Aziende pronte ad assumere (Altre News)

Cantiere pensioni, domani focus giovani, per sindacati assegni da 1000 euro - Digitale terrestre, "in arrivo stangata per gli italiani"

ECONOMIA_3_2_20.jpg

Aziende pronte ad assumere

E’ quanto emerge dall’indagine sui trend del mercato del lavoro 2020 condotta da InfoJobs

cms_15965/lavoro_giovani_ftg.jpg

Le aziende italiane nel 2019 sembrano aver ritrovato la fiducia necessaria a guardare al futuro, puntando parallelamente sulla formazione dei propri dipendenti e su nuove assunzioni. E il trend positivo sembra proseguire anche nel 2020, non solo in termini di assunzioni previste, ma anche di investimento nel capitale umano in generale.

Questo è quanto emerge dall’indagine sui trend del mercato del lavoro 2020 condotta da InfoJobs, piattaforma di recruiting online numero 1 in Italia, su un campione rappresentativo di aziende iscritte al portale, che non solo ha evidenziato come nel 2019 il numero delle aziende iscritte alla piattaforma che hanno inserito nuove risorse sia cresciuto del 13% rispetto all’anno precedente, ma ha anche delineato i trend più rilevanti che influenzeranno il mercato del lavoro nel corso del 2020.

Secondo l’indagine InfoJobs, le previsioni per l’anno appena iniziato sono positive: le aziende si dichiarano in gran parte pronte ad assumere nuove risorse in numero limitato (58%), mentre un importante 23% ha in piano addirittura di inserire in modo sostanzioso nuove figure, essenzialmente perché fiducioso alla prospettiva di una ripresa del proprio settore. Le più ottimiste, in particolare, sembrano essere le medie aziende tra i 250 e i 500 dipendenti, che assumeranno in maniera consistente nel 66% dei casi.

Nell’analisi dei trend Hr più rilevanti che influenzeranno il mercato del lavoro nel 2020 è emerso, spiega la ricerca di Infojobs, come le aziende siano sempre più orientate a una visione human-centric, sia dal punto di vista della formazione dei talenti già presenti in azienda, sia della possibilità di sfruttare la crescita digitale e gli sviluppi tecnologici a servizio dell’uomo. Per il 32% delle aziende il trend più marcato che emergerà quest’anno è infatti quello di utilizzare al meglio il digitale per valorizzare il capitale umano, rendendolo un mezzo con cui raggiungere in maniera efficace e agile i risultati, liberando tempo per attività ad alto valore aggiunto dove la componente umana fa e farà sempre la differenza.

Segue per il 27% delle aziende, l’intenzione di puntare su una formazione continua lavorando parallelamente su upskilling e reskilling; per il 20,5% la centralità degli obiettivi rispetto al ’cartellino’, dove fiducia e responsabilità si sostituiscono sempre più a controllo e gerarchia. L’employer branding, trend di punta del 2019, arriva solo al quarto posto con un 14%, segno probabilmente di un consolidamento dell’importanza della reputazione come leva per ’farsi scegliere’ dai migliori talenti, che non è più un trend ma una realtà.

Infine, con un piccolo ma significativo 6,5%, troviamo l’importanza di fare cultura d’impresa: un segnale debole, che arriva soprattutto dalle grandi aziende, e che rileva un trend che sta emergendo non solo lato HR, ovvero la centralità del ’purpose’ per un’azienda, e l’importanza di creare una comunità dentro e fuori di essa che aderisca ai suoi valori e scopi più profondi.

"Ci troviamo ad affrontare uno scenario lavorativo altamente competitivo, incerto, in continua evoluzione. Sapersi distinguere ed essere in grado di affrontare i cambiamenti in maniera agile diventa quindi fondamentale, ed è qui che entra in gioco il capitale umano, con le persone e le loro competenze al centro della scena", commenta Filippo Saini, head of job di InfoJobs.

