COME SOGGIOGARE UN POLITICO E VIVERE FELICI.

Vademecum degno della loro sfacciataggine.

comizio_elettorale1.jpg

cms_724/download_(1).jpgUna questione di ore. Tra pochissimo sapremo i nomi di chi continuerà a soggiogarci. Troveremo volti nuovi sotto tutte le bandiere, ma, statene pure tranquilli, “lor signori”continueranno ad essere tanti “Marchesi del grillo” continuando a considerarci meno che niente. Prepariamoci ad indossare il ruolo delle vittime e prepariamoci alle tante nefandezze che ci sottoporranno i nostri futuri amministratori che ci strizzeranno come panni bagnati. A questo punto preferisco stringere i denti, riderci su e regalarvi una serie di “suggerimenti demenziali” che potrebbero cambiarvi la vita. Appena sveglio mi sono chiesto perchè mai alle loro promesse disattese non rispondere con sagacia, irriverenza ed educata cattiveria? Una volta tanto facciamoci furbi e pensiamo a come farci lottizzare e vivere felici. “Il fine giustifica i mezzi” di machiavellica memoria potrebbe diventare lo slogan per rendere migliore il vostro futuro?

cms_724/images_(1).jpgCome fare per raggiungere il successo e tenersi sempre buoni i politici? Comunque la pensiate sappiate che la vostra vita dipendete da “lor signori”. Passiamo all’atto pratico. In occasione di incontri, congressi e riunioni politiche post elettorali imparate e ripetete una delle cinque frasi da me “preconfezionate” che vi permetteranno un approccio elegante dal quale, spero, ne verrete fuori vincenti e sovrastimati. Vi racconto una testimonianza che ho avuto la fortuna o la sfortuna di seguire personalmente. Un portaborse di mia conoscenza, durante un congresso nazionale di un partito, alla fine dell’intervento di un Ministro in carica, proferì con discrezione la sotto citata frase N.5. Nel giro di pochi mesi divenne presidente di un “ente inutile” con ottimi emolumenti mensili mentre a suo figlio, giornalista disoccupato, riuscì a far ottenere un posticino in qualità di addetto stampa in un altro ente tutt’ora fallimentare. Mi pento solamente per non aver personalmente applicato il suggerimento a mio favore. Sono 5 consigli, fatene tesoro, imparateli a memoria e non ve ne pentirete. La falsa adulazione paga, l’adulato abbocca e l’adulatore incassa. Sempre.

Frasi ad affetto da imparare a memoria e adoperare con chi si vuole gabbare:

1 = Vista la caratura della sua persona preferirei restare in ombra.

2 = Consideri pure il mio know how a sua completa disposizione.

3 = Il suo alto rispetto della dignità umana, annulla ogni forma ghettizzante.

4 = La sua visione organica, ridefinisce ed evidenzia, esplicitando, una trasparenza metodologica

differenziata.

5 = Il suo ultimo intervento soddisfa in maniera articolata l’applicazione metodologica del

sociale.

cms_724/alberto_da_giussano.jpgConoscendo il loro grado di intelligenza, le difficoltà che incontreranno “lor signori” nell’interpretare il vostro suggerimento sarà inversamente proporzionale alle vostre aspettative. In un sol caso, un seguace di Alberto da Giussano, durante la cerimonia del patto sancito sulle sacre sponde del fiume Po, proferì la frase n.2, ed il suo capo. avendo scambiato il “know how” per una garconnier, ne chiese la chiave dovendola adoperare la sera successiva per un suo incontro galante. “ Ab uno disce omnis “ Virgilio. (“da uno, capisci come sono tutti”)

S.O.S. – tecnica da adoperare solamente in caso di necessità, ossia, sempre!

cms_724/timthumb.jpg

Qualora il vostro referente politico continui a non mantenere le promesse che vi avrebbe fatto passate pure alla concorrenza non dimenticando alcuni utili consigli.Approcciate spudoratamente il “diretto antagonista” del leader a cui eravate legato. Rinnegate il vostro credo, anche a costo di mangiarvi la tessera del partito che avrete ripudiato e accusate il vostro vecchio protettore di essere un ignobile calunniatore. Giurate e spergiurate che la vostra etica non vi permetteva più di sopportare le infamanti insinuazione sulla competenza ed onorabilità degli avversari. Al “boccalone” di turno ditegli così:

-Carissimo...(assessore, sindaco o Onorevole), dopo averla ascoltata con molta attenzione, ho finalmente capito il senso profondo della sua lealtà. Per quanto ci abbia finora separato una divergenza ideologica, non del tutto incolmabile, mi creda non ho mai dubitato del suo alto valore politico universalmente riconosciuto.

Lo vedrete godere come un riccio! Puntando sulla loro onorabilità non si sbaglia mai, visto che molti delinquenti, assassini e mafiosi si proclamano “uomini d’onore”. Provare per credere !

il Grillo Parlante

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su