Decine di suicidi in France Télécom

Condannato Didier Lombard

Decine_di_suicidi_in_France_Télécom,_condannato_Didier_Lombard.jpg

Colpevole di mobbing morale e istituzionale: questa la sentenza pronunciata nei confronti di Didier Lombard, ex amministratore delegato della France Télécom.
L’importante manager francese, così come l’ex collega e dirigente Louis-Pierre Wenès e il direttore delle risorse umane, Olivier Barberot, sarà costretto a scontare un anno di carcere, di cui otto mesi previsti con la condizionale. L’azienda, tenuta a pagare una multa della bellezza di 75 mila euro, è accusata di aver messo in pratica politiche di riduzione del personale totalmente forzate e abominevoli, volte ad alimentare il volontario congedo dei dipendenti. L’obiettivo aziendale pianificato, il cui raggiungimento era previsto tra il 2007 e il 2010, consisteva infatti in un abbondante taglio del personale, con l’uscita di circa 22 mila lavoratori e la mobilità di altri 10 mila dipendenti dei 120 mila costituenti l’azienda. Innumerevoli gli abusi psicologici perpetrati: la vita dei lavoratori divenne insostenibile, una realtà assolutamente infernale. Tutto ciò che i manager ottennero, infatti, fu soltanto un inaspettato numero di suicidi, 19 per l’esattezza, tra la primavera del 2008 e l’estate del 2009, nonché una crescita smisurata dei livelli di depressione, dilagante tra i dipendenti.

cms_15373/2.jpg

La condanna rappresenta certamente un sollievo per le famiglie di tutte quelle vittime ancora in vita. Tuttavia, questa sentenza non porterà indietro i nostri amati colleghi che hanno rinunciato alla propria vita, come risultato delle violente e terribili pratiche adottate dal management”. Sembra però che l’avvocato di Lombard sia assolutamente intenzionato a presentare ricorso contro la sentenza emessa, al contrario dell’azienda disposta ad accettare invece il destino delineato per essa.

cms_15373/3.jpg

Si tratta del primo grande processo francese di mobbing riguardante una società quotata, nonché del primo processo il cui principale oggetto di accusa risultino essere le inadeguate politiche aziendali adottate e non i singoli comportamenti illeciti messi in atto nel corso di rapporti interpersonali tra colleghi. Senza ombra di dubbio non si tratta di una realtà isolata, e questo processo potrebbe rappresentare lo spartiacque utile per cominciare a individuare aziende e società colpevoli di aver imbastito simili circostanze nelle loro “case”.

Ogni singolo dipendente ha il diritto di sperimentare benessere e pace sul posto di lavoro: salute mentale e fisica devono essere preservate con cura ed estrema attenzione dall’azienda, dimostrandosi così pronta a scongiurare ogni possibile sopruso perpetrato a danno di un qualsivoglia lavoratore.

Elena Indraccolo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App