Eight of the 12 surviving sons of country’s monarch support move to oust King Salman

A seguire traduzione in Italiano

1445688318Arabia_Saudita.jpg

A growing number of members of the royal household support a move to oust King Salman and replace him with his younger brother.

cms_2879/2.jpg

Eight of the 12 surviving sons of Saudi Arabia’s founding monarch are supporting a move to oust King Salman, 79, the country’s ailing ruler, and replace him with his 73-year-old brother, according to a dissident prince.

cms_2879/3.jpg

The prince also claims that a clear majority of the country’s powerful Islamic clerics, known as the Ulama, would back a palace coup to oust the current King and install Prince Ahmed bin Abdulaziz, a former Interior Minister, in his place. “The Ulama and religious people prefer Prince Ahmed – not all of them, but 75 per cent,” said the prince, himself a grandson of King Ibn Saud, who founded the ruling dynasty in 1932.

cms_2879/4.jpg

Support from the clerics would be vital for any change of monarch, since in the Saudi system only they have the power to confer religious and therefore political legitimacy on the leadership. The revelation suggests there is increasing pressure within the normally secretive Saudi royal family to bring to a head the internal power struggle that has erupted since King Salman inherited the throne at the beginning of this year. The prince, who cannot be named for security reasons, is the author of two recently published letters calling for the royal family to replace the current Saudi leadership.

cms_2879/5.jpg

In 1964 King Saud was finally deposed after a long power struggle, when the majority of senior royal family members and the Kingdom’s religious establishment spoke with one voice and withdrew their support. The prince says something similar is going to happen again soon. “Either the King will leave Saudi Arabia, like King Saud, and he will be very respected inside and outside the country,” he told The Independent. “Alternatively Prince Ahmed will become Crown Prince, but with control of and responsibility for the whole country – the economy, oil, armed forces, national guard, interior ministry, secret service, in fact everything from A to Z.” Unhappiness at King Salman’s own diminishing faculties – he is reported to be suffering from Alzheimer’s disease – has been compounded by his controversial appointments, the continuing and costly war in Yemen and the recent Hajj disaster. Earlier this week the International Monetary Fund warned that Saudi Arabia may run out of financial assets within five years unless the government sharply curbs its spending, because of a combination of low oil prices and the economic impact of regional wars.

cms_2879/6.jpg

The King’s appointment of his favourite son, Mohammed bin Salman, 30, to the novel post of Deputy Crown Prince in April, and the decision to make him Defence Minister – enabling him to launch a proxy war in Yemen against the Iranian-backed Houthi rebels who forced the pro-Saudi former President to flee – have heightened tensions. He is said to have assumed too much power and wealth since being elevated to this position. “Any paper or phone call to his father goes through him,” said the prince. The current Crown Prince, Mohammed bin Nayef, 56, a nephew of King Salman, is also unpopular. Prince Ahmed, the man most family members support to take over the throne, is the youngest son of the Kingdom’s founder by his favourite wife, Hassa bint Ahmed Al Sudairi. He was deputy interior minister for 37 years and spent four years responsible for the religious sites in Mecca before being appointed Interior Minister in 2012.

cms_2879/7.jpg

He left the post five months later, officially at his own request, and was replaced by Prince Mohammed bin Nayef, now the Crown Prince. The dissident prince claims Prince Ahmed left after a disagreement about the treatment of political detainees. “Prince Ahmed wants to introduce reforms like freedom of thought, cleaning up the justice system and freeing political prisoners who don’t have anything to do with terrorism,” he said. “Many political prisoners have been in prison since before 2001 because of their wise opinion and their moderate Islamic views. If Prince Ahmed has the authority he will allow such people out.”

cms_2879/8.jpg

Prince Ahmed, who has a Master’s degree in political science, is favoured by clerics and by others within the royal family because of his professional experience and moderate lifestyle, according to the prince. “The eldest brothers want him because he is healthy and wise, and he has been clean all his life. He is not in trouble with gambling, women, drink or drugs. “Prince Ahmed likes the desert, hunting and sitting by the Red Sea or in Taif, by the mountains. He is religious but open-minded, he knows English and follows the world news.”

