Exhibition Alighiero Boetti: Minimum/Maximum

Giorgio Cini Foundation, Island of San Giorgio Maggiore

Mostra_Alighiero_Boetti.jpg

cms_6245/1.jpg

An exhibition celebrating the genius of the Turin artist with over twenty striking works selected for the first time according to format to produce a comparison of “minimum” and “maximum” in his most significant series.

cms_6245/2.jpg

Curated by Luca Massimo Barbero with the Archivio Alighiero Boetti, the show includes a special project by Hans Ulrich Obrist and Agata Boetti on the theme of the photocopy, entitled COLOUR = REALITY. B+W = ABSTRACTION (except for the zebras).

cms_6245/3.jpg

From 12 May to 12 July 2017, the Island of San Giorgio Maggiore, Venice, will host a highly original, wide-ranging journey of discovery into the work of Alighiero Boetti, a leading 20th-century Italian artist, at a time when his art is enjoying great popularity. Curated by Luca Massimo Barbero, the Director of the Institute of Art History at the Fondazione Giorgio Cini, with the collaboration of the Alighiero Boetti Archive, Alighiero Boetti: Minimum/Maximum shows the results of an unprecedented selection and comparison: the exhibition will explore the contrast between the smallest and largest formats of all the most representative series of works by the Turin artist, thus focusing on one of the themes that best illustrate Boetti’s creative procedures. The exhibition has been organized by the Fondazione Giorgio Cini in collaboration with Tornabuoni Art.

“The exhibition enables viewers to explore a non-anthological and highly unpredictable itinerary of relations, unique in its kind, created by bringing together Boetti’s large-sized works from public and private collections”, explains Luca Massimo Barbero. “It is the result of a coherent project specially conceived for Venice at a time of great international acclaim for one of the most important exponents of Italian art.”

cms_6245/4.jpg

Divided into sections with a total of over twenty works, the exhibition includes Boetti’s most significant series (Embroideries, Maps, Everything and Biro), and some lesser known works such as Coloured Tokens, The Natural History of Multiplication and Covers. There are also some previously never publicly shown works, such as the coloured tokens of Summer 70 (1970) – loaned directly by the artist’s family – and Titles (1978), one of the largest formats in the monochrome Embroideries. In the exhibition there will also be one of the largest works from Mimetic (1967), a very early Boetti series, on loan from the Fondazione Prada.

cms_6245/5.jpg

The format is a crucial theme in understanding how Boetti conceived and produced his works. It is directly connected to the concept of time as, for example, in the first work on the exhibition itinerary, Summer 70, a roll of paper twenty metres long, on which Boetti stuck thousands of self-adhering tokens. This work is unique in terms of its size and for having introduced in such a striking way the theme of the time required to contemplate a work of art. Meaningful in a complementary way, the minimum-format works represent the other extreme in the dialectical opposition in Boetti’s creativity.

cms_6245/6.jpg

The exhibition unfolds as a precise comparison between small and large formats (minimum and maximum), with works such as The Natural History of Multiplication, Bringing the World into the World and Alternating from One to a Hundred and Vice Versa. Viewers can thus explore in a single setting works from very different periods up to the large triptych Aeroplanes (1989), on loan from the prestigious Fondation Carmignac, Paris.

cms_6245/7.jpg

In an area between the first and second rooms, a documentary will be shown: Nothing to See, Nothing to Hide made in 1978 by Emidio Greco at the time of the Boetti retrospective at the Kunsthalle, Basel. The film intersperses sequences from the Swiss exhibition with visits to the artist’s Roman studio and some significant direct comments from Boetti.

cms_6245/8.jpg

The itinerary continues with the celebrated Maps and Everything, “a miscellany of Boetti’s themes and images” – explains Barbero – introducing the important topic of the deferred realisation of a work of art, through travel and nomadism, in turn interrelated with the theme of time. This element emerges powerfully in the Embroideries, which having been begun by assistants in Rome, were sent to Kabul and then to Peshawar, following the Soviet invasion of Afghanistan in 1979. In the Pakistan city embroiderers from Afghan refugee families made the works by juxtaposing colours of their own choice but following the rules of the game dictated by Boetti. The works eventually returned to Rome, where the artist saw the final result for the first time.

