“THIS IS IT” DIECI ANNI DOPO

In ricordo di Michael Kackson

In_ricordo_di_Michael_Kackson.jpg

Il 25 giugno 2009 è la data in cui la storia della musica Pop cambiò per sempre: se ne andava Michael Jackson, l’artista di maggior successo commerciale di tutti i tempi. Pochi mesi più tardi, il 27 ottobre, tutti i suoi fan e non acquistavano il documentario inedito “This Is It”. Tradotto letteralmente, il titolo significa “questo è tutto”. Un titolo un po’ meta-musicale, ma sicuramente non casuale. Jacko, infatti, pochi giorni prima di morire, aveva annunciato il suo ritiro dai palcoscenici. Un ritiro in grande stile: aveva programmato ben 50 concerti a Londra, all’O2 Arena. Cosa non è più stato e avrebbe potuto essere è narrato nel documentario musicale col maggior incasso di sempre. Vi è di tutto: il racconto delle ultime settimane di vita di Jackson, le prove, i backstage e le interviste a collaboratori, musicisti e coreografi. La scaletta delle canzoni era stata concepita come una vera e propria “greatest hits”, una raccolta dei brani più famosi.

cms_14527/2.jpg

Partendo da Wanna Be Starting Something, passando attraverso successi immortali come They Don’t Care About Us, Smooth Criminal, The Way You Make Me Feel e I Just Can’t Stop Loving You senza dimenticare capolavori come Black Or White, Man In The Mirror e Heal The World. L’artista non aveva dimenticato il periodo d’oro con i Jackson 5 e aveva inserito sia I Want You Back che I’ll Be There. Ovviamente all’appello non possono mancare i singoli estratti dall’album “Thriller”, il più venduto di tutti i tempi: oltre la canzone che da il titolo dal disco, ci sono Human Nature, Beat It e Billie Jean. Pezzi intramontabili, capaci di attraversare e unire più generazioni. Un decennio dopo, durante il quale il ricordo del King of Pop non si è mai spento, arriva un nuovo pezzo da collezione: dall’11 dicembre sarà disponibile una nuova edizione, più speciale che mai, di “This Is It”; comprenderà un Blu-Ray del docufilm in 3D, quattro LP traslucidi in vinile, un libro commemorativo di 60 pagine con foto inedite e il biglietto per il concerto che non ci fu mai. In un modo o nell’altro Michael Jackson torna sempre, in barba a chi cerca di screditarlo con tutti i propri mezzi, e lo fa con il carisma che l’ha sempre contraddistinto e che si può percepire anche dalle parole che aprono il film. ‹‹E’ un’avventura. È una grande avventura. Vogliamo portarli in posti che non hanno mai visto prima. Vogliamo mostrare loro il talento come non lo hanno mai visto prima››. Ci sei riuscito, Jacko. Come sempre, d’altronde.

Francesco Bulzis

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su