Carola è libera

Carola_è_libera.jpg

(Fonte AdnKronos) - Carola Rackete torna libera. Il gip di Agrigento, Alessandra Vella, non ha convalidato l’arresto della comandante della Sea Watchescludendo il reato di resistenza e violenza a nave da guerra. Secondo la gip il reato di resistenza a pubblico ufficiale sarebbe stato giustificato da una "scriminante" legata all’avere agito "all’adempimento di un dovere", quello di salvare vite umane in mare. Da ieri sera la donna è tornata libera perché viene meno la misura degli arresti domiciliari.

cms_13358/2.jpg

Secondo il gip di Agrigento la decisione di attraccare a Lampedusa non sarebbe stata "strumentale, ma obbligatoria" perché i porti della Libia e della Tunisia non sono stati ritenuti porti sicuri. Di altro avviso la Procura secondo cui non c’era "lo stato di necessità". Inoltre, per la Procura l’impatto tra la nave Sea watch e la vedetta della Gdf è stato "volontario", come spiegato ieri dal Procuratore Luigi Patronaggio al termine dell’udienza di convalida. "E’ stata valutata negativamente, in maniera volontaria, la manovra effettuata con i motori laterali della Sea Watch che ha prodotto lo schiacciamento della motovedetta della Guardia di finanza verso la banchina. Questo atto è stato ritenuto, da noi, fatto con coscienza e volontà", ha detto.
Carola Rackete è accusata per i reati 1100 del codice della navigazione, cioè resistenza a nave da guerra, e l’articolo 337 del codice penale, cioè resistenza a pubblico ufficiale. Ma da stasera è tornata libera.
Il prefetto di Agrigento ha firmato il decreto di espulsione: disposto nei confronti di Rackete un provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale con accompagnamento alla frontiera. "Ho firmato pochi istanti fa il provvedimento di espulsione per Carola Rackete", ha detto all’Adnkronos il Prefetto di Agrigento Dario Caputo. "Le confermo che ho firmato il provvedimento - dice -. Vedremo cosa accade adesso perché è previsto un ulteriore interrogatorio ma nulla impedisce la firma del decreto di espulsione".

IRA SALVINI

cms_13358/3.jpg

Piccato il commento del ministro dell’Interno Matteo Salvini: "Per la magistratura italiana ignorare le leggi e speronare una motovedetta della Guardia di Finanza non sono motivi sufficienti per andare in galera. Nessun problema: per la comandante criminale Carola Rackete è pronto un provvedimento per rispedirla nel suo Paese perché pericolosa per la sicurezza nazionale. Tornerà nella sua Germania, dove non sarebbero così tolleranti con una italiana che dovesse attentare alla vita di poliziotti tedeschi. L’Italia - dice ancora - ha rialzato la testa: siamo orgogliosi di difendere il nostro Paese e di essere diversi da altri leaderini europei che pensano di poterci trattare ancora come una loro colonia. La pacchia è finita".

"Sono arrabbiato... Cosa bisogna fare per finire in galera in Italia?", ha detto poi il vicepremier in una diretta Facebook . "Mi vergogno", ha aggiunto, sottolineando le vite messe a rischio degli agenti della Guardia di finanza. "Da domani sarò ancora più determinato nel difendere i confini e le leggi italiane", ha detto ancora. Salvini ha poi parlato di decisione "che non fa onore all’Italia" e ha auspicato che "il magistrato che vuole fare politica si tolga la toga e si presenti alle elezioni". E ancora: "E’ finito il lucro, è finita la pacchia sull’immigrazione clandestina, li rimanderemo indietro uno ad uno. Questi sono potenziali assassini, sono criminali e i criminali in un Paese normale vanno in galera. Confido che quel giudice che dirà basta arrivi presto", ha continuato, scagliandosi contro le Ong, "complici dei trafficanti di esseri umani". Poi l’attacco: "Mi vergogno di chi permette che in questo paese arriva il primo delinquente dall’estero e disubbidisce alle leggi e mette a rischio la vita dei militari che fanno il loro lavoro. Se stasera una pattuglia intima l’alt su una strada italiana chiunque è tenuto a tirare diritto e speronare un’auto della polizia. Pessimo segnale signor giudice".

PROCURATORE VALUTA IMPUGNAZIONE

cms_13358/4.jpg

"È evidente che si rispettano le decisioni dei giudici, occorre leggere le motivazioni, si valuterà un’eventuale impugnazione". Così il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio in commissione Antimafia sul provvedimento da parte del gip di non convalidare l’arresto. "Il nostro punto di vista - aggiunge - era diverso per noi era necessitata l’azione di salvataggio e non era necessitata invece la forzatura del blocco che riteniamo un atto un po’ sconsiderato bei confronti della motovedetta della Guardia di finanza".

DI MAIO SORPRESO

cms_13358/5.jpg

"Sorprende la scarcerazione di Carola Rakete. Io ribadisco la mia vicinanza alla Guardia di Finanza in questo caso. Ad ogni modo il tema è la confisca immediata della imbarcazione. Se confischiamo subito la prossima volta non possono tornare in mare e provocare il nostro Paese e le nostre leggi", il commento del vicepremier e ministro Luigi Di Maio.

I LEGALI DI CAROLA - "Il provvedimento del giudice per le indagini preliminari di Agrigento ripristina il primato del diritto rispetto a quello della forza. Si era detto che la forza l’aveva usata Carola Rackete e su questo si era disposto il suo arresto: non è così", quanto affermano i legali della comandante della Sea Watch, gli avvocati Alessandro Gamberini, Salvatore Tesoriero e Leonardo Marino.

"Come spiega dettagliatamente il gip nel provvedimento con il quale ha disposto la non convalida dell’arresto - sottolineano - , il diritto stava dalla parte della comandante. Il giudice, attraverso il richiamo a norme internazionali cogenti, dimostra l’illegittimità vuoi della pretesa di chiudere i porti da parte del ministro degli Interni, vuoi del divieto finale di attracco della Sea Watch dopo 15 giorni di attesa, così ripristinando l’equilibrio dei valori e la prevalenza dell’incolumità della vita umana rispetto all’arbitrarietà di scelte operate solo per motivi propagandistici".

SEA WATCH FESTEGGIA - Festeggia invece la notizia la ong Sea Watch: "Il gip di Agrigento non ha convalidato l’arresto di Carola Rackete e non ha disposto nei suoi confronti nessuna misura cautelare. La nostra Carola e’ libera!", scrive la Ong su Twitter.Intanto, la Procura di Agrigento procede separatamente per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’avviso di garanzia le era stato notificato proprio il giorno prima dello sbarco. La donna dovrebbe essere interrogata nei prossimi giorni.

(Foto interne dal Web)

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su