Iran abbatte drone Usa

Via il capo del Pentagono - Incidente per William e Kate, ferita 83enne - Atterrano sul Monte Bianco, fermati 2 ’alpinisti’ svizzeri - Stremato e affamato, l’orso polare rovista tra i rifiuti

21_6_2019_daL_Mondo.jpg

Iran abbatte drone Usa

cms_13220/drone_Hawk_fi.jpg

L’abbattimento del drone americano RQ-4 Global Hawk da parte iraniana dopo il suo sorvolo sui cieli della provincia di Hormozgan, nel sud dell’Iran, è un ’’chiaro messaggio alla Casa Bianca’’. Lo ha dichiarato il comandante dei Guardiani della Rivoluzione (i Pasdaran iraniani), il generale Hossein Salami, citato dall’agenzia di stampa Irna. ’’I nemici non hanno altra scelta se non quella di rispettare l’integrità territoriale dell’Iran e i suoi interessi’’, ha detto, spiegando che l’abbattimento del drone americano dimostra che l’Iran ’’è pronto a dare una risposta decisiva a qualsiasi aggressione’’.

Salami ha aggiunto che "l’Iran non sta cercando la guerra con alcun Paese, ma le sue forze armate sono pronte a difendere il Paese da qualsiasi aggressione’’. Riferendosi alla proposta americana di negoziare, il capo dei Pasdaran ha poi sostenuto che ’’il nemico ha intrapreso una guerra economica contro l’Iran con l’obiettivo di indebolire la capacità difensiva del Paese’’. Salami ha quindi annunciato che ’’la nazione iraniana resisterà e respingerà qualsiasi negoziato sotto pressione’’, aggiungendo che ’’le cospirazioni americane contro l’Iran sono destinate a fallire’’.

Dal presidente americano Donald Trump arrivano parole di netta condanna sugli ultimi sviluppi della situazione già tesa con l’Iran. "L’Iran ha commesso un grandissimo errore", ha twittato il presidente americano. "Quel drone era in acque internazionali, chiaramente. Abbiamo la documentazione scientifica, non solo parole. E hanno fatto un pessimo errore", ha sottolineato Trump, incontrando il premier canadese Justin Trudeau alla Casa Bianca. "Come risponderete?", gli ha chiesto un giornalista presente. "Lo scoprirete", ha risposto il presidente americano, ribadendo: "Hanno fatto un grossissimo errore".

A confermare l’abbattimento del drone ad opera di un missile iraniano è il Comando centrale delle forze armate degli Stati Uniti, definendo "falsa" la versione fornita dall’Iran che parlava di spazio aereo iraniano. In un comunicato, le autorità americane hanno spiegato che il drone, un modello "che svolge missioni di intelligence, vigilanza e ricognizione" è stato abbattuto intorno all’1.35 di questa mattina, le (23.35 gmt di mercoledì)". Il drone è stato colpito "da un sistema di missili terra aria iraniani mentre operava nello spazio aereo internazionale". "Le informazioni iraniane secondo cui il velivolo si trovava in Iran sono false. E’ un attacco ingiustificato contro una risorsa della vigilanza aerea degli Stati Uniti nello spazio aereo internazionale".

Diversa la versione di Teheran, secondo cui il sorvolo dello spazio aereo iraniano rappresenta un ’’atto provocatorio e aggressivo’’. ’’Condanniamo nei termini più duri questo atto provocatorio e aggressivo e mettiamo in guardia contro la violazione del nostro spazio aereo’’, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Abbas Mousavi sul sito ufficiale del ministero. E il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif su Twitter ha annunciato: "Porteremo questo nuovo caso di aggressione all’Onu e dimostreremo che gli Stati Uniti stanno mentendo sulla questione delle acque internazionali".

La notizia arriva nel quadro di una forte tensione fra Stati Uniti e Iran. Lunedì Teheran ha annunciato la ripresa dell’arricchimento dell’uranio oltre i limiti imposti dall’accordo nucleare, già abbandonato da Washington. Intanto Stati Uniti e Arabia Saudita hanno accusato Teheran di aver attaccato la settimana scorsa due petroliere nel golfo dell’Oman, accusa che Teheran ha respinto.

Via il capo del Pentagono

cms_13220/shanahan_afp_1806.jpg

Patrick Shanahan, dallo scorso gennaio capo del Pentagono ad interim, rinuncia alla nomina effettiva ed all’incarico. Lo ha annunciato lo stesso Donald Trump in un tweet in cui ringrazia per "il lavoro straordinario" l’ex manager della Boeing che avrebbe deciso di "non andare avanti con il processo di conferma per dedicare più tempo alla sua famiglia".

Ma l’annuncio arriva poche ore dopo che Usa Today ha rivelato i dettagli di accuse di violenza domestica, che erano state rivolte all’attuale segretario alla Difesa ad interim dall’allora moglie nel 2010, finite nel radar dell’Fbi durante i controlli a tappeto che vengono fatti prima di una nomina. Trump rende noto nel tweet anche che Mark Esper, attuale segretario all’Esercito, diventerà il nuovo segretario alla Difesa ad interim.

Il giornale sottolinea come l’incidente non fosse emerso né quando Shanahan era stato nominato numero due del Pentagono né quando aveva assunto la guida ad interim dopo le dimissioni di Jim Mattis, in segno di protesta per il ritiro dalla Siria. Secondo quanto rivelato, all’epoca dei fatti sia Shanahan che la moglie si era accusati a vicenda di violenze. Shanahan si è difeso dicendo di "non aver mai alzato" le mani contro l’ex moglie.

