Boom di presenze al Festival “Fatti di storie” 2019

Più di 800 spettatori nelle manifestazioni dedicate alla cultura

Boom_di_presenze_al_Festival__Fatti_di_storie__2019.jpg

Oltre 800 persone hanno partecipato al Festival “Fatti di storie” 2019, tenutosi dal 28 al 30 giugno scorso. Una quarta edizione segnata dunque da un grande successo, che gli organizzazioni colgono con grande orgoglio e spinta a migliorare ulteriormente.

In quattro giorni si sono tenuti ben sei eventi, colmi di emozioni, incontri, spettacoli, riflessioni per interrogarsi sul presente e costruire il futuro.

cms_13368/2.jpg

La prima giornata si è aperta con una suggestiva anteprima nel centro storico della città, proseguita con una vera e propria “staffetta poetica” - intitolata “Canti per la vita quotidiana. A cosa serve la poesia” - che ha coinvolto in prima persona il pubblico. Hanno presenziato alla manifestazione Gigi Gherzi e Giuseppe Semeraro, attori e scrittori, insieme al musicista Andrea Manghisi, che ha guidato i presenti attraverso le viuzze del borgo antico, fra le 4 tappe in cui si è svolto il reading.

Il weekend successivo è stata la volta di Maria Antonietta, giovane cantautrice marchigiana che ha tenuto un reading-concerto, "Sette ragazze imperdonabili", incantando letteralmente il pubblico e deliziandolo con un firmacopie finale dell’omonimo libro.

La serata del 29 giugno ha avuto inizio con una conversazione su "Etica, cultura, economia: l’utopia possibile. Esperienze a confronto " che ha visto Fabio Brescacin - Presidente di EcorNaturaSì, Aldo Patruno – Direttore Dipartimento Turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio della Regione Puglia, Vincenzo Netti per Essenze di Puglia e Marco Notarnicola per XFarm agricoltura sociale alternarsi su una serie di spunti e suggestioni, che hanno fortemente coinvolto ed interessato il pubblico presente.

cms_13368/3.jpg

A seguire la proiezione del film “Un giorno all’improvviso”, con Anna Foglietta e Giampiero De Concilio, per la regia di Ciro D’Emilio sul rapporto profondo tra madre e figlio.

Infine, è intervenuto Gianluca Scarpa, montatore del film, il quale ha saputo divertire gli spettatori svelando piccoli segreti e retroscena delle riprese.

La serata conclusiva ha visto protagonisti Davide Enia e Giulio Barocchieri con lo spettacolo intitolato “L’abisso”, messo in scena al Macello di Putignano ed arricchito con le musiche composte ed interpretate da Barocchieri.

In un clima di convivialità si è conclusa anche questa edizione del festival, accompagnata tutte le sere dalle selezioni musicali di Jenny Giudetti.

Massimo Favia

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su