INTERNATIONAL EVENT IN THE OLD TOWN OF MARTINA FRANCA Puglia,Italy

RECALLING THE GREAT RAP SINGER TUPAC SHAKUR

INTERNATIONAL_EVENT_IN_THE_OLD_TOWN_OF_MARTINA_FRANCA_.jpg

It was her passion for art, but also the great humanity and sensibility of the American artist Linda Antognini, to bring back in the town of Puglia, Martina Franca, the memory, still alive in rap music lovers, of the great songwriter Tupac Shakur. With a rich cultural program shared in some schools in the city of Martina Franca, where pupils were able to listen to, understand and interpret the messages enclosed in Tupac’s texts, Linda Antognini managed to retrace with her own paintings inspired byTupac’s music and lyrics, the troubled life of the young songwriter who , in his first adolescent phase had experienced the difficulties of civil life and the frustration of his soul as often happens to many other young people in the world , to whom Life, for causes not depending on their will, has been ungenerous. It is from these life experiences, lived in the streets of the great American cities where the dangers and traps are always lurking to overwhelm and enslave the fragile minds of young people, that talent can emerge strengthened by suffering, weeping, solitude and lack of affection.

cms_6453/1.jpg Hip Hop

The event, organized by the artist Linda Antognini, who was born in Saint Louis by Italian father and German mother, shook the town of Martina Franca which participated, with incredible curiosity and interest in the music of Tupac, to the interpretations that the artist gave of Tupac’s Lyrics with her paintings. The inaugural evening was enlivened by a dance hip hop show just in the outer space in front of the room of the Hall, where her paintings were exposed.

To the Interviewer working for a Broadcasting Radio in Matera, Linda Antognini explained him how emotional she felt, when she listened to Tupac’s rap music for the first time.. Suddenly, she said, she felt that those lyrics were able to arouse emotions shaking her from her quite life to the point of lighting a new artistic inspiration in her. A new world opened to her heart, a world that spoke of humanity, soul, spirit, suffering and redemption. With her strong sensitiveness, she understands Tupac’s message, she enters into the soul of his characters of whom Shakur becomes the narrator and the interpreter, and from the depths of her soul she picks up those colors that best match the intensity of the human drama sung by Shakur and, like him, she paints her message to the world, to young people of every race and all social abstractions, aware that beyond appearances it beats the same heart, the same humanity, the same will to love, to donate, to receive. And so Linda paints and colors Tupac’s music and stories by pondering her intense participation in the suffering of this humanity buried by the indifference of other men. The artist says: "I felt attracted since I heard ’Me Against the World’ for the first time, I was struck by emotions I did not even know existed. Then I listened to the rap, ’Brenda’s got a baby’.

cms_6453/2.jpg Brenda’s got a baby

My spirit broke, at that point I could feel the emotion with which Tupac was singing those lyrics, "Well let me tell you how it affects the whole community”. “I knew I had to do something and that something was: painting “

Tupac revealed his contagious talent so that after he passed away, more than 85 million records were sold all over the world. Despite 21 years have passed since Tupac’s death by the hands of a killer in 1996 when he was only 25 and was at the height of success, young people today still appreciate his music because the themes he sang are the same afflicting today societies: war, discrimination, drug abuse, violence, .... In fact, Tupac’s rap songs were inspired by the difficult lives of young people who live in poverty, in spiritual solitude , in socially degraded environments, just as ghettos are.

All of his music is centered on stories of young people who, failing to overcome disappointments, dissatisfaction and anxiety for living in an iniquitous and discriminating society, end up being criminals following the wrong path of abuse, illegality, risk which certainly lead them to challenge the jail and death every day. Adding to this is the indifference of social communities that discriminate, judge and condemn them ... Many Tupac songs tell of abuses ,sometimes also made by local authorities and law enforcements, corruption of institutions, Alcoholism, drugs, prostitution, violence between gangs, but also wars that lead innocent young people in the eternal darkness of a grave.

