FUORI PORTA

Calendimaggio e Sagra dei Vertuti, è festa a Paganico Sabino (RI)

30_4_2019_Turismo_Fuori_porta__-_Copia_-_Copia.jpg

Un suggestivo rito arcaico e una gustosa ricetta tipica: a Paganico Sabino la festa del 1° maggio è all’insegna di questi due “ingredienti”, che danno vita a una giornata affascinante che affonda le sue radici nella notte dei tempi.

cms_12658/Paganico-Sabino-1-maggio-750x422.jpg

Il ritorno alla vita e la rinascita rappresentano l’allegoria del “Calendimaggio”, una festa tipica della tradizione contadina che nei secoli passati salutava l’arrivo della buona stagione dopo il rigido inverno. E così anche quest’anno alle 11.30, tornerà puntuale nell’antico borgo della Valle del Turano l’affascinante rito: rigorosamente digiuni, gli abitanti del posto immergeranno tre ghiere di noci in un bicchiere colmo di vino pronunciando “San Félìppu e Jàku, faccio a Kalènnemàju, se mòro affonno, se nò ritorno”. Se le noci resteranno a galla, quella in arrivo sarà un’ottima stagione per il raccolto!

cms_12658/vertuti2-2.jpg

La festa si sposterà poi in tavola con la “Sagra dei Vertuti”, una prelibata zuppa primaverile a base di legumi e cereali (fagioli, ceci, fave, grano e granturco) aromatizzata con foglioline di timo selvatico e condita con l’olio d’oliva della Sabina, da gustare insieme ai maccheroni al pomodoro, alle salsicce, alle bruschette e a un buon bicchiere di vino nel centro diurno con posti coperti da capienti tensostrutture. L’evento strizzerà inoltre l’occhio all’ambiente, cercando di ridurre al massimo la produzione di rifiuti: per la prima volta l’edizione 2019 sarà totalmente plastic free!

cms_12658/tempo-libero-bolzen-2014.jpg

E oltre alla gastronomia, sono in programma tanti momenti che fonderanno sapientemente il folclore all’intrattenimento. I prodotti tipici della zona saranno in bella mostra negli stand allestiti per l’occasione e i visitatori – che avranno a disposizione anche un comodo servizio gratuito di bus navetta – potranno ammirare il Belvedere della Rocca, seguendo il percorso pilota dalla Torre Portaia; da qui è possibile scorgere i boschi di querce, castagneti secolari e faggeti che circondano Paganico Sabino, un paradiso naturalistico che in primavera mostra i suoi colori più belli.

cms_12658/00.jpg

Tra la Riserva Naturale Monte Cervia e il Monte Navegna, il borgo a due passi dal Lago del Turano ha mantenuto l’aspetto di un “castrum” medioevale, con l’ingresso segnato da due porte che conducono tramite strettissime viuzze nel centro storico dominato dalla chiesa di Santa Maria dell’Annunciazione. Meritano una visita anche la parrocchiale San Nicola e la chiesa di San Giovanni Battista, mentre a poca distanza dall’abitato sorge la suggestiva “Pietra Scritta”, monumento funerario della famiglia dei Muttini risalente alla seconda metà del I secolo a.C.

Info:Data – 1 maggio - Località – Paganico Sabino (Rieti) - sms a 3408505381

Roberto Pedron

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su