Greenland Into White. The last boundary

The current photo reportage at Tre Oci Gallery

1488597941Upcoming_exhibitions_in_Venice.jpg

cms_5688/0.jpg

The defence of one of the last natural environments still not exploited by mankind; the imminent danger of global warming; awareness of the themes of environmental sustainability and climate change; the dialectic between nature and civilisation.

cms_5688/1.jpg

These are the questions at the heart of the show Artico. Ultima frontiera (The Arctic. The Final Frontier) in programme from 15 January to2 April 2017 at the Casa dei Tre Oci, Venice.
Curated by Denis Curti, the show will present 120 images, all in black and white, by three such masters of reportage photography as Paolo Solari Bozzi (Rome, 1957), Ragnar Axelsson (Kopavogur, Iceland, 1958), and Carsten Egevang (Taastrup, Denmark, 1969).

cms_5688/2a.jpg

The exhibition is an in-depth inquiry, examined from three different points of view, into a huge area of the planet that includes Greenland, Siberia, Alaska, and Iceland, and into the life of the Inuit people, of only 150,000 individuals forced to deal, in their everyday life, with the difficulties of a hostile environment.

cms_5688/3.jpg

Denis Curti, the artistic director of the Tre Oci, says “in these images the proximity of global warming is pressing, while there has now opened a confrontation in which man and his works are being swallowed by the immense power of nature. Beauty and adversity are the concepts on which the Casa dei Tre Oci has based this project, with a show that aims to bring attention back to natural landscapes and the environmental issues of today”.

cms_5688/4.jpg

The points on which the three photographers concentrate are the slow yet inexorable fight against environmental difficulties, the landscape, the lifestyle of a millennial culture and that of contemporary civilisation, as well as the dramatic scenario of climate change, the result of global warming.

cms_5688/6.jpg

For this exhibition at the Casa dei Tre Oci, Paolo Solari Bozzi is presenting a new project, the result of his journey between February and April this year along the eastern coast of Greenland when he visited numerous villages; he has recorded the everyday life of a populace that has chosen to live in a difficult environment.
Paolo Solari Bozzi’s reportage will be published in English and italian in a book published by Electa Mondadori: Greenland into White.

cms_5688/7.jpg

The Inuit people are at the centre of the research by Ragnar Axelsson who, from the early 1980s, has journeyed to the last offshoots of the inhabited world in order to record and share the lives of the hunters in the extreme north of Canada and Greenland, of the farmers and fishermen of the North Atlantic area, and the indigenous peoples of northern Scandinavia and Siberia.

cms_5688/8.jpg

Ragnar Axelsson records villages that have by now disappeared, whole communities by now reduced to only two old people who live in a large house with only one room heated. He records the trades that no one undertakes any more, and the men who battle for everyday survival. But what emerges from Axelsson’s photos is above all the humanity that he has come across when following the long tracks of the Arctic region.

cms_5688/10.jpg

For his part, Carsten Egevang who, from his starting point of a scholastic education in biology, went to live in Greenland from 2002 to 2008 to study the oviparous animals of the Arctic region, was able to record with his camera the untamed nature and the traditional way of living of the Inuit people.

cms_5688/11.jpg

Next to these powerful images of a broken yet fascinating nature, three documentaries add to the narrative of the northern regions: SILA and the Gatekeepers of the Arctic, made by the Swiss photographer and film director Corina Gamma; Chasing Ice, directed by the young American film maker Jeff Orlowski; and The Last Ice Hunters, a documentary by Jure Breceljnik & Rožle Bregar, film directors from the Czech Republic.

