Hommage to Gilles Caron – Couleurs

Photo display till 11th September 2015 at Palazzetto Bru Zane in Venice

Omaggio_a_Gilles_Caron_.jpg

French photographer, one of the greatest photographers of the Gamma Agency, during his short career, Gilles Caron covered most of the dramatic events of his time – revolts, famines and wars; between his voyages he photographed the world of cinema, with which he was closely associated.

cms_2653/2.jpg

He vanished in April 1970 at the age of 30 with two of his colleagues on a road in Cambodia controlled by the Khmer Rouge. In 2007 Marianne Caron, the wife of the photographer, created the Gilles Caron Foundation to award to the vanished photographer the place he deserves in the history of journalism, art and photography.

cms_2653/3.jpg

Vietnam. In 1955, Vietnam was divided into two states. South Vietnam was supported by the United States, North Vietnam by China and URSS. By the 1967, more than 500.000 American soldiers were in South Vietnam. In November 1967 at the battle of Dak To, the Americans wished to control the passage of the Ho Chi Minh Tral through which passed reinforcements and munitions. The battle was one of the fiercest of the Vietnam war. Gilles spent the months of November and December in Vietnam. He participated in the battle of Dak To, flying in a helicopter which brought back dead soldiers before setting off again. However, he also photographed the life of soldiers and life in Saigon.

cms_2653/4.jpg

Israel. Gilles went to Israel after completing a report on Sylvie Vartan who was presenting a fashion collection in her own name. He had noticed that there were a lot of troops movements. He left his film in Paris and set off again very quickly for Jerusalem. He had his films sent from Tel Aviv Airport and Gamma released his films all over the world , an action which gave widespread fame to the Gamma agency and Gilles Caron names. The 5th to 10th June 1967 saw the Six-Day War which opposed the state of Israel and three of its neighbours: Egypt, Jordan and Syria. Considering itself to the threatened, in particular by the Egypt of Gamal Abdel Nasser and by the new Palestine Liberation Organisation (PLO) of Yasser Arafat, which had been created in 1964, Israel launched a pre-emptive attack under the direction of the Minister of Defence Moshe Dayan. The Egypitian air force was destroyed on the ground. Israel annexed the West Bank, the Arab part of Jerusalem, the Golan Height, Gaza and Sinai with its oilfields, as far as the Suez Canal. One million Arabs fell under its administration whilst the state of Israel went from an area of 21,000 to 102,000 square kilometres.

cms_2653/5.jpg

Biafra. Nigeria in a former British colony. The war in Biafra lasted from 1967 to 1970. The region of Biafra, a province of Nigeria, became the Republic of Biafra, led by Colonel Ojukwu. The Nigerian government decided to impose a blockade on the province. China and France supported Biafra. Britain, the United States and the URSS supported the federal government. Starting at the time of the declaration of independence in May 1967, the war finished with the capitulation of the Briafran troops in January 1970. Famine caused one and a half million deaths. Médecins sans Frontières was born of the experience of French doctors in Biafra. Gilles Caron went to Biafra three times. In Avril 1968, he was charged with the repatriation of the body of a photographer who had worked for Gamma. In July, he discovered the reality of the famine and in November 1968, he accompanied the mercenaries.

cms_2653/6.jpeg

The Bru Foundaton was created by Doctor Nicole Bru to perpetuate the memory of the creators of UPSA Laboratories. From its headquarters in Geneva, it brings together all the philanthropic projects of Nicole Bru. In the service of greats causes, it offers to people of talent and to initiators the means to forge ahead in order to change things for the good, and for good. It supports and accompanies innovative projects that are well-conceived and inspired by long-term vision, and this for the lifetime of the projects, making theme quite simply possible. The Bru Foundation acts in varied domains: arts and heritage, education and research, health and health handicap. Committed, profoundly humanist and pioneering, modeled on the family of enterprising of which it carries the name, it puts man at the heart of its actions.

cms_2653/Bandiera-italia.jpgOmaggio a Gilles Caron – Couleurs.

Esposizione di fotografie fino all’11 settembre 2015 al Palazzatto Bru Zane di Venezia.

