"ALFABESTORIA. UNA STORIA CHE SEMBRA UNA FAVOLA"

Di Costanza Bondi - collana letteraria WOMEN@WORK

10437195_650628828345853_1376731996_n.jpg

"AlfabeStoria. Una storia che sembra una favola" di Costanza Bondi - collana letteraria WOMEN@WORK - è l’interessante tentativo di raccogliere informazioni, aneddoti, curiosità e genesi, senza fine didattico alcuno, di una storia tanto affascinante, quanto ai più sconosciuta, che accompagna l’uomo sin dagli albori della sua comparsa sul pianeta Terra: l’alfabeto.

cms_779/1375920_519367938138610_1245767269_n.jpgLa scrittura è l’atto, la tecnica o il sistema con cui si tracciano sulla carta oggi, e si tracciavano su altre superfici una volta (l’argilla o il papiro, per esempio), segni grafici convenzionali che rappresentano le parole e quindi il contenuto di un concetto. Lo stesso dicasi per chi, nei tempi odierni, scrive digitando suddetti segni su una tastiera. Da ciò è nato il desiderio di raccogliere alcune informazioni, squisitamente narrative, con lo scopo di dare "un’infarinata" generale a chi si voglia levare la curiosità di venire a conoscenza del "perché" e del "per come" si utilizzino determinati segni grafici per indicare una lettera precisa dell’alfabeto, e non un’altra. Sta di fatto che anche il segno o la traccia più semplice non esiste mai per caso, racchiudendo al contrario un significato intrinseco, anche quando chi osserva - e quindi legge - non lo percepisca nell’immediato.

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su