Imprese, mix micidiale tasse-burocrazia (Altre News)

Ex Ilva, ArcelorMittal si difende - Pensioni, scattano i nuovi assegni: cosa cambia

ECONOMIA_2_2_20.jpg

Imprese, mix micidiale tasse-burocrazia

cms_15956/impresa_donna_lavoro_FTG_3-2-2410210460-35894_3-2-2732234409_3-3-185589006_3-3-375390142_3-3-637860634_3-3-1031188958.jpg

Un mix micidiale quello tra tasse e burocrazia che ogni anno preleva alle imprese 138 miliardi di euro, quasi 8 punti di Pil che "zavorrano le aziende e frenano l’economia". A tanto ammonta il costo che grava ogni anno sui bilanci delle imprese italiane penalizzando, in particolar modo, le realtà di piccola e media dimensione. A fotografare lo spaccato in cui vivono tante Pmi è l’Ufficio studi della Cgia. E i numeri, dicono, sono da brividi: a fronte di un gettito complessivo annuo di 81,2 miliardi di euro di tasse versate all’erario, il costo annuo sostenuto dalle nostre imprese per la gestione dei rapporti con la Pubblica amministrazione è di oltre 57 miliardi.

La soluzione, per la Cgia, è quella di "ridurre il numero delle leggi con l’abrogazione di quelle più datate, evitando così la sovrapposizione che su molte materie ha generato incomunicabilità, mancanza di trasparenza, incertezza dei tempi e adempimenti sempre più onerosi - dice il coordinatore Paolo Zabeo - facendo diventare la burocrazia un nemico invisibile difficilmente superabile".

Un taglio delle leggi in esubero infatti potrebbe essere per la Cgia una soluzione a costo zero. "Il Governo dovrebbe riflettere e cominciare a lavorare per ridurne l’impatto. Se, a causa della situazione dei nostri conti pubblici, abbattere il carico fiscale in misura significativa non appare per nulla semplice, una drastica riduzione della cattiva burocrazia, invece, potrebbe essere ottenuta a costo zero, o quasi’’, ribadisce ricordando i dati del ’The European House - Ambrosetti’, secondo cui la produzione legislativa del nostro Paese non ha eguali nel resto d’Europa.

In Italia si stima infatti vi siano 160.000 norme, di cui 71.000 promulgate a livello centrale e le rimanenti a livello regionale e locale. In Francia, invece, sono 7.000, in Germania 5.500 e nel Regno Unito 3.000. Tuttavia, ricorda ancora Zabeo, "la responsabilità di questa iper legiferazione è ascrivibile alla mancata abrogazione delle leggi concorrenti e al fatto che il nostro quadro normativo negli ultimi decenni ha visto aumentare esponenzialmente il ricorso ai decreti legislativi che, per essere operativi, richiedono l’approvazione di decreti attuativi. Questa procedura ha aumentato a dismisura la produzione normativa in Italia".

E la burocrazia, dice il segretario della Cgia, Renato Mason, è una zavorra pesante soprattutto nel Mezzogiorno, "dove la Pa è meno efficiente la situazione e la situazione ha assunto profili particolarmente preoccupanti". Una difficolta bollinata, ricorda, anche dall’indagine campionaria di Eurobarometro (Commissione europea) sulla complessità delle procedure amministrative che incontrano gli imprenditori dei 28 Paesi dell’Unione. L’Italia si trova al 2° posto di questa graduatoria (per l’86 per cento degli intervistati la cattiva burocrazia è un serio problema). Solo la Romania presenta una situazione peggiore della nostra, mentre il dato medio dell’Unione europea si attesta al 62 per cento.

Ex Ilva, ArcelorMittal si difende

cms_15956/arcelor_mittal_fg_0711.jpg

Sono "molteplici" le affermazioni "erronee e gratuitamente offensive" contenute nella memoria dei Commissari dell’Ilva As "in relazione, fra l’altro, alla nota vicenda di Afo2 e a inesistenti inadempimenti o condotte illecite di A.Mittal". Prendono avvio così le 60 pagine della memoria difensiva depositata ieri sera dagli avvocati della multinazionale dell’acciaio con cui il gruppo replica ai Commissari straordinari nella memoria presentata da Ilva As il 20 gennaio scorso al Tribunale di Milano.