cms_2879/9.jpg

The current King’s third wife, Fahda Al Hithlain, is said by the prince to be another key figure. “She is Mohammed bin Salman’s mother and has influence on his father,” he said. “The King is in love with her and so he is in love with Mohammed bin Salman.” However, because of ill health she has reportedly spent little time in Saudi Arabia recently. The struggle to remove King Saud took several years and led to tension between Saudi Arabia’s main armed organisations – the army, interior ministry and national guard – before finally he left without bloodshed. The prince expects the same will happen this time. “It is a kind of internal revolution. We want financial and political reform, freedom of thought and cleaning the justice system, freeing the political prisoners and proper Islamic sharia,” he said. The Saudi embassy in London did not respond to a request for comment.

cms_2879/italfahne.jpgArabia Saudita: otto dei dodici figli del monarca sono a sostegno del paese per spodestare il re Salman


Un numero crescente dei membri della famiglia reale sono a sostegno di una mossa per cacciare il re Salman e sostituirlo con il fratello minore. Otto dei dodici figli del monarca, fondatore dell’Arabia Saudita, stanno sostenendo il passaggio per spodestare il re Salman, settantanovenne, in difficoltà nella guida del paese, e sostituirlo con suo fratello settantatreenne, stando alle parole del principe dissidente. Il principe sostiene inoltre che una netta maggioranza dei potenti religiosi islamici del paese, noto come Ulama, avrebbe appoggiato un colpo di palazzo per cacciare l’attuale re e installare il principe Ahmed bin Abdulaziz, ex-ministro degli Interni, al suo posto. "Ulama e i religiosi preferiscono il principe Ahmed – non tutti, ma il 75 per cento", ha detto lo stesso principe, nipote del re Ibn Saud, che fondò la dinastia regnante nel 1932. Il sostegno dai chierici risulta vitale per qualsiasi cambio di monarchia, dato che nel sistema saudita solo loro hanno il potere di conferire legittimità religiosa e quindi politica a qualsiasi leadership. Fonti riferiscono che c’è una crescente pressione all’interno della famiglia reale saudita, normalmente reticente, a capeggiare la lotta di potere interna contro lo stesso re Salman, il quale ha ereditato il trono all’inizio di quest’anno. Il principe, che non può essere nominato per ragioni di sicurezza, è l’autore di due lettere recentemente pubblicate che chiedono alla famiglia reale di sostituire la leadership saudita corrente. Nel 1964 il re Saud è stato finalmente deposto dopo una lunga lotta di potere, quando la maggior parte degli alti membri della famiglia reale e dell’establishment religioso del regno hanno sostenuto un pensiero comune e ritirato il loro sostegno. Il principe dice che qualcosa di simile sta per accadere di nuovo. "O il Re lascerà l’Arabia Saudita, come il re Saud, e questa scelta sarà molto rispettata all’interno e all’esterno del paese", ha dichiarato il principe al The Independent. "In alternativa il principe Ahmed diventerà principe ereditario con il controllo e la responsabilità sull’intero paese – sull’economia, il petrolio, le forze armate, la guardia nazionale, il ministero dell’Interno, i servizi segreti, su tutto, dalla A alla Z". Questa infelicità è dovuta alle facoltà diminuenti di Re Salman – è stato riferito essere affetto dalla malattia Alzheimer – a cui si aggiungono le sue scelte controverse come la continua e costosa guerra in Yemen e il recente disastro ad Hajj. All’inizio di questa settimana il Fondo monetario internazionale ha avvertito che l’Arabia Saudita potrebbe esaurire le attività finanziarie nei prossimi cinque anni, a meno che il governo freni bruscamente la sua spesa, questo è dovuto