cms_6245/9.jpg

The section of comparisons ends with the large-scale work entitled Covers (1984), which returns to the idea of the media’s obsessiveness and the formula of the transmitted and reused image, thus introducing the special project curated by Hans Ulrich Obrist, Artistic Director of the Serpentine Gallery, London, and Agata Boetti, Director of the Archivio Alighiero Boetti. The project further illustrates Boetti’s essentially dialectical approach, in this case in addressing the theme of the photocopy. As the artist himself commented in 1991: “Back in 1969 in Turin, when I used to go to the Rank Xerox showroom with coins in my pocket, I got lots of ideas. I used to think that the photocopier was not only an office machine. By the year 2000 we will all have one in our living rooms. Just give me one and I will show you how to put it to creative use. I didn’t want to tamper with the mechanism or ink, as some people did from Munari onwards. What I was interested in was the standard application. But, for example, I might have put it outside on my balcony when it began to rain – one drop, ten drops, one thousand drops.”

cms_6245/10.jpg

COLOR=REALITY. B+W=ABSTRACTION (except for zebras) explores Boetti’s creative applications by bringing together for the first time a group of works made with the photocopier at various times in his career. According to Hans Ulrich Obrist, they illustrate Boetti’s passion for communication technologies (such as the Polaroid or the fax machine which, in the 1980s, introduced a combination of mailing and photocopying). The show invites people to imagine the creative uses that Boetti would have found for today’s means of communications and multiplication of images: “By displaying these works on the walls, as we are doing with the 1,665 photocopies at the Fondazione Cini, we will show the public that Boetti was a kind of analogical version of the Internet. He was a search engine and anticipated Google with analogical means.”

Visitors are even invited to use a real photocopier at the centre of the room, but following the rules of a game specially created by the Mexican artist Mario Garcia Torres to pay homage to Boetti.

cms_6245/11.jpg

Alighiero Boetti: Minimum/Maximum curated by Luca Massimo Barbero, and the special project COLOUR = REALITY. B+W = ABSTRACTION (except for the zebras), curated by Hans Ulrich Obrist and Agata Boetti, have separate catalogues, both published by Forma Edizioni.

cms_6245/italfahne.jpgMostra Alighiero Boetti: Minimum/Maximum

Venezia, Isola di San Giorgio Maggiore

La mostra celebra il genio dell’artista torinese con oltre 20 opere di forte impatto selezionate per la prima volta secondo il criterio del formato, confrontando i “minimi” e i “massimi” delle sue serie più significative

L’esposizione, curata da Luca Massimo Barbero con l’Archivio Alighiero Boetti, presenta un progetto speciale sviluppato da Hans Ulrich Obrist e Agata Boetti sul tema della fotocopia intitolato COLORE = REALTÀ. B+W = ASTRAZIONE (a parte le zebre)

L’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia ospita dal 12 maggio al 12 luglio 2017 un grande, inedito viaggio all’interno dell’opera di Alighiero Boetti, uno dei più importanti artisti italiani, al culmine di un momento di grande celebrazione che lo vede protagonista. Alighiero Boetti: Minimum/Maximum, a cura di Luca Massimo Barbero, direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Giorgio Cini, con la collaborazione dell’Archivio Alighiero Boetti, presenta il risultato di un processo inedito di selezione e confronto: quello tra il formato minimo e massimo di opere dei cicli più rappresentativi del celebre artista torinese, focalizzando così uno dei temi che meglio rappresentano l’operatività creativa di Boetti. La mostra è organizzata dalla Fondazione Giorgio Cini in collaborazione con Tornabuoni Art.

Questa mostra offre al visitatore un percorso di rapporto, non antologico e mai scontato, unico nel suo genere, nato dalla raccolta in collezioni pubbliche e private di opere di Boetti di grandi dimensioni – spiega Luca Massimo BarberoÈ un progetto organico pensato appositamente per Venezia in questo momento di grandi conferme internazionali di uno dei più importanti esponenti dell’arte italiana”.

Articolata in sezioni, per un totale di più di 20 opere, l’esposizione include, oltre ai cicli più significativi di Boetti – Ricami, Aerei, Mappe, Tutto e Biro – alcune opere meno note come i Bollini colorati, la Storia Naturale della Moltiplicazione e le Copertine, e costituisce un’occasione preziosa per presentare anche lavori di fatto sconosciuti al grande pubblico, come la grande opera con bollini colorati Estate70 (1970) – prestata per quest’evento direttamente dalla famiglia dell’artista – e Titoli (1978), uno dei più grandi formati del raro ciclo dei Ricami monocromi. In mostra ci sarà anche uno dei più grandi Mimetico (1967), una delle prime serie di opere di Boetti, in prestito dalla Fondazione Prada.

