IL PROVOCATORE

CAPITOLO 5 – IL MIRACOLO

IL_PROVOCATORE_CAPITOLO_5__IL_MIRACOLO.jpg

Il miracolo si richiede innalzando una preghiera all’universo e, per volontà divina, viene concesso gratuitamente. La scienza nega che i miracoli esistano. Eppure il mondo è pieno di storie ed eventi eccezionali, che scientificamente non possono essere spiegati. Anche la scienza rappresenta una particella del nucleo.

La mondanità vuole farci dimenticare l’esistenza di Dio. La festa di Halloween è per eccellenza l’evento dedicato a Lucifero. Infatti, in questa notte si compiono messe nere, nascondendo in particolare ai più piccoli il vero motivo di questa festa, facendo credere loro che sia divertimento il vero movente. Ma che divertimento ci può essere a vestirsi da mostro, o da strega, o da demone, o da zombie? Ergo: non lamentiamoci che i nostri figli stiano male, o abbiano gli incubi la notte. Chi crede in Dio, invece, commemora i defunti, dedicando loro preghiere.

cms_11448/2.jpg

Il Natale è un evento santo benché la macchina del marketing ci porti lontano dal suo vero significato. Esso acquisisce la veste di festa dei regali, in cui Babbo Natale sia un benefattore che porta i doni per grandi e piccini. Il Natale è la festa dell’amore verso tutti gli uomini, che diventa l’occasione di un banchetto con dolci di ogni genere, con cibi prelibati. Questa è la manipolazione. La verità invece è che l’universo ricorda il Natale come il giorno in cui è nato Gesù, duemila e diciotto anni addietro, per mezzo della santa famiglia di Nazareth.

Anche il giorno di Pasqua viene festeggiato con regali, uova con sorprese e colomba. Ma la verità è che a Pasqua si festeggia perché il Salvatore, il figlio di Dio è resuscitato, dando a tutti il potere di ritornare al Padre. Non più come servi, ma con la dignità di figli.

La preghiera

cms_11448/3.jpg

Molte persone odiano i loro simili, non conoscendo le dinamiche del male, ritengono che siano queste identità, a trasmettere energia negativa. Non è così. Facendo credere che non sia colpa sua, il male permette, tentando le persone che odia, che l’energia negativa che emana sia profusa ad altri. Quando entriamo nell’ottica della preghiera, del ringraziamento verso la natura ed il canto, otteniamo il risultato che l’odio si trasforma, e gli animi si plachino unendosi al nucleo. Allo stesso modo accade, anche quando gli uomini ci maledicono. Con effetto speculare, rispondendo alla maledizione, succede che ce la ritroviamo addosso, proprio come un boomerang. L’azione giusta da intraprendere è pregare e ringraziare, rivolti a benedire. La potenza benevola divina, trasformerà il male in bene.

Diceva Archimede: datemi una leva, e solleverò il mondo. La preghiera è una leva efficace, che fatta con cuore puro, solleva tutto.

Tutte le religioni ci invitano alla preghiera. La preghiera è la medicina dell’anima, sebbene la ricerca ci venga in aiuto servendosi della compassione, perché se non si credesse nell’uomo, non si potrebbe esercitare la missione di curare i malati.

Per guarire gli ammalati, risuscitare i morti, purificare i lebbrosi, Gesù (che non è un medico), si serve anche dei discepoli e dice: “Nel mio nome scacciate i demoni; gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”.

Il nucleo, avendo fatto tutto in maniera elementare, consente alle sue particelle di decidere di modificare il futuro, mediante la preghiera. Il conflitto di interesse scaturisce dalle particelle nere e bianche che si combattono, ognuno pregando il proprio dio. E’ cosi che è possibile cambiare il corso della storia. Siamo sempre noi che stabiliamo quello che diverremo. L’universo sa esattamente cosa pensiamo perché i nostri cuori sono collegati ad esso. Gesù non è un mago, ma semplicemente egli è Dio. Se chiediamo perdono all’universo, egli cancellerà qualsiasi colpa del nostro passato. Questo è il vero miracolo della vita. La preghiera è un canto che parte dal cuore. Va espressa all’universo con immensa gratitudine, e non deve essere una pretesa.

Susy Tolomeo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su