CIAO NINNI

Ci lascia un insostituibile Amico e collega

1579761527Ninni_di_Lauro.jpg

Si è spento ieri uno dei primi pionieri dell’avventura targata International Web Post, del quale è stato fautore e condirettore, oltre che penna incorreggibile per diversi anni.

Quando ci lascia un amico, spesso il dolore è pari a quello di un familiare.

Un amico, soprattutto se accanto a noi da molti anni, diventa come un fratello, è colui che chiamiamo nei momenti di difficoltà ma anche di gioia, di felicità.

Nessuno di noi avrebbe mai immaginato che questo giorno sarebbe arrivato così all’improvviso e che saremmo stati qui a ricordare insieme la bella persona che sei stato, il tuo coraggio e la tua determinazione, il tuo entusiasmo e la tua forza, la tua grinta e la tua allegria, infine - ma non per importanza - la tua generosità e il tuo altruismo. Nessuno avrebbe mai pensato insomma che saresti diventato un angelo prima di tutti noi e senza avvisarci con i tuoi soliti mesi di anticipo.

cms_15813/71093175_2206809909448772_3082334978495741952_n.jpgUomo d’altri tempi, che ha fatto del giornalismo, della satira, dello spettacolo i punti focali della propria esistenza. Un’esistenza ricca di successi, frutto dell’impegno e del garbo - sempre miscelato con la giusta dose di umorismo ed autoironia - grazie ai quali ha riscosso la stima di tanti lettori e telespettatori. Pur avendo prestato il proprio servizio alla Rai, pur essendo stato autore di sceneggiature e libri di successo, l’umiltà degli esordi non l’ha mai abbandonato. Proprio per questo è stato uno straordinario amico e compagno di avventure per me e per tutti noi, oltre che un grande professionista.

Un amico con il quale ho trascorso moltissimi anni della mia vita, che mi ha aiutato a crescere come Uomo e come professionista, che mi ha visto cadere e aiutato a rialzarmi, insomma è parte di me. Abbiamo discusso e litigato, anche allontanati pur consci di un bene, di un rispetto, di un pensiero che sempre ci avvicinava.

Così, quando lo perdiamo, per sempre, è terribile e vogliamo che il mondo intero sappia quanto è stato importante per noi, chi era, chi era veramente, senza lasciare niente al caso. Senza lasciare che altri parlino di quello che faceva, come si comportava, ma soprattutto vorremmo che tutti sapessero gli aneddoti più divertenti, dolci, quelli che fanno capire quanto importante per noi era quella persona e quanti momenti abbiamo vissuto insieme.

Io e te ne abbiamo avuti tanti mio caro Ninni... non dimenticherò mai i mesi interi trascorsi fuori in giro per la Puglia tra alberghi e rwm... a tavola si scrivevano i testi in albergo si guardava il girato.. Momenti belli e storici che hanno portato all’ estero i nostri manufatti, le nostre idee, il nostro presente a testimonianza di una terra che salutava i suoi figli sparsi nel mondo...

I nostri appuntamenti in rete,che ogni notte, per lunghi 5 anni, dalle 02,30 ci vedevano discutere i pezzi da pubblicare sul nostro giornale...sino alle prime luci dell’alba...il nostro sorridere... le tue battute che riuscivano a tenermi sveglio....

cms_15813/15442168_10208536399147053_1028233379446226665_n_(1).jpg

gli articoli di Ninni

http://www.internationalwebpost.org/contenuti/lista_articoli.php?autore=138#.Xik6LDJKiUl

Ninni, la redazione tutta , ti ricorderà come l’amorevole, saggio e al contempo irriverente “Nonno del giornalismo”, certi che veglierai sul nostro operato dispensando da lassù qualcuno dei tuoi commenti sagaci, facendo sbellicare persino il Paradiso con le tue taglienti ed esilaranti trovate. Resterai nella nostra memoria e ci tornerai davanti agli occhi quando, presi da mille faccende, rammenteremo uno dei tuoi saggi consigli, e torneremo a ricordarci che tutto, nella vita, può essere affrontato con la leggerezza che ti ha sempre contraddistinto…anche la morte, forse...

Ma loro, i ricordi, sono l’arma più potente di tutte: nessuno è in grado di cancellarli e quelli più forti sopravvivono persino al tempo che fugge senza pensare alle vittime che miete. I ricordi sono il ponte tra questa vita e l’eternità che ci aspetta tutti. Questi ricordi sono il nostro bene più prezioso e anche se un giorno ci verrà voglia di abbracciarti e non potremo farlo ci tufferemo proprio in un ricordo, lo rivivremo assieme e allora sarà compiuto un piccolo grande miracolo.

Mi dicevi sempre:” faremo un giornale anche lassù”.

Bene Amico mio, inizia a cercare le nostre “Olivetti Lettera 22” tanto, prima o poi, verrò a cercarti per continuare insieme a scrivere magari… il giornale che abbiamo sempre sognato.

Che la terra ti sia altrettanto lieve caro Amico fraterno e collega

Buon viaggio Ninni, da me e da tutta la redazione del Tuo giornale.

Attilio miani

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App