso maggio dall’accordo sul nucleare con Teheran, il presidente statunitense ha twittato: “Nonostante le richieste, non ho in programma di incontrare Hassan Rohani. Forse un giorno, in futuro. Sono certo che sia un uomo assolutamente adorabile”. Il presidente del Consiglio Conte invece ha in programma di parlare all’assemblea mercoledì alle 20:30 ora italiana, per discutere la questione migranti dopo le accuse di razzismo mosse dall’alto commissario per il diritti umani, Michelle Bachelet, smorzate in seguito dai toni più moderati del segretario generale che ha sottolineato la necessità di una risposta europea affinché l’Italia non rimanga sola. Annunciate anche le grandi assenze alla plenaria del presidente venezuelano Nicolas Maduro, per motivi di sicurezza, poiché a detta delle sue dichiarazioni sarebbe in corso una “cospirazione perenne” nei suoi confronti da parte di oppositori sostenuti dagli Stati Uniti, e il consigliere di stato della Birmania e premio Nobel per la pace, Aung San Suu Kyi, fortemente criticata negli ultimi anni per l’incapacità di gestire la questione dei Rohingya, la minoranza musulmana più perseguitata al mondo. Al suo posto porterà all’assise il caso Birmania l’agguerrita avvocatessa in tema di diritti umani, Amal Clooney, moglie di George Clooney che sarà portavoce delle storie dei giornalisti arrestati a Rangoon per aver denunciato le violenze dei militari.

Federica Scippa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App