Ancora prima della decisione repentina di Trump, il giornale sottolineava come questo incidente potesse costituire un grave ostacolo nel processo di conferma al Senato. Senza contare che i senatori democratici avrebbero sicuramente sollevato domande e dubbi sul come sia stato possibile che questo episodio non fosse emerso durante il processo di ratifica della nomina a vice due anni fa.

Al giornale Shanahan aveva dichiarato che questo episodio dimostra come il suo divorzio non sia stato "diverso da quello di molte famiglie che devono affrontare sfide quando la persona amata combatte con l’abuso di sostanze e problemi emotivi". Ed aveva espresso rammarico che la privacy dei suoi figlio fosse stata violata.

Incidente per William e Kate, ferita 83enne

cms_13220/Willia_kate_Fg.jpg

Un’anziana signora è ricoverata in gravi condizioni in ospedale dopo un incidente stradale che ha coinvolto la scorta del duca e della duchessa di Cambridge. L’incidente è avvenuto nel quartiere di Richmond, a sud-ovest di Londra, alle 12:50 di lunedì. William e Kate si stavano recando a al castello di Windsor per unirsi alla Regina in una cerimonia dell’Ordine della Giarrettiera.

Sembra che lo scontro abbia coinvolto una moto della Met Police e l’Independent Office of Police Conduct ha avviato un’indagine. Non è infatti ancora chiaro se l’anziana, identificata con il nome di Irene Mayor, sia stata colpita, o se sia caduta da sola. Trasportata in uno degli ospedali della capitale britannica, al momento si sa soltanto che si trova in condizioni piuttosto serie, ma stabili. Il duca e la duchessa non hanno visto l’incidente e, in linea con le procedure di sicurezza, il convoglio ha continuato la sua corsa.

Kensington Palace ha detto che la coppia reale è "profondamente preoccupata e rattristata" ed è in contatto con la donna, a cui ha anche inviato dei fiori. Un portavoce del palazzo ha dichiarato: "Le loro altezze reali hanno inviato i loro migliori auguri a Irene e alla sua famiglia e resteranno in contatto in ogni fase della sua guarigione".

Si tratta del quarto incidente stradale che coinvolge un membro della famiglia reale in sette mesi. A gennaio il duca di Edimburgo, marito di Elisabetta II, si è ribaltato con la propria auto nel Norfolk inglese, a poca distanza dalla residenza di Sandringham. Il principe 97enne è rimasto illeso, ma per lo shock ha "volontariamente" deciso di rinunciare alla patente di guida.

Atterrano sul Monte Bianco, fermati 2 ’alpinisti’ svizzeri

cms_13220/Mont_Blanc,_Mont_Maudit,_Mont_Blanc_du_Tacul[1].jpg

Due alpinisti svizzeri che volevano scalare il Monte Bianco coprendo una parte della salita in aereo sono stati intercettati e fermati dai gendarmi francesi dopo essere atterrati con un velivolo da turismo a 4450 metri di altezza sul versante francese. Durante una ricognizione in quota i gendarmi hanno notato l’aereo fermo in una zona peraltro non recensita come facente parte delle superficie dove è autorizzato l’atterraggio in montagna. Le forze dell’ordine sono quindi andate ad accertare l’identità dei due a bordo, cittadini svizzeri pronti - questa volta a piedi - a compiere l’ultimo sforzo in direzione della vetta. Ma i gendarmi hanno chiesto ai due di ripartire.

Il sindaco di Chamonix-Mont Blanc, molto attivo nella difesa di una pratica dell’alpinismo che sia rispettosa dell’ambiente, ha definito "inammissibile" il comportamento dei due alpinisti, un attacco intollerabile all’ambiente di alta montagna e a tutte le misure di protezione esistenti. Moltissimi alpinisti scalano ogni anno il Monte Bianco, la più alta vetta dell’Europa occidentale (4.809 metri).

Stremato e affamato, l’orso polare rovista tra i rifiuti

cms_13220/orso_polare_rifiuti_siberia_afp.jpg

Un orso polare affamato si è allontanato centinaia di chilometri dal suo habitat naturale artico ed è stato avvistato mentre vagava, esausto, nella città industriale russa di Norilsk, nel nord della Siberia, in cerca di cibo. Si tratta del primo avvistamento in più di 40 anni, secondo gli ambientalisti locali. L’esemplare femmina, visibilmente debilitato e apparentemente malato, è rimasto per ore a terra stremato nella periferia di Norilsk, con i piedi incrostati di fango.

Di tanto in tanto si alzava per cercare del cibo nei pressi di una discarica, dove è stato filmato e fotografato dai residenti locali mentre rovistava tra i rifiuti, anche se la polizia ha impedito loro di avvicinarsi troppo. Una squadra di specialisti arriverà domani per visitare l’animale e decidere il suo destino.

Oleg Krashevsky, un esperto di fauna selvatica locale che ha filmato l’orsa polare da vicino, ha detto che non è chiaro cosa abbia portato l’animale in città, anche se è possibile che si sia semplicemente perso. "Aveva occhi lacrimanti e chiaramente non poteva vedere bene", ha affermato.

La crisi climatica ha danneggiato gli habitat di ghiaccio marino degli orsi polari e li ha costretti a spingersi più spesso sulla terra ferma in cerca di cibo, mettendoli in contatto con le persone e le aree abitate. All’inizio di quest’anno uno stato di emergenza è stato dichiarato nel piccolo arcipelago artico russo Novaya Zemlya, una remota area abitata del nord della Russia, quando decine di orsi polari affamati hanno iniziato ad estrare nelle abitazioni e in altri edifici pubblici in ceca di cibo, seminando il terrore tra la popolazione.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su