cms_6453/3.jpg

Life goes on Fuck the world Getto

These are the themes that still attract the young listeners all over the world because they perceive the will to ransom, to overcome the difficulties that everyday life entails when living in the ghettos and there are no protective figures as well as loving parents and careful masters to guide them. Without the reassuring guidance of the latter, in places where the young are at the brake, it is difficult to withstand the worst temptations. For this reason, the message contained in Tupac’s songs is a message of understanding and exhortation for girls and boys who are abandoned by families, who are desperate, uneasy and unhappy, seeking in their heart the only therapy that can support their fragile soul . In this Tupac has managed to become a symbol of redemption from the poverty of the soul rather than from economic poverty.

cms_6453/4.jpg

Ragazzi dipingono un occhio Linda Antognini Spettatori al ballo Hip Hop

Based on a famous Tupac ‘s song: ’All Eyes on Me’ Linda asked anyone who wanted it, to join the Tupac project by drawing or painting an eye on the white canvas. It was a very significant community experience since, in a short time, the canvas was filled with eyes and one was not enough for the so many people, young and adult to draw the eye on it. So in the end, four canvas were filled.
. Symbolism is that of the eye that sees, feels and judges just as Tupac felt the accusing eye of a discriminating society on himself. The music of Tupac, who is not dead in the soul of those who listen to his songs, lives and will live because he sings the life of the wounded soul, those wounds which have no time because yesterday, today and tomorrow become a unique Time where fall and rebirth are part of man’s life now and forever.

cms_6453/italfahne.jpgEVENTO INTERNAZIONALE NEL CENTRO STORICO DI MARTINA FRANCA

RICORDANDO IL CELEBRE CANTANTE RAP TUPAC SHAKUR

E’ stata la passione verso l’arte ma anche la grande umanità e sensibilità dell’artista americana, Linda Antognini, a riportare nella cittadina pugliese di Martina Franca, il ricordo ancora vivo negli appassionati di musica rap, del grande cantautore Tupac Shakur. Con un nutrito programma culturale condiviso anche in alcune scuole della città di Martina Franca dove gli alunni hanno avuto modo di ascoltare, capire e interpretare i messaggi racchiusi nei testi scritti e cantati da Tupac, Linda Antognini è riuscita a ripercorrere con i suoi dipinti ispirati proprio alla musica e ai testi di Tupac, la vita travagliata del giovane cantautore il quale, nella sua prima fase adolescenziale, aveva sperimentato le difficoltà del vivere civile e le frustrazione dell’anima come spesso accade a tantissimi giovani nel mondo ai quali la vita, per cause non dipendenti dalla loro volontà, è ingenerosa. E’ proprio da queste esperienze di vita, vissuta per le strade delle grandi città americane dove i pericoli e le trappole sono sempre in agguato per travolgere e schiavizzare le fragili menti dei giovani, che il talento può sprigionarsi potenziato anche dalla sofferenza, dal pianto, dalla solitudine e dalla mancanza di affetto.L’evento, organizzato dall’artista Linda Antognini nata a Saint Louis da padre italiano e madre tedescaha scosso la cittadina martinese che ha partecipato con incredibile curiosità e interesse alla musica di Tupac e alle interpretazioni che con i suoi dipinti l’artista ha dato dei testi di Tupac stesso. La serata inaugurale è stata allietata da uno show di ballo hip hop proprio nello spazio esterno antistante la sala della Società Operaia, dove erano stati esposti i suoi dipinti.