"Lungi dal mistificare la realtà, A.Mittal si è limitata a descrivere in maniera oggettiva la grave situazione", soprattutto quella relativa ad Afo2 ed è "altresì infondato affermare che non si sarebbe ’mai attivata, né avrebbe in alcun modo cooperato con Ilva al fine di operare gli impianti in adempimento delle Prescrizioni’". Anzi, si legge ancora nella memoria difensiva, "pur nei limiti dei rispettivi ruoli e responsabilità, AM ha sempre confermato la piena disponibilità a fornire la collaborazione richiesta dalle ricorrenti". "Fra l’altro, AM ha diligentemente collaborato con Ilva formulando proprie soluzioni tecniche, nominando un apposito referente nonché fornendo tutte le informazioni e la documentazione richieste", si legge ancora.

"AM - continua la memoria difensiva - non ha affatto depredato il magazzino per restituire un impianto privo delle materie prime necessarie ad assicurare la continuità produttiva. AM ha anche fornito un quadro di consistenza del Magazzino veritiero ed esaustivo, concernente le quantità complessive di materie prime in giacenza al 31 ottobre 2019". "AM non ha mai detto che, nel momento in cui è legittimamente receduta dal Contratto, il ’deposito di materie prime […] era sostanzialmente quasi vuoto’", prosegue la memoria che accusa i Commissari di aver "travisato" il paragrafo della memoria del 16 dicembre 2019.

E ancora: "È smentito dai fatti il ’processo di progressiva dismissione’ suggestivamente descritto dalle ricorrenti. Al contrario, A.M ha adeguato la gestione dei propri impianti alla crescente concorrenza, alla ridotta domanda di acciaio in Europa e alla relativa sovraccapacità produttiva globale sulla base di una razionale scelta gestoria compiuta da imprese di acciaio in tutta Europa". La difesa arriva al termine della ricostruzione puntigliosa di tutte le accuse girate ad ArcelorMittal circa la chiusura di altri centri siderurgici in Europa messe in relazione al dossier Taranto. "Ancora più incoerenti e diffamatorie sono le affermazioni avversarie sulle inquietanti e sinistre analogie con la storia di altri centri siderurgici gestiti dal gruppo AM in Europa", si legge nella memoria che rispedisce al mittente anche le accuse di "capitalismo d’assalto" formulate da Ilva As.

Per quanto riguarda il centro siderurgico di Liegi, "prima che arrivasse AM era un nugolo di impianti dislocati nell’entroterra del Belgio, caratterizzato da costi fissi fino al 100% più elevati della media, bassa produttività 104 e costanti scontri con i sindacati". Il suo ridimensionamento fu dovuto "alla generale crisi economica nel 2008 e dell’ulteriore aggravamento nel 2011 della crisi verificatasi nel mercato europeo dell’acciaio", scrivono ancora gli avvocati di AM che respingono anche le accuse relative alla chiusura del polo siderurgico in Romania. "Non è vero che gli stabilimenti del gruppo AM in Romania sono stati ormai completamente ed irreversibilmente dismessi": l’attività di tali stabilimenti "è stata sospesa soltanto temporaneamente" e i 640 dipendenti "sono in aspettativa tecnica dal 1° dicembre 2019 a causa degli elevati costi energetici e della bassa domanda di mercato".

Per il gruppo "è paradossale che, invece di chiedere un sequestro o pretendere la restituzione degli impianti, le ricorrenti insistano affinché AM sia obbligata a continuare a eseguire il Contratto nonostante la ritengano inidonea a svolgere la relativa attività industriale e a preservare l’impresa a causa dei molteplici (inesistenti) inadempimenti che le hanno attribuito anche nella memoria difensiva". Infatti, si legge ancora, con la minacciosa richiesta "di un’inammissibile" penalità di mora "dall’iperbolico importo di 1 miliardo di euro, le ricorrenti pretendono che sia ordinato ad AM di eseguire il Contratto (incluse le prestazioni relative all’attuazione del Piano Ambientale) e di gestire un impianto gravemente deficitario, così esponendosi a seri rischi di responsabilità anche penale in conseguenza dell’eliminazione della Protezione Legale". E tutto questo, continua ancora ArcelorMittal, perché Ilva "si dichiara improvvisamente ’inidonea’ a riprendere la gestione dello stabilimento e a portare a termine il Piano Industriale ed Ambientale".

