Governo, Conte: "Verifica a gennaio, gente vuole chiarezza"

Mes, Meloni a Bruxelles contro la riforma "a queste condizioni" - Sardine, Fico: "Spero Movimento resti libero dai partiti" - M5S, nodo capogruppo: verso squadra unica Crippa-Ricciardi-Silvestri

NEWS_POLITICA_ITALIANA_10_12_2019.jpg

Governo, Conte: "Verifica a gennaio, gente vuole chiarezza"

cms_15227/conte_giuseppe_esterno_giorno_1_fg.jpg

La verifica di maggioranza a gennaio chiesta dal Pd? "Io ritengo che ogni cosa abbia il suo tempo, in questo momento il governo, le forze politiche e tutto il paese è concentrato sulle misure contenute nella manovra e nel dl fiscale, questo ci terrà impegnati fino a fine mese, un attimo dopo mi farò portatore di questa iniziativa, è assolutamente necessario". Lo dice il premier Giuseppe Conte, rispondendo alle domande dei cronisti dopo un caffè a due passi da Palazzo Chigi. "E’ vero che abbiamo punti programmatici ben chiari che sono alla base di questo governo, ma è anche vero - riconosce Conte - che non abbiamo scritto quali sono le priorità, il cronoprogramma. Quindi chiederò alle forze politiche di condividere un percorso anche a livello di priorità che dovremo andare a perseguire e a realizzare: il Paese vuole chiarezza, non possiamo permetterci di proseguire con dichiarazioni, differenti sensibilità, sfumature varie, diversità di accenti, però questo a gennaio, adesso parliamo della manovra". Argomento già trattato questa mattina intervenendo al Rome investment forum 2019

Mes, Meloni a Bruxelles contro la riforma "a queste condizioni"

cms_15227/meloni_mes_bruxelles_adn_.jpg

"Penso che sarebbe tatticamente un enorme errore quello di dare l’ok alla riforma del fondo Salva Stati", il Meccanismo Europeo di Stabilità, "senza avere il testo, non la roadmap, della riforma dell’Unione bancaria. Vogliamo sapere nero su bianco che cosa c’è in tutti i tre pilastri". Lo dice la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, a Bruxelles durante un presidio organizzato dal partito davanti alla sede del Consiglio contro la riforma del Mes. "Approviamo tutto il pacchetto insieme - continua Meloni - con tutte le norme messe nero su bianco. Quello è un modo intelligente di fare una trattativa: non che prima porti a casa quello che vuoi tu poi discutiamo di quello che voglio io. Io di trattative non sono un fenomeno, ma queste cose banali le ho capite". I tre elementi del ’pacchetto’ sono la riforma del Mes, che è stata quasi chiusa; progressi sull’Unione Bancaria, in particolare sull’Edis, lo schema europeo di garanzia dei depositi, e il bilancio dell’Eurozona (del quale il Bicc, approvato nello scorso ottobre, è un embrione).

"Spero che mercoledì riusciamo a far passare a maggioranza una risoluzione che impegni il governo a non sottoscrivere il trattato" di riforma del Mes "a queste condizioni", è l’auspicio della presidente di Fratelli d’Italia. "Sperando - aggiunge - che ci sia anche qualcuno dei Cinquestelle. Se c’è ancora qualche persona di buona volontà, come penso che sia, che è arrivata in Parlamento credendo in quello che diceva, che voti in dissenso dal gruppo, anche se il gruppo dovesse imporre un voto che tradisce quello che c’è scritto nel programma... per non svendere proprio tutto al dio poltrona. Spero che ci possano essere colleghi in buona fede che o non votano o votano in dissenso dal loro gruppo. Ci sono volte in cui è necessario farlo", conclude.

Sardine, Fico: "Spero Movimento resti libero dai partiti"

cms_15227/fico_roberto_ftg.jpg

"L’unico consiglio non richiesto che mi sento di dare" al movimento delle Sardine "è che in questa fase storica è bene che ci sia un movimento che rimanga libero, lontano dai partiti e soprattutto da una sirena che a volte è molto più grave, che è quella della comunicazione a tutti i livelli". Lo ha affermato il presidente della Camera, Roberto Fico, incontrando l’Associazione stampa parlamentare per gli auguri natalizi.

"Persone che si aggregano, gente che va in piazza -ha aggiunto- è sempre una buona notizia per il Paese, perché significa avere una democrazia viva".

M5S, nodo capogruppo: verso squadra unica Crippa-Ricciardi-Silvestri

cms_15227/M5S_Cartelli_Fg_Ipa_rit.jpg

Potrebbe essere sciolto a breve il nodo dell’elezione del nuovo capogruppo 5 Stelle alla Camera. A quanto apprende l’Adnkronos, si va verso una squadra unica composta da Davide Crippa (presidente) Riccardo Ricciardi (vice) e Francesco Silvestri (tesoriere). La presentazione dei candidati dovrebbe avvenire domani, mentre il voto è fissato per mercoledì.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App