All’intervistatore della emittente materana che opera anche in Puglia (TRM) , Linda Antognini racconta come, ascoltando per caso la musica rap di Tupac improvvisamente, sentì che quei testi riuscivano ad emozionarla scuotendola dalla tranquillità di vita vissuta fino ad allora al punto da accendere in lei una ispirazione artistica nuova. Si apriva al suo cuore un mondo che le parlava di umanità, di anima, di spirito, di sofferenza e di riscatto. Con la sua spiccata sensibilità di animo, comprende il messaggio di Tupac, entra nell’anima dei protagonisti di cui ShaKur si fa narratore ed interprete, e dal profondo della sua anima fa emergere quei colori che meglio si sposano con la intensità del dramma umano che viene raccontato da Shakur e, come lui, ella dipinge il suo messaggio al mondo, ai giovani di ogni razza e di ogni astrazione sociale, consapevole che oltre le apparenze batte lo stesso cuore, la stessa umanità, la stessa volontà di amare, di donare, di ricevere. E così Linda dipinge e colora la musica e le storie di Tupac , pescandole dalla sua intensa partecipazione alla sofferenza di questa umanità sepolta dall’indifferenza di altri uomini . Di sé, l’artista dice: ”Mi sono sentita attratta sin da quando ascoltai ‘Me Against the World’ per la prima volta, fui colpita da emozioni che neanche sapevo esistessero. Poi ascoltai il rap, ‘Brenda’s got a baby’. Il mio spirito si sciolse, a quel punto potei sentire l’emozione con cui Tupac cantava quelle liriche, ‘Well let me tell you how it effects the whole community’ . Capii che dovevo fare qualcosa e questo ‘qualcosa’ era: dipingere”.

Tupac rivelò il suo talento contagioso tanto che dopo la sua scomparsa, in tutto il mondo si sono vendute più di 85 milioni di dischi. Nonostante siano passati 21 anni dalla morte di Tupac Shakur avvenuta per mano di un killer all’età di 25 anni quando era all’apice del successo nel 1996, i giovani di oggi lo riconoscono e lo apprezzano perché i temi da lui cantati sono quelli che affliggono la società di oggi: la guerra, la discriminazione, la droga, la sopraffazione, la violenza…. Ma in particolare i brani musicali di Tupac erano ispirati alla vita difficile dei giovani più spesso negri che vivono in condizioni di povertà, di solitudine psicologica e spirituale oltre che fisica, in ambienti socialmente degradati come lo sono appunto i ghetti.

Tutta la sua musica è incentrata nel racconto di storie di giovani che non riuscendo a superare da soli le delusioni, le insoddisfazioni e l’angoscia del vivere in una società iniqua e discriminante finiscono per delinquere intraprendendo una strada fatta di soprusi, illegalità, di rischio estremo che quasi certamente li spinge a sfidare quotidianamente la galera e anche la morte. A ciò si aggiunge l’indifferenza della società che li discrimina, li giudica, li condanna... Molti brani di Tupac raccontano di abusi di ogni genere da parte del potere locale, delle forze dell’ordine, di corruzione delle istituzioni, di alcolismo, droga, prostituzione, di violenza tra bande ma anche di guerre che portano giovani senza colpa nel buio eterno di una tomba.

Sono questi i temi che ancora attraggono i giovani ascoltatori di tutto il mondo perché in essi si percepisce la volontà di riscatto per superare le difficoltà che il quotidiano comporta quando si vive nei ghetti e non si hanno accanto figure protettive come lo sono genitori amorevoli e maestri attenti. Senza la guida rassicurante di questi ultimi, in luoghi dove i ragazzi sono allo sbando è difficile resistere alle peggiori tentazioni. Per questo, il messaggio insito nei brani di Tupac è un messaggio di comprensione e di esortazione ai giovani, ragazze e ragazzi che abbandonati dalle famiglie, disperati, inquieti e infelici, ricercano in cuor loro l’unica terapia che possa sostenere la loro fragile anima. In questo Tupac è riuscito a diventare un simbolo di riscatto dalla povertà dell’ anima prima che dalla povertà economica.

Sulla base di una famosa canzone di Tupac: ‘All Eyes on Me’ Linda chiede a chiunque lo voglia, di partecipare al progetto Tupac disegnando o dipingendo un occhio sulla tela bianca. E’ stata una esperienza comunitaria molto significativa poiché la tela si è in poco tempo, riempita di occhi e da una, ne sono diventate quattro. Una simbologia quello dell’occhio che vede, sente e giudica proprio come Tupac sentiva gli occhi accusatori di una società discriminante su di se’. La musica di Tupac , che non è morto nell’anima di chi ascolta i suoi brani, vive e vivrà perché egli canta la vita dell’anima ferita , quella ferita che non ha tempo perché ieri , l’oggi e il domani diventano un solo tempo dove caduta e rinascita fanno parte della vita dell’uomo ora e sempre.

Elena Quidello

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su