Fotografo francese, e uno tra i più importanti fotografi dell’Agenzia Gamma, Gilles Caron ha seguito e documentato, nel corso della sua breve carriera, la maggior parte degli avvenimenti drammatici della sua epoca – rivolte, guerre e carestie – e fotografato tra un viaggio e l’altro, il mondo del cinema che conosceva bene. Muore a soli trent’anni nell’aprile 1970, insieme a due colleghi, su una strada della Cambogia controllata dai Khmer rossi. Nel 2007, la vedova Marianna Caron ha creato la Fondation Gilles Caron, per dare a Gilles Caron il posto che merita nella storia del giornalismo, dell’arte e della fotografia. Vietnam. Nel 1955, il Vietnam è tagliato in due. Il Vietnam del Sud è sostenuto dagli Stati Uniti, il Vietnam del Nord dalla Cina e dall’URSS. Nel 1967 nel Vietnam del Sud sono presenti più di 500.000 soldati americani. Nel novembre 1967 ha luogo la battaglia di Dak To: gli americani vogliono controllare il transito sulla pista di Ho Chi-Minh, da cui passano rinforzi e munizioni. La battaglia sarà una delle più aspre e sanguinose di tutta la guerra. Gilles trascorre i mesi di novembre e dicembre in Vietnam; partecipa alla battaglia di Dak To a bordo dell’elicottero che trasportava i soldati morti, ma fotografa anche la vita dei soldati e la vita a Saigon. Israele. Gilles Caron era andato in Israele per realizzare un servizio su Sylvie Vartan, che presentava una collezione di moda firmata da lei. Aveva notato che c’erano parecchi movimenti di truppe. Gilles depositò le sue pellicole a Parigi e ripartì subito dopo per Gerusalemme. Fece partire i suoi film all’aeroporto di Tel Aviv e Gamma le diffuse nel mondo intero, facendo così conoscere a tutti il nome dell’agenzia Gamma e quello di Gilles Caron. Dal 5 al 10 giugno 1967 si svolse la cosiddetta “Guerra dei Sei Giorni”, che contrappose lo Stato d’Israele, guidato dal Primo ministro Levi Eshkol, a tre Paesi confinanti; l’Egitto, la Giordania e la Siria. Ritenendosi minacciato in particolare dall’Egitto di Gamal Abd el- Nasser e dall’OLP (l’Organizzazione per la liberazione della Palestina), fondata nel 1964 da Yasser Arafat, Israele sferrò un attacco preventivo sotto il comando del ministro della Difesa, Moshe Dayan. L’aviazione egiziana fu distrutta a terra. Israele si annetté la Cisgiordania, la parte araba di Gerusalemme, la piana siriana di Golan, Gaza e il Sinai con i suoi giacimenti petroliferi, fino al canale di Suez. Un milione di arabi passarono sotto la giurisdizione israeliana, e lo Stato d’Israele aumentò il proprio territorio da 21.000 a 102.000 km². Biafra. La Nigeria è un’antica colonia britannica. La guerra del Biafra è durata dal 1967 al 1970. Il Biafra è una provincia della Nigeria, proclamata Repubblica del Biafra sotto la Presidenza del colonnello Ojukwu. Il governo nigeriano decide il blocco economico della provincia. La Cina e la Francia sostengono il Biafra, mentre la Gran Bretagna, gli Stati Uniti e l’URSS appoggiano il governo federale. La guerra, iniziata con la dichiarazione d’indipendenza nel maggio 1967, terminerà con la capitolazione delle truppe biafrane nel gennaio 1970; la carestia provocherà oltre un milione e mezzo di morti. Médecins sans frontières è nata dall’esperienza dei medici francesi nel Biafra. Gilles è stato in Biafra tre volte. Nell’aprile 1968, è incaricato di rimpatriare la salma di un fotografo che lavorava per l’agenzia Gamma. In luglio documenta la carestia, e nel novembre 1968 segue i mercenari. La Fondation Bru, creata su iniziativa di Nicole Bru per perpetuare la memoria dei fondatori dei Laboratoires UPSA, ha sede a Ginevra e comprende l’insieme delle attività filantropiche della dottoressa Nicole Bru. Sempre al servizio delle grandi cause, offre ai talenti e alle belle iniziative i mezzi per progredire e cambiare le cose in modo duraturo; favorisce e accompagna nel tempo progetti innovativi, ben concepiti, sostenuti da una visione a lungo termine..a volte rendendoli semplicemente possibili. La Fondation Bru è attiva in molti e diversi settori: arti e patrimonio, formazione e ricerca, salute e disabilità. Impegnata, profondamente umanista, antesignana, a immagine della famiglia di ricercatori e imprenditori di cui porta il nome, pone l’umanità al centro delle sue azioni.

Domenico Moramarco

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App