Secondo la multinazionale, "sono diffamatorie tutte le allegazioni relative agli asseriti danni a impianti di interesse strategico nazionale derivanti dalla presunta mala gestio di AM o dalle modalità con cui avrebbe inteso restituirli a Ilva" e "non sussiste alcun elemento idoneo a dimostrare un ’pericolo imminente e irreparabile’ per lo stabilimento tale da giustificare l’intervento cautelare ex art. 700".

Il rischio di frustrare “lo scopo al quale era finalizzata la lunga procedura competitiva” per la vendita dei Rami d’Azienda e lasciare “irrisolte le situazioni ambientali delle aree interessate” , d’altra parte, rileva ancora la memoria difensiva del Gruppo A.Mittal, "non deriva dalle condotte di AM, bensì da una precisa scelta governativa e politica diretta alla “riconversione e riqualificazione industriale” dello stabilimento di Taranto, attuata anche attraverso l’eliminazione della Protezione Legale: ossia, delle “condizioni per la realizzazione del Piano Ambientale” (e del Piano Industriale) nello stabilimento e nella area a caldo".

Insomma, prosegue la memoria, "è soltanto da queste scelte legislative (adottate in piena coscienza delle loro conseguenze sull’attività degli stabilimenti tarantini) - come dall’ingiustificato rifiuto di accettare la restituzione dello stabilimento da parte delle ricorrenti e dall’indisponibilità governativa di trovare una soluzione a livello istituzionale - che deriverebbero i rischi paventati nel ricorso e nella memoria avversari a preteso (e insussistente) fondamento delle domande cautelati".

"AM - si legge ancora -, andando ben oltre i propri obblighi contrattuali, sarebbe disposta a concordare - in buona fede e anche sotto la supervisione dell’Ecc.mo Giudicante - le modalità per garantire la più agevole restituzione dei Rami d’Azienda e venire incontro alle esigenze di Ilva (mentre quest’ultima si è limitata a opporre il proprio pervicace rifiuto a riprendere la gestione)", scrive l’azienda, al termine di un ragionamento sull’irrilevanza attuale di un programma di fermata graduale degli impianti.

Pensioni, scattano i nuovi assegni: cosa cambia

cms_15956/inps_pensioni_ftg2_3-4-1894214579_3-4-3780089056_3-4-3933962339_3-4-4269669342.jpg

Scattati, da ieri, i nuovi assegni delle pensioni. Nella nuova mensilità sarà presente un conguaglio per rimediare a un errore di calcolo dell’Inps sulle buste di gennaio. Il mese scorso circa centomila assegni sono infatti stati ridotti per errore, e l’Istituto deve porvi rimedio. A febbraio ecco quindi un conguaglio, comunicato immediatamente con le emissioni di gennaio. Le pensioni inferiori alle aspettative avevano scatenato la furia dei pensionati, i quali pensavano che fosse stata applicata una riduzione inaspettata. Invece l’errore ha colpito il calcolo del cosiddetto ‘bonus Poletti’.

Con l’arrivo delle pensioni di febbraio sarà quindi necessario controllare attentamente il cedolino per verificare l’effettiva differenza con l’emissione precedente. Infatti nel caso in cui il conguaglio non sia presente, è suggeribile riferirsi all’Inps stesso o a un Caf, i quali con le apposite procedure potranno comunicare il mancato versamento.

L’avvocato Celeste Corrovati di Dirittissimo aveva dato preziosi consigli in merito: “Quando avete dubbi sul vostro importo pensionistico, il consiglio è quello di far leggere il cedolino della pensione che potete scaricare dalla vostra pagina personale con l’accesso tramite il pin alla pagina My Inps, ad un consulente previdenziale in in quanto di errori ce ne sono possono essere diversi sia dal punto di vista del quantum sia dal punto di vista del diritto che vi spetta. Dalla lettura del cedolino si può poi anche evincere se è possibile fare ricorso amministrativo all’Inps tramite il supporto di un avvocato meglio se specializzato nella materia”.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App