Disposizioni riguardanti la certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente

fisco.jpg

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legislativo contenente le disposizioni in materia di certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente, in attuazione degliarticoli 5,6 e 8 comma 2 della Legge 23 del 2014.

Mentre la legge disciplina:

  • abuso del diritto ed elusione fiscale,
  • gestione del rischio fiscale, governance aziendale, tutoraggio, rateizzazione dei debiti tributari e revisione della disciplina degli interpelli,
  • revisione del sistema sanzionatorio,

con il decreto si è inteso rafforzare il concetto di “certezza del diritto nei rapporti tra fisco e contribuente” in materia di:

  • abuso del diritto ed elusione fiscale;
  • raddoppio dei termini per l’accertamento;
  • regime di adempimento collaborativo.

Abuso del diritto ed elusione fiscale.

L’abuso del diritto e l’elusione fiscale si concretizzano in comportamenti finalizzati all’esclusivo conseguimento di vantaggi fiscali.

In base al decreto, i presupposti per l’esistenza dell’abuso sono rinvenibili in operazioni:

  • prive di consistenza economica, prive di finalità mirate allo sviluppo dell’attività o creazione di posti di lavoro;
  • effettuate per il solo fine di ottenere un vantaggio fiscale, che costituisca l’effetto essenziale dell’operazione.

Grava sull’Agenzia delle Entrate provare la condotta abusiva. Laddove l’Amministrazione finanziaria voglia contestare comportamenti abusivi è obbligata a far precedere gli atti da richieste di chiarimenti.

Spetta al contribuente dimostrare le eventuali ragioni extrafiscali alla base delle operazioni effettuate.

Raddoppio dei termini per l’accertamento

A tutela del contribuente, il raddoppio dei termini, in caso di reato penale, opera solo se la denuncia all’autorità giudiziaria sia inviata dall’Amministrazione finanziaria, entro i termini ordinari per l’accertamento.

Regime di adempimento collaborativo.

In via sperimentale previsto per le imprese di grandi dimensioni.

Introduzione di un regime collaborativo attraverso il quale, mediante un sistema di scambio continuo di informazioni, realizzare un sistema di controllo costante al fine di prevenire potenziali controversie fiscali.

Massimo Favia

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App