CAOS A SANREMO NEL FINE SERATA

Morgan e Bugo litigano sul testo del pezzo; intanto la sala stampa mette Diodato in testa alla classifica

CAOS_A_SANREMO_NEL_FINE_SERATA.jpg

È stata una quarta serata preannunciata scoppiettante, ricca di musica e di spettacolo, capace di tenere incollati milioni di telespettatori nonostante le numerose polemiche che hanno visto, nelle scorse ore, protagonisti Fiorello e Tiziano Ferro. Ma la pace è sembrata regnare nuovamente in casa Sanremo sin dall’apparizione dei due frontman sul palco dell’Ariston. Nella girandola delle presentatrici, è stata la volta di Antonella Clerici (di nuovo a Sanremo) e di Francesca Sofia Novello, meglio conosciuta come la fidanzata di Valentino Rossi. La Clerici padrona del palco e molto amata dal pubblico televisivo, ha scherzato con Amadeus prendendolo in giro proprio per alcune sue gaffe. Prima volta in assoluto davanti alle telecamere, invece, per la Novello, che ha rotto subito il ghiaccio, mostrando grande sicurezza al fianco del conduttore e Direttore artistico del Festival.

cms_16042/2.jpg

Una variante immancabile di questa 70esima edizione del festival, è sicuramente la comicità di Fiorello che, “sempre sul pezzo”, è apparso a inizio serata con indosso una vistosa maschera da coniglio (in riferimento al programma tv “Chi è il cantante mascherato), recante al di sotto una parrucca bionda per scimmiottare – nuovamente – Maria De Filippi. Riguardo alle canzoni, Amadeus ha dato il via alle esibizioni delle nuove proposte. Le modalità di voto sono state le seguenti: 34% televoto, 33% giuria demoscopica 33% sala stampa.

cms_16042/3.jpg

Il vincitore delle giovani proposte è Leo Gassmann con la canzone Va bene così, un brano ben interpretato che affronta la tematica dell’accettazione, radicata nelle varie difficoltà della vita odierna. Una scommessa vinta insomma, dopo la partecipazione allo scorso X Factor, da proiettare il giovane cantautore, dopo questo ambito premio, verso palcoscenici importanti. Degno di nota è stato l’altro brano, dei quattro semifinalisti, Billy Blu di Marco Sentieri: molto orecchiabile che ascolteremo presto in tutte le radio, dove si affronta una delle problematiche più difficili della società come il bullismo. Da ricordare anche Tecla con Otto marzo, che si piazza al secondo posto. Il premio della critica Mia Martini, è andato agli Eugenio in Via di Gioia con Tsunami.

cms_16042/4.jpg

Dua Lipa, artista emergente che sta spopolando a livello discografico grazie al brano Dont’ Start Now con ben 6 milioni di copie vendute, è stata l’ospite internazionale della serata sanremese. Presente sul palco dell’Ariston il grande Tony Renis, candidato all’oscar nel 1999 con The Prayer, omaggiato dall’esibizione di Fiorello con il brano Quando, quando, quando, suo cavallo di battaglia del 1962.

cms_16042/5.jpg

Commovente, poi, l’omaggio a Vincenzo Mollica, una penna unica nel suo genere che ha saputo raccontare con grande professionalità tutta la musica italiana e numerosi festival. Da tempo afflitto dal morbo di Parkinson, Mollica, presente in sala al fianco della moglie, si è commosso soprattutto perché, dopo sabato, sarà il suo ultimo festival prima della pensione, considerate, anche, le restrizioni fisiche dovute al Parkinson. A rendergli omaggio, oltre al pubblico in sala, Benigni, Vasco Rossi e Stefania Sandrelli con un video messaggio. Tra gli altri ospiti, il cantautore trap milanese Ghali, mlto amato dalla critica, e Gianna Nannini che, con la sua voce aggressiva ma piena di emozione, ha scaldato il pubblico dell’Ariston, prima con il medley Meravigliosa creatura e Sei nell’anima, per poi passare a Motivo, accompagnata dal giovane Coez.

cms_16042/6.jpg

Riguardo alla gara dei big, le interpretazioni sono state simili a quelle viste e ascoltate nelle scorse serate. Da evidenziare il grande apprezzamento del pubblico per Gabbani, Pelù, Diodato, Tosca e per i Pinguini Tattici Nucleari, accolti da fragorosi applausi. Come in precedenza (ormai quasi scontato), Achille Lauro ha tenuto scena per estrosità e spregiudicatezza con il suo discutibile abbigliamento. Sublime il brano de Le Vibrazioni, che continua a raccogliere molti consensi non solo dal pubblico.

cms_16042/7.jpg

Del tutto inaspettato l’episodio tra Bugo e Morgan, dove il primo ha lasciato inspiegabilmente il palco sotto gli sguardi increduli di Amadeus, Fiorello e Clerici. Una delle ipotesi più accreditate, pare che Morgan abbia deciso di cambiare il testo. Pertanto considerando il regolamento, il duo, non tornando sul palco per riprendere la performance, è stato squalificato. Intervistati da Savino, conduttore de "L’Altro Festival", Le Vibrazioni hanno detto: «Abbiamo visto un po’ di tafferugli... Avevamo appena finito di suonare, nel backstage purtroppo c’era un po’ di... bruttura. Peccato».

Questa la classifica a fine serata:

cms_16042/8.jpg

Appuntamento a stasera per la serata finale, sperando ricca di sorprese e tanto intrattenimento.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App