Huawei svela il P30 Lite con tripla fotocamera

Ecco tutte le caratteristiche ed il prezzo

Huawei_svela_il_P30_Lite.jpg

Assente durante la presentazione del P30 e del P30 Pro, Huawei svela finalmente il loro fratello minore, il P30 Lite. Quest’ultimo va a posizionarsi nella fascia media della serie 30, che arriverà in Italia agli inizi di maggio al prezzo di 369,90 euro. Segno distintivo di Huawei, ed in particolare della serie P, è la fotocamera: qui si presenta con tre sensori potenziati da un’intelligenza artificiale. Il principale è da 48 megapixel, coadiuvato da un ultra-grandangolare da 8 mp e da un sensore di profondità da 2 mp per i ritratti con effetto bokeh. La fotocamera anteriore per i selfie, invece, è da 8 mp, e consente lo sblocco con il riconoscimento facciale dell’utente. Manca però una dedicata esclusivamente allo zoom ottico. In poche parole, riesce facilmente a riprendere i soggetti o la scena con una buona luce, senza avere l’odioso effetto “fish-eye” tipico dei sensori grandangolari. Inoltre al buio è possibile utilizzare la modalità "Notte" che migliora notevolmente l’esposizione.

cms_12510/2.jpg

Un altro punto di forza di questo smartphone è l’estrema leggerezza ed eleganza: soli 7,4 mm di spessore e 159 grammi che, nonostante abbia una batteria da 3340mAh, in rapporto alla dimensione sono davvero pochi e a tutto vantaggio della portabilità e maneggevolezza. Anche perché, a discapito del nome, con il suo display IPS LCD Full HD Plus da 6,15 pollici va a posizionarsi esattamente tra il P30 (6,1”) ed il P30Pro (6,47”). Degno di nota è il processore Kirin 710 Octa-Core fino a 2,2 GHz, affiancato da 4GB RAM, una memoria di ben 128GB espandibili con micro-sd (davvero tantissimi nonostante le memorie di storage siano solo eMMC, e quindi pecchino in velocità) e con sistema operativo Android 9 Pie. Nonostante non sia una sua esclusiva, può anche vantarsi di avere una connessione wi-fi bridge, ovvero un “ponte” in grado di collegare tra di loro due o più reti diverse (solitamente delle LAN) in modo che possano comunicare tra di loro. Può tornare utile per condividere e scambiare dati tra i dispositivi di reti differenti oppure per condividere la connessione ad Internet con una o più reti non dotate di uscite autonome verso il web. Ovviamente, non possiamo pretendere di avere le stesse performance dei suoi fratelli maggiori, ma è Interessante il fatto che Huawei riesca sempre di più ad ottimizzare i suoi processori e produrli in casa di certo non fa che aumentare la probabilità di successo soprattutto con un’interfaccia grafica anch’essa creata in casa proprio per lavorare in sincrono con la CPU.

cms_12510/3.jpg

Dal 25 aprile sarà poi possibile acquistarlo in uno dei rivenditori autorizzati, per ricevere in regalo le Huawei Freebuds lite - valore commerciale di € 129,90 - ed un voucher Huawei Video dal valore di 30€, per fruire dei contenuti cinema selezionati dal servizio streaming on-demand riservato esclusivamente a dispositivi Huawei.

D’altra parte la concorrenza non è rimasta a guardare, infatti per un prezzo poco inferiore ci si può portare l’ultima novità di casa Xiaomi: il Mi 9 Se, arrivato da poco anche nel mercato italiano. Nonostante le specifiche tecniche siano pressoché simili al P30, il Mi 9 ha un innovativo design a sandwich con doppio vetro intervallato da una struttura in metallo posta tra due lastre di Gorilla Glass per garantire la massima resistenza. Anche questo smartphone è dotato di tripla fotocamera ma purtroppo presenta anche tre gravi mancanze, ovvero una porta audio 3,5 mm, degli altoparlanti stereo, e l’impossibilità di espandere la memoria.

In conclusione, il “piccolino” di casa Huawei sembra avere un ottimo rapporto qualità/prezzo, ma per saperne di più bisognerà attendere i primi di maggio.

Francesco Maria Tiberio

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su