Il tema del formato è cruciale per comprendere il modo in cui Boetti ideava e realizzava i suoi lavori, ed è direttamente collegato al concetto di tempo: come in Estate 70, opera monumentale che apre il percorso espositivo, realizzata su un rotolo di carta lungo venti metri sul quale Boetti ha incollato migliaia di bollini autoadesivi colorati: unica per le dimensioni e perché introdusse in modo dirompente il tema del tempo necessario alla fruizione dell’opera. Complementari a livello di senso sono le opere di formato minimo, che rappresentano l’opposizione dialettica nella creatività di Boetti.

La mostra si dispiega in un puntuale confronto fra piccolo e grande, minimo e massimo, presentando le opere Storia Naturale della Moltiplicazione, Mettere al mondo il mondo e Alternando da uno a cento e viceversa – offrendo al visitatore la possibilità di fruire in un unico contesto di opere di periodi differenti – fino al grande trittico Aerei (1989), in prestito dalla prestigiosa Fondation Carmignac di Parigi.

Fra la prima e la seconda sala sarà in esposizione il documentario Niente da vedere Niente da nascondere, realizzato nel 1978 da Emidio Greco in occasione della retrospettiva dedicata a Boetti alla Kunsthalle di Basilea, che alterna immagini della mostra svizzera a momenti nello studio romano dell’artista, importante perché ridà testimonianza diretta delle parole di Boetti.

Il percorso prosegue poi con le celebri Mappe e con i Tutto, “zibaldone dei temi e delle immagini di Boetti” – spiega Barbero – che introducono l’importante tema della realizzazione differita dell’opera d’arte, del viaggio e del nomadismo dell’arte, a sua volta interconnesso con quello del tempo. Elemento ben evidente ad esempio nei ricami, che una volta iniziati dai collaboratori a Roma, venivano spediti a Kabul, poi a Peshawar in Pakistan a seguito dell’invasione Sovietica dell’Afghanistan nel 1979, dove le ricamatrici delle famiglie di rifugiati afghani li realizzavano con l’accostamento dei colori da loro scelto, seguendo le regole del gioco dettate da Boetti, per poi tornare a Roma dove l’artista le vedeva finite per la prima volta.

La parte dei confronti si chiude quindi con la grande opera Copertine (1984), che riprendere l’idea dell’ossessività dei media e la formula dell’immagine trasmessa e riutilizzata e che introduce il progetto speciale di Hans Ulrich Obrist, direttore artistico delle Serpentine Gallery di Londra, e Agata Boetti, direttrice dell’Archivio Alighiero Boetti, che esemplifica ulteriormente il modo di pensare essenzialmente dialettico di Boetti e si sviluppa attorno al tema della fotocopia. “Già nel ’69 a Torino, quando andavo allo show-room della Rank Xerox con le mie monetine in tasca, le idee erano tante. – affermava Boetti nel 1991 – Dicevo, la fotocopiatrice non è una macchina solo da ufficio, nel duemila l’avremo tutti nel salotto! Affidatemene una, ve ne documenterò alcune applicazioni creative. Non intendevo manipolare il meccanismo o l’inchiostro, come hanno fatto alcuni da Munari in poi. No, m’interessava l’applicazione standard. Ma ad esempio l’avrei messa sul balcone quando comincia a piovere, una goccia, dieci gocce, mille gocce….”.

COLORE=REALTÀ. B+W=ASTRAZIONE (a parte le zebre) esplora queste “applicazioni creative” di Boetti, riunendo per la prima volta un insieme di opere eseguite con la fotocopiatrice nei diversi momenti della carriera dell’artista e che sono, secondo Obrist, testimoni della passione di Boetti per le tecnologie della comunicazione (come la polaroid o l’uso del fax che – introdotto negli anni ottanta – è sintesi di posta e fotocopia) e invitano a immaginare gli usi creativi che Boetti avrebbe trovato per gli attuali mezzi di comunicazione e riproduzione delle immagini: “Presentando questi lavori sul muro, così come stiamo facendo con le 1665 fotocopie alla Fondazione Cini, mostreremo al pubblico che Boetti era come una versione analogica di Internet. Era come un motore di ricerca. Ha anticipato Google con mezzi analogici”.

Al centro della sala dedicata alle fotocopie, i visitatori sono invitati a utilizzare una vera e propria fotocopiatrice, seguendo le regole del gioco appositamente create dall’artista messicano Mario Garcia Torres per rendere omaggio ad Alighiero Boetti.

Alighiero Boetti: Minimum/Maximum a cura di Luca Massimo Barbero e il progetto speciale COLORE = REALTÀ. B+W = ASTRAZIONE (a parte le zebre), curato da Hans Ulrich Obrist e Agata Boetti, sono ciascuno accompagnato da un catalogo edito da Forma Edizioni.

Domenico Moramarco

Tags: Alighiero Boetti Venezia Fondazione Giorgio Cini

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su