Egitto,15 febbraio udienza per Zaky (Altre News)

Iraq, razzo contro base Usa a Kirkuk - Gb, dimissioni a sorpresa: lascia il cancelliere dello Scacchiere - Harvard e Yale sotto inchiesta per finanziamenti esteri - Germania, incendiato locale: svastica dipinta sulla porta

MONDO_14_2_20.jpg

Egitto, 15 febbraio udienza per Zaky

cms_16135/Zaki_Bologna_manifestazione_Fg.jpg

La Procura di Mansoura ha fissato per il 15 febbraio l’udienza per esaminare l’appello contro la detenzione di Patrick Zaky, il giovane ricercatore dell’università di Bologna arrestato la settimana scorsa al suo ritorno in Egitto per una breve vacanza. Lo ha reso noto su twitter la ong Eipr.

Patrick ha ricevuto oggi nel tardo pomeriggio la visita in carcere dei suoi familiari e di un collega della ong Eipr. Lo ha reso noto la Egyptian Initiative for Personal Rights in un comunicato, pubblicato sul suo sito. La visita si è svolta nella stazione di polizia di Talkha, dove Zaky oggi è stato trasferito da quella di Mansoura II dove si trovava dall’otto febbraio. Secondo il comunicato, le condizioni di detenzione del giovane sono "meno favorevoli rispetto a quelle precedenti". Ma - si legge ancora nella nota - Zaky "ha confermato durante la breve visita, durata meno di un minuto, che lui non è stato maltrattato o preso di mira in nessun modo nel nuovo centro di detenzione".

Iraq, razzo contro base Usa a Kirkuk

cms_16135/soldato_usa_iraq_afp.jpg

Un razzo Katyusha è stato lanciato contro una base militare che ospita truppe americane nella provincia settentrionale irachena di Kirkuk. Lo hanno riferito fonti locali della sicurezza. L’attacco di questa sera contro la base K1 non ha provocato vittime, hanno detto le fonti all’agenzia stampa cinese Xinhua.

Vicina a Kirkuk, la K1 è stata teatro a fine dicembre di un altro attacco missilistico in cui furono uccisi un contractor americano e feriti diversi soldati americani e iracheni. Gli Stati Uniti accusarono l’Iran e risposero con attacchi in Iraq che uccisero 25 membri della milizia sciita filoiraniana Hashd al-Shaabi. Ai primi di gennaio gli Stati Uniti hanno inoltre ucciso con un raid a Baghdad il generale iraniano Qassem Soleimani.

A quanto riferiscono fonti d’intelligence, poco dopo l’attacco, avvenuto attorno alle 20.30 ora locale, la polizia ha individuato un lanciatore e 11 razzi Katyusha posizionati nelle vicinanze del locale cimitero cristiano.

Gb, dimissioni a sorpresa: lascia il cancelliere dello Scacchiere

cms_16135/Sajid_Javid_Afp.jpg

Il cancelliere dello Scacchiere, Sajid Javid, si è dimesso dal governo del premier Boris Johnson. Il passo indietro del responsabile del Tesoro giunge del tutto inatteso, mentre è in corso un ampio rimpasto di governo voluto dal premier.

Secondo le indiscrezioni riportate dalla stampa britannica, Javid si sarebbe dimesso per protesta contro la decisione di Johnson di accorpare lo staff di consiglieri del Tesoro con quello di Downing Street. Subito dopo le dimissioni di Javid, ii premier ha nominato nuovo cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak, che finora aveva svolto il ruolo di chief secretary.

Harvard e Yale sotto inchiesta per finanziamenti esteri

cms_16135/Harvard_Fg.jpg

Le autorità federali hanno coinvolto anche le università di Harvard e Yale nell’inchiesta avviata da mesi riguardo alle violazioni da parte delle università delle leggi che prevedono la trasparenza per donazioni ed altri finanziamenti dall’estero. Il dipartimento dell’Istruzione ha infatti chiesto ai due atenei della Ivy League la consegna di documenti relativi ai loro rapporti finanziari con governi, società ed altre istituzioni straniere, con un’attenzione particolare alla Cina.

In particolare nella lettera vengono infatti chieste informazioni sui contatti con il governo cinese e con la compagnia Huawei ed anche riguardo all’iniziativa accademica cinese di reclutamento di talenti chiamata ’Thousand Talents’. Il mese scorso l’Fbi ha arrestato il capo del laboratorio di chimica di Harvard, con l’accusa di aver mentito riguardo a una sua collaborazione con un’università cinese.

Inchieste di questo tipo sono state avviate a carico di altre importanti università - tra le quali Georgetown, Texas A&M, Cornell e Rutgers, il Mit e l’università del Maryland - e da luglio il dipartimento ha scoperto donazioni ed altro per un totale di 6,6 miliardi di dollari da Paesi come Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Cina.

L’attenzione è particolare nei confronti della Cina, dal momento che le agenzie investigative americane hanno più volte infatti sollevato l’allarme riguardo a campagne di spionaggio condotte da Pechino nelle università americane. Nel mirino degli inquirenti anche i rapporti dei due atenei con i governi del Qatar e dell’Arabia Saudita. "Il dipartimento è al corrente di informazioni che indicano che l’università di Harvard manca di appropriati controlli istituzionali", si legge nella lettera inviata all’università del Massachussets.

Mentre in quella inviata a Yale si precisa che l’ateneo del Connecticut non avrebbe notificano nessun finanziamento e contratto con l’estero dal 2014 al 2017, mancando quindi ri riportare almeno 375 milioni di dollari, si legge in un comunicato del dipartimento dell’Istruzione. I portavoce delle due università hanno detto che stanno revisionando le richieste del dipartimento e stanno preparando la risposta.

"E’ una questione di trasparenza - ha dichiarato la ministra dell’Istruzione Betsy DeVos - se le università accettano soldi e donazioni dall’estero, i loro studenti, finanziatori ed i contribuenti hanno il diritto di sapere. Sfortunatamente, più scaviamo e più troppe università non riportavano abbastanza o addirittura per niente".

Germania, incendiato locale: svastica dipinta sulla porta

cms_16135/germania_polizia__afp.jpg

Incendio doloso di chiara matrice xenofoba nella notte a Syke, vicino alla città tedesca di Brema: ad essere preso di mira un ristorante i cui proprietari hanno origini straniere, ha reso noto la polizia. Sulla porta del locale è stata dipinta una svastica. I responsabili dell’aggressione hanno sfondato il vetro di una porta sul retro del ristorante e poi hanno dipinto la svastica. Nel locale non c’era nessuno al momento dell’attacco. Si ritiene che i danni causati ammontino ad almeno 150mila euro. Le forze di sicurezza hanno avviato una caccia all’uomo per rintracciare i colpevoli.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App