Foto americano bendato, indagato chi la scattò

Brescia, 30 bambini intossicati in colonia - "Mi sposi?", la romantica proposta nella Valle dei Templi - Un terzo industria della vacanza è donna - Barca a vela sugli scogli a Fiumicino

12_9_2019piccola_Notizie_daLL_Italia.jpg

Foto americano bendato, indagato chi la scattò

cms_13802/bendato_americano_dir.jpg

Sono due gli indagati nel filone di indagine relativo alla foto di Chistian Gabriel Natale Hjorth, l’americano accusato di concorso nell’omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, bendato e ammanettato nella caserma dei Carabinieri di via in Selci. Oltre a chi ha bendato il giovane californiano è ora indagato anche chi ha scattato la foto. Le indagini degli inquirenti vanno avanti ora per individuare chi ha postato per primo l’immagine in una chat, arrivando poi agli organi di informazione, ricostruendo così tutti i passaggi. Anche se non è escluso, al momento, che possa trattarsi dello stesso militare che ha scattato la foto. Finora sono decine i militari ascoltati in tutta Italia.

Intanto, è stato ascoltato questo pomeriggio dai pm a piazzale Clodio Andrea Varriale, il collega del vicebrigadiere ucciso. Varriale era in servizio con Cerciello la notte tra il 25 e il 26 luglio quando il vicebrigadiere è stato accoltellato. Il carabiniere è stato sentito per la terza volta alla presenza del procuratore facente funzioni Michele Prestipino e del procuratore aggiunto Nunzia D’Elia.

Brescia, 30 bambini intossicati in colonia

cms_13802/colonia_bambini_ft.jpg

Intossicazione alimentare per 30 bambini di una colonia estiva di Precasaglio, in provincia di Brescia. I bambini, di età compresa fra gli 11 e i 13 anni, sono stati colpiti da vomito e dissenteria, come informa l’Areu, l’azienda regionale emergenza urgenza.

"Mi sposi?", la romantica proposta nella Valle dei Templi

cms_13802/proposta_matrimonio_valle_templi_us.jpg

Una proposta di matrimonio dinanzi agli dei greci e a oltre 700 spettatori, all’alba nella Valle dei Templi di Agrigento. Protagonisti sono stati due giovani, Daniele Rosapinta, videofotografo della kermesse e la sua fidanzata Valentina Basile, dapprima divertita, poi sorpresa e infine emozionata alla richiesta con tanto di presentazione del classico anello.

E’ successo tutta all’alba di oggi, verso la fine dello spettacolo, con il pubblico che rientrava e la Valle dei Templi appena illuminata dal sorgere del sole. Daniele, che oltre a curare i social del Parco, realizza le foto e i video, affida a un amico la macchina fotografica e si inginocchia davanti alla fidanzata Valentina per regalarle l’anello.

Gli spettatori, italiani e tantissimi stranieri, sul momento pensano sia un’altra performance, legata allo spettacolo ’Albe’ ma poi capiscono, li circondano e applaudono. E con loro, tutti i figuranti vestiti da dei. Le prossime visite teatralizzate alla Valle dei Templi di Agrigento sono programmate per le domeniche 18 e 25 agosto e 1° settembre.

Un terzo industria della vacanza è donna

cms_13802/spiaggia_lido.jpg

Quasi un terzo dell’industria della vacanza è in mano alle donne d’impresa. Sono infatti oltre 148mila le imprese femminili che si occupano di attività di ristorazione e alloggio, di servizi turistici o legati all’intrattenimento e al divertimento, il 29,5% del totale. Sensibile la crescita di questo insieme in 4 anni: +8,7% e quasi 12mila imprese in più. Dall’elaborazione effettuata dall’Osservatorio sull’imprenditorialità femminile di Unioncamere e InfoCamere, sulla base dei dati al 30 giugno scorso, emergono con chiarezza i settori turistici a maggior vocazione femminile, ma anche quelli che in questi ultimi anni hanno attratto maggiormente le donne.

Come mostrano i tassi di femminilizzazione di questi settori (dati dal rapporto tra imprese totali e imprese femminili), nell’avviare un’attività dedicata alla vacanza e al divertimento, le donne puntano di più sui bed and breakfast e sulle case vacanza piuttosto che sugli alberghi, sui bar piuttosto che su ristoranti, sui parchi divertimento e sui parchi tematici piuttosto che sugli stabilimenti balneari o sulle palestre.

E diventano quasi decisive, ’pesando’ oltre il 40% del totale, in tutti quegli ambiti in cui probabilmente la capacità organizzativa o un più elevato titolo di studi fanno la differenza: quasi il 42% delle agenzie di viaggio è al femminile, lo sono anche il 40% delle imprese che forniscono servizi su prenotazione e guide turistiche, e, sebbene con numeri complessivamente più contenuti, al femminile è anche il 41% delle attività di biblioteche ed archivi, così come lo è il 30% circa dei musei.

Il confronto con il 2015, poi, mostra una vera ’impennata’ di imprese guidate da donne nel settore dei bed and breakfast e delle case vacanze (+4.258 imprese) e in quello dei servizi di prenotazione e guide turistiche (+517). Oltre 5mila in più, inoltre, i ristoranti gestiti da donne rispetto a 4 anni fa e circa 1.300 i bar al femminile aggiuntivi rispetto alla fotografia scattata a fine giugno 2015.

Il settore dell’alloggio e della ristorazione, comparto fondamentale dell’industria turistica nazionale, rappresenta del resto uno degli ambiti in cui il milione e 338mila imprese femminili sono più diffuse: 133.531 quelle registrate a fine giugno scorso, pari al 29,37% del totale. In termini di numerosità, comunque, i primi settori per partecipazione femminile all’impresa sono il commercio, con oltre 356mila imprese guidate da donne, e l’agricoltura, con più di 211mila.

Anche l’elevata presenza di imprese femminili nel commercio e nel turismo è probabilmente tra le ragioni per cui più di un terzo delle attività guidate da donne si concentra nella città metropolitane, a partire da Roma, Milano e Napoli. In termini di incidenza percentuale sul totale delle imprese registrate, invece, sono alcune piccole province, molte delle quali del Mezzogiorno, a trainare la classifica nazionale, a cominciare da Benevento, Avellino e Chieti, in cui le donne di impresa sfiorano il 30% delle attività totali.

Barca a vela sugli scogli a Fiumicino

cms_13802/barcavela_scogli_us.jpg

Una barca a vela di 12 metri in balia delle onde è andata a sbattere contro gli scogli del vecchio faro a Fiumicino. Veniva da Ostia ed era diretta a Civitavecchia, ma l’incidente è stato causato dalla vela centrale strappata. Sull’imbarcazione, gravemente danneggiata e affondata subito dopo, erano presenti due persone che hanno lanciato l’allarme e sono stati salvati. Sul posto la Capitaneria di Porto, la Protezione Civile di Fiumicino, i vigili del fuoco e il 118. Già da domani è previsto un primo intervento dei sommozzatori della protezione civile di Fiumicino per la valutazione dei danni.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su