alla combinazione tra i bassi prezzi del petrolio e l’impatto economico delle guerre regionali. La nomina del re di suo figlio prediletto, Mohammed bin Salman, 30 anni, eletto principe ereditario ad aprile scorso e nominato ministro della Difesa, che gli ha concesso di lanciare una guerra per procura in Yemen contro gli Houthi, ribelli fiancheggiati dagli iraniani che hanno costretto l’ex presidente pro-saudita a fuggire, ha accresciuto le tensioni. Si vocifera che abbia assunto troppo potere e ricchezza da quando è stato elevato a questa posizione. "Qualsiasi tipo di documento o telefonata diretta a suo padre passa da lui", ha dichiarato il principe. L’attuale principe ereditario, Mohammed bin Nayef, 56 anni, nipote di Re Salman, è anche impopolare. Il principe Ahmed, l’uomo sostenuto dai familiari per conquistare il trono, è il figlio minore del fondatore del regno e della sua moglie preferita, Hassa bint Ahmed Al Sudairi. E’ stato vice ministro degli interni per trentasette anni e ha trascorso quattro anni come responsabile dei siti religiosi a La Mecca, prima di essere nominato ministro dell’Interno nel 2012. Ha lasciato la carica dopo cinque mesi, ufficialmente dopo una sua richiesta, ed è stato sostituito dal principe Mohammed bin Nayef, ora il principe ereditario. Il principe dissidente, afferma il principe Ahmed, ha lasciato dopo un disaccordo sul trattamento dei detenuti politici. "Il Principe Ahmed vuole introdurre riforme come la libertà di pensiero, di ripulire il sistema giudiziario e la liberazione dei prigionieri politici che non hanno nulla a che fare con il terrorismo", ha detto. "Molti prigionieri politici sono in prigione da prima del 2001 a causa delle loro chiare opinione e le loro visioni di un Islam moderato. Se il principe Ahmed volesse, egli possiede l’autorità che permettebbe a queste persone di essere scarcerate. "Il principe Ahmed, che ha conseguito un master in scienze politiche, è favorito dai chierici e da altri all’interno della famiglia reale per la sua esperienza professionale e lo stile di vita moderato, stando alle parole del principe. "I fratelli maggiori lo vogliono perché è sano e saggio, non ha mai ricevuto una condanna. Non ha problemi con il gioco d’azzardo, le donne, il bere o le droghe. "Il Principe Ahmed ama il deserto, la caccia, sedersi di fronte il Mar Rosso o a Taif, sulle montagne. Egli è religioso ma di mentalità aperta, conosce l’inglese e segue le notizie dal mondo". L’attuale terza moglie del re, Fahda Al Hithlain, a detta del principe, è un’altra figura chiave. "Lei è la madre di Mohammed bin Salman e ha influenza su suo padre", ha detto. "Il Re è innamorato di lei e così lui è innamorato di Mohammed bin Salman". Tuttavia, a causa di problemi di salute ha trascorso poco tempo in Arabia Saudita nell’ultimo periodo. La lotta per rimuovere King Saud ha richiesto diversi anni e ha portato a tensioni tra le principali organizzazioni armate dell’Arabia Saudita – l’esercito, il ministero dell’Interno e la guardia nazionale – prima che ritirassero, per fortuna, senza spargimento di sangue. Il principe si aspetta che lo stesso accadrà questa volta. Lo stesso ha dichiarato: "Si tratta di una sorta di rivoluzione interna. Vogliamo una riforma finanziaria e politica, la libertà di pensiero e il rinnovo del sistema giudiziario, la liberazione dei prigionieri politici e una nuova sharia islamica ". L’ambasciata saudita a Londra non ha risposto né rilasciato nessun commento.

(Tradotto dall’articolo “Saudi Arabia: Eight of the 12 surviving sons of country’s monarch support move to oust King Salman” scritto da Hugh Miles pubblicato su www.independent.co.uk venerdi’ 23 ottobre 2015.)

Domenico Moramarco

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App