The exhibition will close with an auction of the works on show.

cms_5688/italfahne.jpgUltima Frontiera

Il foto reportage in mostra presso la Galleria Tre Oci di Venezia

La difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà.
Sono questi gli argomenti attorno cui ruota la mostra Artico. Ultima frontiera in programma dal 15 gennaio al 2 aprile 2017 alla Casa dei Tre Oci di Venezia.
L’esposizione, curata da Denis Curti, presenta 120 immagini, rigorosamente in bianco e nero, di tre maestri della fotografia di reportage, quali Paolo Solari Bozzi (Roma, 1957), Ragnar Axelsson (Kopavogur, Islanda, 1958) e Carsten Egevang (Taastrup, Danimarca, 1969).
La rassegna è un’indagine approfondita, attraverso tre angolazioni diverse, di un’ampia regione del pianeta che comprende la Groenlandia, la Siberia, l’Alaska, l’Islanda, e della vita della popolazione Inuit, di soli 150.000 individui, costretti a gestire, nella loro esistenza quotidiana, la difficoltà di un ambiente ostile.
“In queste immagini – afferma Denis Curti, direttore artistico dei Tre Oci – l’imminenza del riscaldamento globale si fa urgenza, mentre si apre un confronto doloroso in cui l’uomo e le sue opere vengono inghiottiti dall’immensa potenza della natura. Bellezza e avversità sono i concetti su cui la Casa dei Tre Oci fonda questo progetto, con una mostra che intende riportare l’attenzione sui paesaggi naturali e le tematiche ambientali dei nostri giorni”.
La lotta con le difficoltà dell’ambiente, il passaggio, lento ma inesorabile, dallo stile di vita di una cultura millenaria a quella della civilizzazione contemporanea, cui si aggiunge il drammatico scenario del cambiamento climatico, figlio del surriscaldamento ambientale, sono i punti su cui s’incentrano le esplorazioni dei tre fotografi.
Per questo appuntamento alla Casa dei Tre Oci, Paolo Solari Bozzi presenta il progetto inedito, frutto del suo viaggio, tra febbraio e aprile di quest’anno, sulla costa orientale della Groenlandia, nel quale ha visitato numerosi villaggi, riportando la quotidianità di una popolazione che ha scelto di vivere in un ambiente difficile.
Il reportage di Paolo Solari Bozzi sarà pubblicato nel volume, in edizione inglese e italiana, Greenland Into White (Electa Mondadori).
Proprio le popolazioni Inuit sono al centro della ricerca di Ragnar Axelsson che, fin dai primi anni ottanta, ha viaggiato nelle ultime propaggini del mondo abitato per documentare e condividere le vite dei cacciatori nell’estremo nord del Canada e della Groenlandia, degli agricoltori e dei pescatori della regione dell’Atlantico del nord e degli indigeni della Scandinavia del nord e della Siberia.

Ragnar Axelsson racconta di villaggi ormai scomparsi, di intere comunità ridotte a due soli anziani che resistono in una grande casa scaldando una sola stanza; racconta di mestieri che nessuno fa più e di uomini che lottano per la sopravvivenza quotidiana. Ma dalle stampe di Axelsson emerge soprattutto l’umanità che ha incontrato sulle lunghe piste delle regioni artiche.
Dal canto suo, Carsten Egevang, partendo da una formazione accademica in biologia, che lo ha portato dal 2002 al 2008 a vivere in Groenlandia e a studiare la fauna ovipara della regione artica, ha saputo documentare con la sua macchina fotografica la natura selvaggia e la tradizionale vita delle popolazioni Inuit.
Accanto alle potenti immagini di una natura infranta e al contempo affascinante, tre documentari arricchiscono la narrazione delle regioni del Nord: SILA and the Gatekeepers of the Arctic, realizzato dalla regista e fotografa svizzera Corina Gamma; Chasing Ice, diretto dal giovane film-maker americano, Jeff Orlowski; The Last Ice Hunters, un documentario dei registi della Repubblica Ceca Jure Breceljnik & Rožle Bregar.

Chiuderà la rassegna un’asta delle fotografie in mostra.

Domenico Moramarco

Tags: Artico Ultima Frontiera Galleria Tre Oci Venezia

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App