A Salerno, incontro all’insegna della poesia con gli autori Mariano Ciarletta e Angelo Giubileo

incontro_con_Mariano_Ciarletta_e_Angelo_Giubileo_.jpg

Mariano Ciarletta e Angelo Giubileo, due autori della casa editrice Paguro Edizioni, presenteranno il prossimo mercoledì 11 ottobre i loro ultimi libri all’Eco bistrot di Salerno.

Ecco le sinossi delle due raccolte poetiche:

“Come radice” di Mariano Ciarletta

cms_7381/2.jpg

Nella silloge poetica “Come radice”, l’autore mette in evidenza uno dei temi essenziali per l’umanità: l’attaccamento alla vita. Come le radici sono radicate nel terreno, così l’essere umano cerca di fuggire alle tempeste della vita cercando, attraverso dei percorsi di ricerca interiore, di rimanere saldo a quest’ultima. L’impresa è ardua, tanto da spingere l’autore, attraverso i componimenti che caratterizzano la raccolta, a definirsi come divelta radice, un chiaro riferimento al binomio estraneità – appartenenza alle strade della vita. I temi che si alternano nell’opera sono numerosi: la sofferenza interiore, l’arduo cammino di conoscenza del proprio animo, il rifiuto della violenza, la presa di coscienza delle fragilità umane e infine la gioia ritrovata nel vivere una vita con tutti i suoi impervi sentieri.

“Il grande Pan è vivo” di Angelo Giubileo

cms_7381/3.jpgL’Autore magnifica la vita “verace e vivace” di Väinämöinen, che attraversa il ciclo ripetitivo delle stagioni. La stessa vita di sempre, gettata “negli abissi del mare, fino alle porte della gran bocca della morte”, che tutto inghiotte e in cui, giunto alla fine della sua vita, il “vecchio” Väinämöinen decide di tuffarsi.

Alla memoria di Giorgio de Santillana (Roma 1902- Beverly 1974).

“Il grande Pan è vivo” di Angelo Giubileo è una raccolta poetica in cui si riscopre un viaggio filosofico in versi con l’autore che mescola icone classiche e pop, pensieri che portano il lettore a riflettere sul senso della vita.

L’incontro sarà moderato dall’editore Michele Citro. Per gli amanti di libri si prospetta una grande serata all’insegna della poesia e, soprattutto, delle emozioni…

Enrico Marotta

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su