Impeachment, Trump: "Mi piace l’idea di testimoniare"

Ue, raggiunto accordo su bilancio 2020 - Usa: "Insediamenti Cisgiordania non violano legge internazionale" - Crolla un ponte a nord di Tolosa, morta una 15enne. Diversi dispersi

MONDO_19_11_19.jpg

Impeachment, Trump: "Mi piace l’idea di testimoniare"

cms_14970/trump_dito_FTG_IPA.jpg

A Trump "piace l’idea" di una sua testimonianza sull’impeachment e la "valuterà seriamente". Così il presidente americano, via Twitter, risponde alla "pazza, nullafacente, Speaker della Camera, la nervosa Nancy Pelosi" che, in un’intervista televisiva, lo aveva sfidato a presentarsi a testimoniare di fronte alla commissione di impeachment per "raccontare la sua verità".

"Anche se non ho fatto nulla di sbagliato e non mi piace dare credibilità a questo imbroglio senza giusto processo - ha scritto Trump -, mi piace l’idea".

Ue, raggiunto accordo su bilancio 2020

cms_14970/ue_bandiere_ftg_3-5-649030813_3-5-659773235.jpg

Raggiunto a Bruxelles l’accordo sul bilancio 2020 dell’Unione europea, con una spesa per il prossimo anno di oltre 153,6 miliardi di euro. Lo riferiscono diplomatici ed europarlamentari.

Usa: "Insediamenti Cisgiordania non violano legge internazionale"

cms_14970/pompeo_afp.jpg

Gli Stati Uniti cambiano radicalmente la loro politica verso gli insediamenti israeliani in Cisgiordania, che Washington non considererà più contrari al diritto internazionale. "Abbiamo aumentato le probabilità per la pace" ha detto il segretario di Stato Mike Pompeo nell’annunciare la decisione che, ha spiegato, è stata presa in base ai "fatti sul terreno" e fornisce un’opportunità ad israeliani e palestinesi di "mettersi insieme e trovare una soluzione a questo problema assillante".

Per Pompeo, la precedente politica, voluta dall’Amministrazione Obama, non ha fatto fare progressi sulla strada della pace. Per il segretario di Stato Usa, la decisione annunciata non pregiudica quello che dovrebbe essere lo status della Cisgiordania in qualsiasi eventuale accordo di pace.

Decisione che "riflette una verità storica": così l’ufficio del premier Benjamin Netanyahu. "La verità storica", afferma Netanyahu nella sua nota, è che "gli ebrei non sono colonialisti stranieri in Giudea e Samaria (la Cisgiordania, ndr). Infatti, ci chiamiamo giudei perché siamo il popolo della Giudea". Inoltre, prosegue la nota, "la politica dell’Amministrazione Trump è corretta anche nell’affermare che coloro che hanno negato categoricamente qualsiasi base legale per gli insediamenti non solo negano la verità, la storia e la realtà sul terreno, ma fanno arretrare anche la causa della pace, che può essere raggiunta solamente attraverso negoziati diretti tra le parti".

Di decisione che "contraddice totalmente" il diritto internazionale, parla invece Nabil Abu Rudeineh, il portavoce del presidente palestinese Mahmoud Abbas, replicando all’annuncio fatto dal segretario di Stato Pompeo. Rudeineh ha lanciato un appello agli altri Paesi affinché "dichiarino la loro opposizione" alla decisione di Washington. Per il portavoce di Abbas, l’Amministrazione Trump "ha perso ogni credibilità".

Crolla un ponte a nord di Tolosa, morta una 15enne. Diversi dispersi

cms_14970/tolosa_ponte_crollato_afp.jpg

Una ragazza di 15 anni è morta nel crollo di un ponte situato in Haute-Garonne, a nord di Tolosa, in Francia. Il cedimento della struttura ha fatto precipitare nel fiume Tarn i mezzi che lo stavano attraversando, almeno un mezzo pesante e un’auto. Diverse persone sono probabilmente disperse mentre altre quattro sono state soccorse.

Il ponte metallico congiungeva Mirepoix-sur-Tarn e Bessières. Secondo La Dépêche du Midi il ponte sospeso sarebbe crollato dopo il passaggio di un mezzo pesante di volume superiore al limite autorizzato.

"Si registra una vittima di 15 anni", ha dichiarato il procuratore di Tolosa, Dominique Alzéari. Ci sono "probabilmente numerosi dispersi", forse "l’autista del camion" e forse quello di un terzo veicolo.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su