Iran aumenta arricchimento uranio

Iran_aumenta_arricchimento_uranio.jpg

L’Iran alzerà il livello dell’arricchimento dell’uranio al di sopra del 3,67% stabilito dall’accordo sul nucleare del 2015. Lo ha confermato il portavoce del governo, Ali Rabiei. Behrouz Kamalvandi, portavoce dell’Organizzazione dell’energia atomica nazionale, nel corso di una conferenza stampa ha affermato che i livelli di arricchimento saranno progressivamente aumentati tra il 5 e il 20%.

cms_13408/2.jpg

Per il viceministro degli Esteri, Abbas Araghchi, lo step ribadito da Teheran è considerato pienamente legittimo: l’Iran, ha detto, ha atteso inutilmente una soluzione diplomatica per un anno. "Il ministro degli Esteri, Mohammad Javad Zarif, invierà una lettera all’Unione europea per comunicare la riduzione degli impegni dell’Iran in relazione all’accordo nucleare. Attenderemo un periodo di 60 giorni e replicheremo questa strategia" ha affermato Araghchi, tracciando la linea di Teheran. Tra due mesi potrebbero arrivare ulteriori step: "Vogliamo salvare l’intesa ma bisogna rispettare gli obblighi. Le porte della diplomazia continuano ad essere aperte, ma servono nuove iniziative".

cms_13408/3.jpg

Lo scorso anno il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato l’uscita dall’accordo sul nucleare sottoscritto nel 2015 anche da Gran Bretagna, Francia, Cina, Russia e Germania, oltre che dall’Iran. L’Aiea, l’agenzia internazionale per l’energia atomica, si riunirà mercoledì per un meeting d’emergenza, su richiesta degli Stati Uniti.

cms_13408/3bis.jpg

L’Unione Europea è "estremamente preoccupata" per la decisione annunciata dall’Iran. "Avevamo fatto appello all’Iran affinché non adottasse ulteriori misure in grado di indebolire l’intesa sul nucleare", le parole di Maja Kocijancic, portavoce dell’alto rappresentante Federica Mogherini. "Siamo in contatto con gli altri" Paesi "che fanno parte dell’accordo in relazione ai prossimi passi da compiere nell’ambito dell’intesa, compresa una commissione congiunta".

cms_13408/4.jpg

"E’ un passo molto pericoloso, ora servono severe sanzioni" dice il premier israeliano Benjamin Netanyahuesprimendosi così sulla decisione dell’Iran. "L’Iran ha violato la solenne promessa, fatta al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, di non arricchire l’uranio oltre un certo livello. Faccio appello ai miei amici, i leader di Francia, Gran Bretagna e Germania: avete firmato questo accordo e avete detto che sarebbero state imposte severe sanzioni se avessero compiuto questo passo. Dove siete?’’. Netanyahu afferma che l’obiettivo dell’Iran è "la creazione di bombe atomiche".

(Fonte AdnKronos - Foto dal Web)

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su