FERRARI NUOVAMENTE BEFFATA!

Questa volta è toccato a Leclerc. Sul circuito di Spielberg ha vinto Verstappen; i commissari di gara ci mettono tre ore per decidere l’ordine di arrivo

1561949114GP_D_AUSTRIA_1_7_2019.jpg

Che peccato, neanche questa volta la Ferrari riesce a salire sul gradino più alto del podio. Sembrerebbe che la FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) applichi le regole usando due pesi e due misure. Nel Gran Premio d’Austria gli steward della gara hanno tenuto inutilmente col fiato sospeso i tifosi e gli appassionati italiani della Formula 1, non penalizzando Verstappen per un sorpasso scorretto a Leclerc, sul finale di gara. Così come già capitato a Vettel in Canada, questa volta è stato il monegasco a vedersi negata una meritata vittoria; la prima della stagione. Eppure stava andando tutto bene sin dalla partenza, ma a pochi giri dal termine la SF90 di Charles Leclerc ha iniziato a perdere aderenza e potenza, facendosi sorpassare da Max Verstappen (Red Bull) a meno di due giri dalla fine. Terza la Mercedes di Bottas, mentre Lewis Hamilton (Mercedes), al 69°giro si è visto soffiare la quarta posizione da Sebastian Vettel che per pochi decimi di secondo non è andato a podio al posto del finlandese. Nella vittoria dell’olandese, probabilmente ha anche influito il pasticcio ai box Ferrari durante il primo pit stop per il cambio gomme della monoposto di Vettel; fino a quel momento davanti alla Red Bull vincitrice del gran premio. E il rammarico per la scuderia di Maranello non è solo per una sconfitta arrivata a un giro e mezzo dal termine della corsa, ma per la beffa subita, ancora una volta, dalla Commissione di gara che, dopo quasi tre ore di investigazione, ha confermato l’ordine di arrivo con Verstappen primo e Leclerc secondo. Questo gp, comunque, verrà ricordato per la prima fila più giovane nella storia della Formula 1, e adesso, sicuramente, il mondiale ha due nuovi protagonisti, nonostante la distanza dalla testa della classifica che vede Hamilton leader con 197 punti, Bottas 166 pt, Verstappen 126, Vettel 123 e Leclerc 105. Prossimo appuntamento domenica 14 luglio a Silverstone per il gp di Gran Bretagna.

cms_13328/Foto_1.jpg

LA GARA

Gran Premio d’Austria; nona uscita stagionale. Si corre per 71 giri sul circuito “Red Bull Ring” di Spielberg, con la pista lunga 4318 metri. L’anno scorso, dopo la pole Mercedes con Bottas, Verstappen (Red Bull) vinse mettendosi alle spalle Raikkonen e Vettel. La Ferrari di Leclerc, protagonista nelle qualifiche del weekend, parte alla pole seguito da Verstappen e Bottas. Quarto posto per Hamilton (Mercedes), dopo la penalità per aver pericolosamente incrociato, in Q1, l’Alfa Romeo di Raikkonen. Solo nona posizione per Vettel (Ferrari), a causa di problemi tecnici alla macchina tra le Q2 e Q3. Oltre 100mila spettatori per una gara nel ricordo di Niky Lauda.

cms_13328/Foto_2.jpg

CRONACA

Pochi secondi al via per il giro di riscaldamento.

Semaforo verde, via!

Ottima partenza per Leclerc, disastrosa per Verstappen che viene risucchiato finendo in settima posizione alle spalle di Vettel; Bottas, invece, trova gli spazi per mettersi subito alle spalle di Leclerc, seguito dal proprio compagno di scuderia

Al 4° giro la situazione vede Lecelrc in testa seguito da Bottas, Hamilton e Raikkonen. Vettel ingaggi auna battaglia con Norris per la quinta posizione.

Al 13° giro Leclerc è il più veloce, aumentando il distacco dalle due Mercedes di 4’’ su Bottas e 10’’ su Hamilton

Giro più veloce di Vettel al 19°; il distacco da Hamilton si porta a meno di 3 secondi

Al 22° pit stop per Bottas e Vettel; ai box Ferrari, intanto, i meccanici pasticciano nel cambio gomme, facendo rientrare il pilota tedesco in 7ma posizione alle spalle di Norris

In attesa dello stop di Hamilton e Verstappen, Leclerc è in terza posizione a 15’’ dal campione del mondo

Hamilton al 31° giro si ferma per cambiare l’anteriore e rientra alle spalle di Vettel; stop anche per Verstappen

Leclerc ritorna in testa al gran premio, seguito a 4’’ da Bottas e circa 9 da Vettel

Dopo 40 giri, il team radio Ferrari ordina a Leclerc di correre in fuel saving

Al 50° Verstappen, va sotto il secondo, apre il drs e sorpassa Vettel in terza posizione

Pit stop Ferrari per cambio gomme a Vettel

Al 56° Verstappen sorpassa anche Bottas; adesso è a 5’’ da Leclerc

Al 62° Leclerc perde su Verstappen, Vettel guadagna su Hamilton

A 4 dal termine Verstappen soffia sul collo a Lcelerc

Al 69° Verstappen sorpassa Leclerc e passa in testa; ma l’olandese finisce sotto investigazione per aver toccato la Ferrari non dandogli spazio

Al 70° Vettel sorpassa Hamilton

Vince Verstappen, seguito da Leclerc e Bottas; quarto Vettel, quinto Hamilton

cms_13328/FOTO_3.jpg

I PROTAGONISTI(ai microfoni Sky)

VERSTAPPEN - “Dopo quella partenza pensavo che il GP fosse finito, poi ho spinto a tutta e spiattellato una gomma, ma dopo in rettilineo siamo riusciti a fare un buon passo ed effettuare bei sorpassi - dice il vincitore del go -. Vincere qui è incredibile. - riguardo al contatto con Leclerc - È stata una battaglia normale (ndr,), credo che il risultato debba essere confermato. È solo gareggiare, sennò bisogna chiudere la F.1”.

LECLERC - “Tutta la gara è stata buona, poi Max è risalito alla grande. - E sull’episodio finale? - Facciamo decidere gli stewart, dalla macchina per me è tutto chiaro. Io ero all’esterno come il giro precedente: in quel caso lui ha lasciato spazio, ma in quello successivo no e sono stato costretto ad andare largo all’esterno della pista. Peccato, ma la prestazione resta”.

BOTTAS – “Credo che questo sia il miglior risultato possibile, abbiamo avuto un surriscaldamento del motore e non ho gareggiato come volevo, ma ho preso buoni punti e ora pensiamo al prossimo GP”.

VETTEL – “Sono sempre positivo. Guido una grande macchina e questo weekend è stato meglio per noi; ma sono molto deluso di me per ieri, anche se oggi per me la gara è stata un divertimento. E sono deluso anche per Charles, dopo che ha fatto una grande gara. Comunque sappiamo cosa fare per migliorare la macchina, ma non è possibile farlo in un giorno”.

(Photo courtesy – formula1.com)

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su