"Quello che le nostre aziende ci descrivono è un 2020 dove l’uomo ritorna protagonista, dove le risorse umane sono l’asset primario e la tecnologia il mezzo che permette di sceglierle, formarle e nutrirle costantemente, per creare un ecosistema in cui a ogni livello vengono condivisi valori e obiettivi comuni, premessa fondante di una vera ed efficace organizzazione liquida, per aumentare l’engagement dei dipendenti e per attrarre nuovi talenti. Stiamo assistendo alla nascita di un nuovo tipo di azienda, più umanizzata e purpose driven, in cui lo scopo per cui si fa business diventerà sempre più rilevante per il business stesso", conclude Saini.

Cantiere pensioni, domani focus giovani, per sindacati assegni da 1000 euro

cms_15965/INPS_pensione_ftg.jpg

Si apre oggi il primo dei tavoli operativi sulla riforma delle pensioni post Fornero a cui lavoreranno governo e sindacati in vista della prossima legge di bilancio: si occuperà della pensione contributiva di garanzia per i giovani per cercare di assicurare loro "assegni dignitosi" con cui lasciarsi alle spalle carriere discontinue, precariato e lavori mal pagati. Un dossier che vede un intento comune tra il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo e Cgil, Cisl Uil ma la partita non è semplice.

Il nodo è e resta quello dell’equità dell’intervento che escluda l’uso di qualsiasi strumento assistenziale e basi il ’ricalcolo’ delle pensioni di chi ha iniziato a lavorare dopo il 1996, dunque con un regime totalmente contributivo, sul numero di anni di presenza sul mercato del lavoro e di contributi effettivamente versati ma valorizzando non solo i periodi di discontinuità lavorativa, ma anche quelli dedicati alla formazione, al lavoro di cura familiare e riconoscendo valore anche ai periodi di basse retribuzioni.

L’obiettivo, spiegano i sindacati alla vigilia dell’incontro, è quello di garantire ad un giovane entrato nel mondo del lavoro dopo il ’96 un assegno commisurato sì ai contributi versati ma integrato, ad esempio, da una contribuzione figurativa con cui potrà scegliere dai 62 anni in poi se e quando andare in pensione considerando che con 40 anni di permanenza attiva, seppur precaria, nel mercato del lavoro, il ricalcolo dovrebbe assicurare un assegno di pensione da almeno 1.000 euro al mese.

Ipotesi queste comunque ancora tutte da verificare così come il nodo risorse, il più ostico che sarà affrontato soltanto al termine del confronto. I sindacati chiederanno però che parte di quanto previsto per i giovani sia finanziato anche dalla fiscalità generale come per il Reddito di cittadinanza.

Grande attenzione comunque all’equità dell’intervento: "per noi è importante che la soluzione individuata tenga insieme una risposta ai giovani con un’equità complessiva del sistema: un risultato difficile da raggiungere ma sicuramente possibile se si lavora a testa bassa"dicono ad una sola voce i segretari confederali di Cgil e Uil, Roberto Ghiselli e Domenico Proietti .

Proposte e simulazioni al via quindi che dovranno anche superare il vaglio della Commissione di esperti, al suo debutto domani, a cui il Ministro del Lavoro, Catalfo, ha attribuito un compito a vasto raggio; oltre alla valutazione dell’impatto delle proposte elaborate ai tavoli anche l’individuazione delle linee di indirizzo e di interventi di riforma del sistema pensionistico.

Digitale terrestre, "in arrivo stangata per gli italiani"

cms_15965/Telecomando_ftg_16_foto_corretta.jpg

Si profila una stangata per i cittadini italiani: entro il 2022, infatti, cambierà il segnale di ricezione dei canali televisivi e si concluderà il passaggio dall’attuale digitale terrestre al nuovo standard denominato DVB-T2. Un passaggio non indolore per le famiglie che dovranno cambiare televisore o decoder.

La denuncia arriva dal Codacons che ricorda come in base ad una stima elaborata saranno circa 10 milioni i televisori che risulteranno a quella data obsoleti e non in grado di ricevere il nuovo segnale. Si imporrà dunque o un nuovo televisore o di un nuovo decoder il che darà vita ad una stangata per l’acquisto di un nuovo modello o dell’apposito decoder, già in vendita presso i negozi specializzati, il cui prezzo varia dai 30 ai 250 euro.

Le prime a partire, da settembre 2021, Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e le province di Trento e Bolzano per proseguire a scaglioni entro il 2022 con le altre regioni. .

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App