ENNESIMO FEMMINICIDIO A VIGEVANO

Finanziere uccide la sua compagna davanti alla figlia minorenne e si toglie la vita

ENNESIMO_FEMMINICIDIO_A_VIGEVANO.jpg

Un altro episodio di femminicidio nel comune di Vigevano (Pavia). Un omicidio-suicidio avvenuto verso le ore 23:00 di mercoledì primo maggio, dinanzi a un’abitazione di via Ivrea. L’autore del delitto è un finanziere 55enne, appuntato scelto delle fiamme gialle in servizio presso la compagnia di Corsico (Milano). La coppia aveva una figlia 11enne che, secondo quanto riportato dall’Ansa, si trovava in casa al momento dell’accaduto. Stando ad alcuneindiscrezioni, pare che la coppia fosse da qualche tempo in crisi e non convivesse più, in seguito alla decisione di separarsi intrapresa dalla donna. Sembrerebbe proprio essere questa la causa scatenante del raptus omicida del militare Luca Adamo, che ha accoltellato la compagna Erika Cavalli, quasi 38enne, lasciandola priva di vita proprio davanti agli occhi della loro bambina di 11 anni, la quale ha subito dato l’allarme telefonando a un parente. In seguito si è tolto la vita, sparandosi, forse non con l’arma di ordinanza, ma con una seconda pistola che possedeva.

cms_12683/2.jpg

Oltre agli agenti del locale Commissariato di P.S., sul posto è giunto anche il personale sanitario del 118, ma oramai non c’era più nulla da fare. Secondo i primi accertamenti non risulterebbero denunce o querele della donna nei confronti del finanziere, ma sembrerebbe che la stessa fosse intenzionata a troncare il loro rapporto, tanto da rivolgersi alle forze dell’ordine per chiedere un consiglio. Si dice inoltre che l’uomo fosse molto geloso della compagna.

Si tratta di uno degli ormai innumerevoli casi di femminicidio, avvenuto a pochi giorni dall’omicidio dello scorso 29 aprile, quando un poliziotto di servizio a Ragusa ha assassinato la propria coniuge con la pistola d’ordinanza e successivamente si è tolto la vita. Pare che, prima di uccidere la moglie, il 42enne abbia postato questo messaggio sul proprio profilo Facebook: “Ti ho dedicato tutta la mia vita. Ti amo”. Poi ha sparato contro la 33enne tre colpi di arma da fuoco, sorprendendola nel sonno.

cms_12683/3.jpg

Ancora, il 30 aprile a Mazara del Vallo un disoccupato 43enne, Guglielmo Norrito, successivamente fermato dai Carabinieri per tentato omicidio, ha colpito la moglie con 55 coltellate e poi si è buttato giù da un cavalcavia. La donna è stata prontamente soccorsa e trasportata in ospedale, dove si trova ricoverata in prognosi riservata. Il fenomeno del femminicidio rappresenta una costante della società contemporanea, come attestato durante l’incontro organizzato dal Dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Padova e del Centro Veneto Progetti Donna.

Secondo le statistiche dell’Istat, il fenomeno dei femminicidi rappresenta una tendenza che non cenna a diminuire. Si è potuto constatare che, tra il 1° agosto 2017 e il 31 luglio 2018, su 134 delitti commessi 92 vittime erano donne e, nella maggior parte dei casi, gli autori erano partner (marito, compagno, ex) oppure familiari. A livello europeo, le statistiche evidenziano che il numero degli omicidi commessi da partner è maggiore rispetto a quelli in cui l’assassino è un familiare o parente.

Anna Di Fonzo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su